Re­du­ce­ta­ria­no

[rè-du-ce-ta-rià-no] agg. e s. m. (pl. re­du­ce­ta­ria­ni)

Vanity Fair (Italy) - - WEEK -

È co­lui che «ca­de in ten­ta­zio­ne» da­van­ti a una bi­stec­ca o una fet­ta di cru­do, ma aspi­ra a es­se­re ve­ge­ta­ria­no. Il mes­sag­gio di Brian Ka­te­man, gui­da spi­ri­tua­le dei re­du­ce­ta­ria­ni, si ba­sa quin­di sul «ri­dur­re» il con­su­mo di car­ne. L’ap­proc­cio di Ka­te­man è pra­ti­co: l’al­le­va­men­to in­ten­si­vo è tra le pri­me cau­se del riscaldamento glo­ba­le, e il con­su­mo ec­ces­si­vo di car­ne può au­men­ta­re il ri­schio di tu­mo­re, ma­lat­tie car­dia­che e obe­si­tà. So­prat­tut­to, di­ce, la po­po­la­zio­ne mon­dia­le sfio­re­rà i 10 mi­liar­di en­tro il 2050, trop­pi, per es­se­re sfa­ma­ti dal­la car­ne. Me­glio, in­som­ma, di­ven­ta­re re­du­ce­ta­ria­ni og­gi per scel­ta, che do­ma­ni per for­za.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.