LA VE­RA ROCK­STAR È CORBYN

Vanity Fair (Italy) - - PORTFPOLIO - v.co.

Nel­la sto­ria di Gla­ston­bu­ry, l’edi­zio­ne 2017 che si è chiu­sa il 25 giu­gno sa­rà ri­cor­da­ta co­me quel­la sen­za piog­gia: per una vol­ta non si è co­sì vi­sto il fa­mo­so fan­go sui pra­ti della Wor­thy Farm di Pil­ton, nel So­mer­set, al leg­gen­da­rio fe­sti­val rock che apre la sta­gio­ne dei gran­di even­ti mu­si­ca­li esti­vi. Un pub­bli­co di ol­tre 150 mi­la per­so­ne (tan­ti, ma il 1° lu­glio Va­sco da so­lo al Mo­de­na Park ha bat­tu­to tut­ti con un re­cord mon­dia­le di 220 mi­la spet­ta­to­ri pa­gan­ti, più 5 mi­lio­ni e mez­zo da­van­ti a Ra­iu­no) per una li­ne-up di gran­di no­mi: Ra­dio­head in aper­tu­ra, a chiu­de­re Ed Shee­ran; in mez­zo, star co­me Ka­ty Per­ry e i Foo Fighters, e tra gli ospi­ti qual­che ce­le­bri­ty co­me Johnny Depp e Bradley Coo­per. Ac­co­glien­za da rock­star an­che per il lea­der la­bu­ri­sta Je­re­my Corbyn. Il pros­si­mo an­no il fe­sti­val si pren­de­rà una pau­sa: il ter­re­no della fat­to­ria (in at­ti­vi­tà) deve «ri­po­sa­re». Se ne ri­par­la nel 2019.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.