Quan­to è com­pli­ca­to il ma­tri­mo­nio

Le ori­gi­ni «po­ve­ris­si­me» in Ar­kan­sas. Poi il suc­ces­so con i Gos­sip, la band che l’ha re­sa ico­na glo­ba­le. La fa­ma, le co­per­ti­ne, la bat­ta­glia per le noz­ze gay, l’ami­ci­zia con Kate Moss. Og­gi, 18 an­ni do­po il de­but­to, BETH DITTO è spo­sa­ta con una don­na e la

Vanity Fair (Italy) - - VANITY ATTIVISTA - di SI­MO­NA SIRI fo­to MA­RY McCARTNEY

Di tut­te le fo­to­gra­fie che la ri­trag­go­no ce n’è una che spie­ga be­nis­si­mo che co­sa fos­se di­ven­ta­ta Beth Ditto die­ci an­ni fa, qua­le li­vel­lo di po­po­la­ri­tà, so­prat­tut­to in Eu­ro­pa, aves­se rag­giun­to. È una fo­to scat­ta­ta da un pa­pa­raz­zo nell’apri­le del 2007, per stra­da, a Lon­dra, di lei e Kate Moss che cam­mi­na­no ab­brac­cia­te. Kate ha jeans ne­ri e una ma­glia ar­gen­ta­ta. Beth ha una ma­gliet­ta blu con la fac­cia della re­gi­na, cal­ze ro­sa shoc­king, scar­pe gial­le e una bor­sa ver­de. Le scor­ri­ban­de e l’ami­ci­zia con Kate Moss fu­ro­no, all’epo­ca, il pri­mo tas­sel­lo dell’asce­sa di Beth a ico­na glo­ba­le, ca­pa­ce di spin­ger­si ben ol­tre i con­fi­ni mu­si­ca­li di­se­gna­ti dal pur no­te­vo­le suc­ces­so della sua band, i Gos­sip. Do­po ci fu­ro­no la co­per­ti­na del ma­ga­zi­ne Love (quel­la do­ve era tut­ta nu­da con in te­sta una par­ruc­ca ros­sa), la sfi­la­ta per Jean-Paul Gaul­tier e per Marc Ja­cobs, la pri­ma fi­la ai dé­fi­lé di Stel­la McCartney, le fo­to con Karl La­ger­feld, la crea­zio­ne di una li­nea di mo­da. Non ma­le per una ra­gaz­za punk e gay dell’Ar­kan­sas, na­ta e cre­sciu­ta in una fa­mi­glia co­sì po­ve­ra che «l’uni­ca car­ne che po­te­va­mo per­met­ter­ci era quel­la di sco­iat­to­lo», di­ven­ta­ta suo mal­gra­do la don­na-po­ster dei di­rit­ti di omo­ses­sua­li e trans e di chiun­que non si ri­co­no­sces­se in idea­li este­ti­ci e so­cia­li pre­con­fe­zio­na­ti. Di­ciot­to an­ni do­po la na­sci­ta dei Gos­sip in quel di Olym­pia, Wa­shing­ton, cul­la del punk

rock fem­mi­ni­le, e un­di­ci do­po l’esplo­sio­ne del sin­go­lo Stan­ding in the Way of Con­trol, ve­ro e pro­prio in­no di pro­te­sta, Beth Ditto si ri­tro­va per la pri­ma vol­ta al­le prese con un di­sco da solista, Fa­ke Su­gar, e con una nuova vi­ta da spo­sa­ta, do­po il ma­tri­mo­nio del 2013 con Kri­stin Oga­ta.

I Gos­sip si so­no sciol­ti l’an­no scor­so, do­po 17 an­ni. È sta­to do­lo­ro­so? «Spes­so quan­do ci si se­pa­ra è per­ché ci si era già la­scia­ti da tem­po, so­lo che nes­su­no ave­va il co­rag­gio di am­met­ter­lo o di dir­lo all’al­tro. D’al­tron­de era ine­vi­ta­bi­le: era­va­mo e sia­mo in pun­ti di­ver­si della no­stra vi­ta, ab­bia­mo pre­so di­re­zio­ni co­sì di­ver­se che so­no di­ven­ta­te in­con­ci­lia­bi­li. Na­than (Ho­w­de­shell, chi­tar­ri­sta e fon­da­to­re con lei della band, ndr) ha de­ci­so di tor­na­re a vi­ve­re in una fat­to­ria dell’Ar­kan­sas e si è riav­vi­ci­na­to alla re­li­gio­ne, tan­to che è di­ven­ta­to un “born again Ch­ri­stian”. Pra­ti­ca­men­te è tor­na­to alla vi­ta da cui io so­no scap­pa­ta e a cui non tor­ne­rei mai». Co­me de­scri­ve­reb­be Fa­ke Su­gar? «È un di­sco per nien­te cool. Nel sen­so che non ap­par­tie­ne a nes­sun ge­ne­re e non si ri­vol­ge a nes­su­no in par­ti­co­la­re. L’ho fat­to pen­san­do so­lo a co­sa mi ren­de fe­li­ce». È un di­sco me­no ar­rab­bia­to? E se sì, è per­ché è dif­fi­ci­le ri­ma­ne­re punk quan­do si in­vec­chia? «Ah, ma io ades­so so­no mol­to arrabbiata, mol­to. Pe­rò sì, il di­sco è de­ci­sa­men­te me­no ar­rab­bia­to per il sem­pli­ce mo­ti­vo che è sta­to fi­ni­to pri­ma del­le ele­zio­ni pre­si­den­zia­li. Se la scrit­tu­ra si fos­se pro­lun­ga­ta an­che do­po, so­no si­cu­ra che il to­no sa­reb­be sta­to di­ver­so e par­te di que­sta rab­bia at­tua­le sa­reb­be sta­ta pre­sen­te, co­me sa­reb­be sta­ta pre­sen­te una chia­ma­ta col­let­ti­va all’uni­tà e all’amo­re, al­lo sta­re in­sie­me in no­me della di­fe­sa di cer­ti di­rit­ti. Sì, sa­reb­be si­cu­ra­men­te sta­to un di­sco più si­mi­le a quel­li di quan­do ero più gio­va­ne. Da un cer­to pun­to di vi­sta so­no con­ten­ta che Trump non lo ab­bia in­fluen­za­to e che io sia riu­sci­ta a scri­ve­re di amo­re e di pro­ble­mi per­so­na­li». Que­sta am­mi­ni­stra­zio­ne ha il me­ri­to di aver ri­por­ta­to la gen­te all’im­pe­gno so­cia­le, alla pro­te­sta. Che ef­fet­to le fa, an­che pen­san­do che Stan­ding in the Way of Con­trol è sta­ta com­po­sta nel 2006 pro­prio co­me in­no di pro­te­sta con­tro un senatore re­pub­bli­ca­no che si op­po­ne­va ai ma­tri­mo­ni gay? «L’in­se­gna­men­to è che non im­por­ta la tua re­li­gio­ne o il tuo orien­ta­men­to ses­sua­le, quello che im­por­ta è ri­ma­ne­re vi­gi­li. For­se in que­sti an­ni ci sia­mo un po’ la­scia­ti an­da­re, ab­bia­mo da­to per scontate cer­te bat­ta­glie. Og­gi non pos­sia­mo più per­met­ter­ci que­sto lus­so e so­no con­ten­ta di ve­de­re in­tor­no a me un ve­ro e pro­prio ri­sve­glio. Dob­bia­mo far­ci ve­de­re, usci­re al­lo sco­per­to, non di­strar­ci. Io ho spe­ran­za, an­che se de­vo am­met­te­re che mi ca­pi­ta sem­pre più spes­so du­ran­te la gior­na­ta di fer­mar­mi a chie­der­mi il per­ché di tan­ta rab­bia che ho den­tro e poi, do­po un se­con­do, ri­cor­dar­mi di quello che stia­mo vi­ven­do e di­re a me stes­sa: cer­to, ov­vio che so­no arrabbiata! Ho mol­te ami­che che stan­no fa­cen­do co­se me­ra­vi­glio­se in ter­mi­ni di at­ti­vi­smo. Ecco, tutto que­sto è bel­lis­si­mo. Dob­bia­mo re­sta­re mo­ti­va­ti, re­si­ste­re». Qual è la co­sa che in que­sto mo­men­to la fa più ar­rab­bia­re? «Che di­rit­ti che si da­va­no per ac­qui­si­ti pos­sa­no es­se­re re­vo­ca­ti. C’è dav­ve­ro qual­cu­no che pen­sa che il di­rit­to all’as­si­sten­za sa­ni­ta­ria non deb­ba es­se­re per tut­ti? È una co­sa as­sur­da». Non lo di­ca a me, che so­no eu­ro­pea. «È for­se il pro­ble­ma più evi­den­te di que­sto Pae­se: gli Sta­ti Uni­ti so­no co­sì gran­di che spes­so la gen­te si di­men­ti­ca che là fuo­ri c’è un mon­do an­co­ra più gran­de, un mon­do che spes­so ha da in­se­gnar­ci». Co­me pro­ce­de la vi­ta da spo­sa­ta? «Be­ne, es­se­re spo­sa­ta mi pia­ce, mi pia­ce l’idea di co­strui­re qual­co­sa con un’al­tra per­so­na, ma non na­scon­do che sia an­che com­pli­ca­to, per­ché si trat­ta di navigare e met­te­re d’ac­cor­do due per­so­na­li­tà di­ver­se». Es­se­re in due com­pli­ca il la­vo­ro crea­ti­vo? «Di­rei che al con­tra­rio lo fa­vo­ri­sce. Es­se­re spo­sa­ta mi ha per­mes­so di es­se­re mol­to più in­tro­spet­ti­va: sic­co­me non vo­le­vo ri­ver­sa­re su mia mo­glie cer­ti pen­sie­ri bui, ho fi­ni­to per col­ti­var­li den­tro di me, la­scian­do­li poi ve­ni­re fuo­ri in for­ma di flus­so di co­scien­za quan­do è ve­nu­to il mo­men­to di scri­ve­re e comporre. Va­lu­tan­do­lo in re­tro­spet­ti­va, non c’è dub­bio che il di­sco par­li an­che mol­to del­le mie in­si­cu­rez­ze, di co­sa vo­glia di­re mo­strar­si vul­ne­ra­bi­le di fronte a qual­cu­no». Die­ci an­ni fa c’era so­lo lei a rap­pre­sen­ta­re le ra­gaz­ze cur­vy. Og­gi so­no mol­te di più. Si sen­te una pio­nie­ra? «Pio­nie­ra non so, ma di si­cu­ro mi so­no sen­ti­ta mol­to so­la all’epo­ca, per­ché non c’era nes­sun’al­tra. Og­gi la mo­da è cam­bia­ta: al­cu­ni brand han­no ca­pi­to quan­to gran­de sia il mer­ca­to del­le don­ne so­vrap­pe­so. Vi­via­mo in una so­cie­tà ca­pi­ta­li­sti­ca e quin­di il mo­to­re al cam­bia­men­to è ed è sta­to an­che eco­no­mi­co: per­ché alie­nar­si una co­sì gran­de fet­ta di ac­qui­ren­ti quan­do ba­ste­reb­be of­fri­re an­che ta­glie più gran­di?». Si è mai sen­ti­ta ad­dos­so la re­spon­sa­bi­li­tà di es­se­re non so­lo una mu­sa del mon­do cur­vy, ma an­che di quello gay e trans? «Non mi so­no mai sen­ti­ta una mu­sa, ma so di ave­re un do­ve­re nei con­fron­ti del­le ra­gaz­ze più gio­va­ni e di chi è ve­nu­to pri­ma di me e mi ha per­mes­so di es­se­re qua og­gi a par­la­re di cer­te co­se. In­ten­do mia ma­dre, ma an­che Pat­ti Smi­th e Alan Ve­ga (vo­ce dei Sui­ci­de ne­gli an­ni ’70 e ’80, a cui è de­di­ca­ta una can­zo­ne del di­sco, ndr). Sen­to che è mia re­spon­sa­bi­li­tà te­ne­re ac­ce­sa la fiam­ma. Ed è un ono­re». Da ra­gaz­za po­ve­ra dell’Ar­kan­sas lei a un cer­to pun­to è di­ven­ta­ta una ce­le­bri­ty ami­ca di Kate Moss. «Que­gli an­ni so­no sta­ti bel­li ma sur­rea­li. Det­to que­sto, Kate è una del­le per­so­ne più rock’n’roll che co­no­sca e l’ami­ci­zia con lei mi ha in­se­gna­to tan­to: per esem­pio ho ca­pi­to che nei con­fron­ti del­le ra­gaz­ze ma­gre spes­so si met­to­no in at­to gli stessi mec­ca­ni­smi di “bo­dy sha­ming” (la pra­ti­ca di spin­ge­re una per­so­na a pro­va­re ver­go­gna per il pro­prio cor­po, ndr) che la gen­te ha nei con­fron­ti del­le ra­gaz­ze gras­se. E que­sto mi ha dav­ve­ro aper­to gli oc­chi».

«IN QUE­STI AN­NI AB­BIA­MO DA­TO PER SCONTATE CER­TE BAT­TA­GLIE. OG­GI DOB­BIA­MO ES­SE­RE VI­GI­LI. VE­DO IN­TOR­NO A ME UN VE­RO RI­SVE­GLIO»

UNI­CA CHAN­CE La co­per­ti­na di Fa­ke Su­gar di Beth Ditto. Il 30 set­tem­bre è in pro­gram­ma il suo con­cer­to al Fa­bri­que di Mi­la­no, uni­ca da­ta ita­lia­na del tour.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.