Gli ul­ti­mi re di Pa­ri­gi

Sofia Cop­po­la, il Fren­ch tou­ch, gli an­ni ’90, quan­do la lo­ro cit­tà era «co­me la Lon­dra dei Ses­san­ta». Og­gi che tor­na­no in tour in Ita­lia, gli AIR ci rac­con­ta­no quel mo­men­to ma­gi­co. No­stal­gia? C’est la vie

Vanity Fair (Italy) - - CARPE DIEM - di FERDINANDO COTUGNO

Agli Air ne­gli ul­ti­mi an­ni so­no suc­ces­se due co­se. La pri­ma è che han­no smes­so di crea­re mu­si­ca nuova, la se­con­da è che han­no fat­to pa­ce con quel­la che han­no crea­to in pas­sa­to. «Ab­bia­mo co­min­cia­to a suo­na­re le can­zo­ni co­me so­no ne­gli al­bum. Nei pri­mi tour, ci sfor­za­va­mo di cam­biar­le dal vi­vo. Ora ac­cet­tia­mo il fat­to che il pub­bli­co ha bi­so­gno di sen­tir­le co­sì co­me ha im­pa­ra­to ad amar­le», spie­ga Ni­co­las Go­din al telefono da San Fran­ci­sco. Il duo elet­tro­ni­co fran­ce­se è im­pe­gna­to nel pri­mo tour ame­ri­ca­no do­po set­te an­ni. E que­sta estate Go­din e Jean-Be­noît Dunc­kel so­no in Ita­lia: il 20 lu­glio a Se­sto al Re­ghe­na (Por­de­no­ne), il 22 a Ni­co­lo­si (Ca­ta­nia) e il 24 al Tea­tro Ro­ma­no di Ostia An­ti­ca. Suo­ne­ran­no le can­zo­ni del Fren­ch tou­ch an­ni ’90, che ave­va re­so Pa­ri­gi la cit­tà mu­si­cal­men­te più cool d’Eu­ro­pa. Vi­ve­te an­co­ra lì? Com’è cam­bia­ta? «Ho bi­so­gno di vi­ve­re a Pa­ri­gi, lì ci so­no tut­ti i miei ri­sto­ran­ti pre­fe­ri­ti. Ne­gli an­ni No­van­ta era di­ver­sa, era­va­mo una co­mu­ni­tà, co­me la Lon­dra de­gli an­ni Ses­san­ta: usci­va­mo ogni se­ra, tut­ti fa­ce­va­no mu­si­ca, i gior­na­li­sti in­gle­si ve­ni­va­no a ve­de­re co­sa sta­va suc­ce­den­do, uno di quei mo­men­ti magici in cui ti sen­ti par­te di qual­co­sa più gran­de di te». E poi? «E poi le sce­ne si spo­sta­no, la mu­si­ca viag­gia. Og­gi con i Daft Punk ne par­lia­mo an­co­ra, ci sen­tia­mo dei ve­te­ra­ni, con­ti­nuia­mo a par­la­re di que­gli an­ni, pro­prio co­me chi ha com­bat­tu­to una guer­ra in­sie­me».

Era­va­te in guer­ra an­che tra voi, co­me Blur e Oa­sis a Lon­dra? «Ma no, c’era com­pe­ti­zio­ne, ma non ten­sio­ne. Ai Daft Punk ho in­vi­dia­to una so­la co­sa: le ma­sche­re». Pre­go? «Le ma­sche­re! È sta­ta un’idea bril­lan­te, quel­la di na­scon­der­si, so­no sem­pre sta­ti ra­gaz­zi sve­gli, quel­li». An­che lei avreb­be vo­lu­to na­scon­der­si? «Sia­mo sem­pre sta­ti ani­ma­li da stu­dio e non da pal­co. C’è gen­te che fa mu­si­ca per di­ven­ta­re rock­star, io ho do­vu­to ac­cet­ta­re una vi­ta da rock­star pur di con­ti­nua­re a fa­re mu­si­ca. Mi so­no li­mi­ta­to al mi­ni­mo in­di­spen­sa­bi­le per non li­ti­ga­re con le eti­chet­te di­sco­gra­fi­che, po­ca te­le­vi­sio­ne, po­che in­ter­vi­ste. E per tutto il tem­po, avrei vo­lu­to la maschera dei Daft Punk». Tro­va in­te­res­san­te la mu­si­ca di og­gi? «Da ascol­ta­to­re or­mai so­no co­me un vec­chio tos­si­co, ho bi­so­gno di qual­co­sa sem­pre più for­te, e mi è di­ven­ta­to dif­fi­ci­le tro­va­re co­se adat­te al­lo sco­po. Pos­so di­re che og­gi mi piac­cio­no so­prat­tut­to i di­schi che io non sa­prei fa­re, in que­sto pe­rio­do ascol­to so­lo hip hop e mu­si­ca clas­si­ca». Con Jean-Be­noît Dunc­kel com’è cam­bia­to il rap­por­to ne­gli an­ni? «Es­se­re in un duo è una fac­cen­da com­pli­ca­ta. Devi es­se­re di­ver­so per es­se­re com­ple­men­ta­re, ma es­se­re di­ver­si è fa­ti­co­so. Pe­rò ci ha sem­pre uni­ti la mu­si­ca, è sta­ta una ma­gia che ha ri­sol­to ogni pro­ble­ma». Gli Air com­po­se­ro la co­lon­na so­no­ra del Giar­di­no del­le ver­gi­ni sui­ci­de, film del 1999 di Sofia Cop­po­la: un’espe­rien­za da ri­pe­te­re? «Tut­ti i nostri di­schi sembrano un po’ co­lon­ne so­no­re, quin­di la gen­te pen­sa che a noi piac­cia far­le, ma non è co­sì. For­se nel ci­ne­ma di un tem­po sa­reb­be sta­to in­te­res­san­te: i re­gi­sti chie­de­va­no le me­lo­die a com­po­si­to­ri co­me En­nio Mor­ri­co­ne e tu usci­vi dal­la sa­la can­tic­chian­do il te­ma del film. Ora i re­gi­sti vogliono so­lo bat­te­ria e per­cus­sio­ni, han­no pau­ra che le me­lo­die si pren­da­no tutto il film e oscu­ri­no il lo­ro la­vo­ro, e co­sì scel­go­no di ave­re so­lo mu­si­ca di sot­to­fon­do o can­zo­ni». I fan de­gli Air pos­so­no spe­ra­re in nuova mu­si­ca? «Sto la­vo­ran­do a un se­con­do al­bum da solista, ma con gli Air fa­re­mo nuo­ve can­zo­ni se avre­mo nuo­ve idee. Suc­ce­de a tut­te le band, do­po qual­che al­bum, pas­sa la no­vi­tà, non sei più sor­pren­den­te. È una co­sa dif­fi­ci­le da ac­cet­ta­re, per mol­ti, ma io di­co: c’est la vie».

DUO MO­BI­LE Gli Air: da si­ni­stra, Ni­co­las Go­din, 47 an­ni, e Jean-Be­noît Dunc­kel, 47. In Ita­lia suo­na­no il 20 lu­glio a Se­sto al Re­ghe­na (Por­de­no­ne), il 22 a Ni­co­lo­si (Ca­ta­nia) e il 24 al Tea­tro Ro­ma­no di Ostia An­ti­ca.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.