Il dis­sua­so­re del­le aman­ti

La cri­si dei ma­tri­mo­ni in Ci­na ha da­to vi­ta a un nuo­vo me­stie­re. E le «al­tre» tre­ma­no

Vanity Fair (Italy) - - Tempo Di Lettura - di JIAYANG FAN

Yu Ruo­jian ave­va sco­per­to – e ne era fe­li­ce – che il suo obiet­ti­vo ge­sti­va un se­xy shop. Una per­so­na abi­tua­ta a ven­de­re quel ge­ne­re di co­se do­ve­va ave­re fa­ci­li­tà a par­la­re con gli sco­no­sciu­ti e, fin­gen­do­si clien­te, sa­reb­be riu­sci­to a spo­sta­re la con­ver­sa­zio­ne su un pia­no per­so­na­le. Co­sì si re­cò al se­xy shop, a Wu­xi, a un cen­ti­na­io di chi­lo­me­tri da Shan­ghai. Dis­se al­la pro­prie­ta­ria, una qua­ran­ten­ne che chia­me­re­mo Wang, che cer­ca­va dei ri­me­di na­tu­ra­li per un’ami­ca i cui rap­por­ti ma­tri­mo­nia­li era­no osta­co­la­ti dal­la ti­mi­dez­za. Chiac­chie­ra­ro­no per mezz’ora: «Tor­ne­rò pre­sto a im­por­tu­nar­la!», dis­se Yu an­dan­do via. «Lo spe­ro be­ne!», ri­spo­se Wang, sen­za ac­cor­ger­si che sta­va ca­den­do in una trap­po­la. Un me­se pri­ma, Yu ave­va par­la­to con una don­na sul­la cin­quan­ti­na, la mo­glie del di­ret­to­re di un’azien­da di Wu­xi, che gli ave­va spie­ga­to che il ma­ri­to ave­va una re­la­zio­ne con Wang. Lo ave­va tol­le­ra­to per an­ni, ma ades­so ave­va sco­per­to che ave­va spe­so più di due­cen­to­mi­la yuan – tre­mi­la dol­la­ri – per lei: ri­spar­mi mes­si da par­te per la vec­chia­ia e per com­pra­re una ca­sa al fi­glio. Yu la­vo­ra co­me dis­sua­so­re di aman­ti, un me­stie­re che una de­ci­na di an­ni fa qua­si non esi­ste­va ma che, nel­le più gran­di cit­tà ci­ne­si, sta di­ven­tan­do co­mu­ne. Le sue clien­ti so­no don­ne che spe­ra­no di sal­va­re i lo­ro ma­tri­mo­ni al­lon­ta­nan­do quel­le che in Ci­na ven­go­no chia­ma­te xiao san, o «Pic­co­la Ter­za» – un’espres­sio­ne che in­clu­de tut­to: dal­la part­ner oc­ca­sio­na­le

al­la «man­te­nu­ta» di lun­go cor­so. I dis­sua­so­ri di aman­ti usa­no me­to­di di va­rio ti­po: al­cu­ne Pic­co­le Ter­ze ven­go­no li­qui­da­te dan­do lo­ro dei sol­di o con­vin­te for­nen­do lo­ro det­ta­gli sul­le vi­te dei lo­ro aman­ti – de­bi­ti, per esem­pio – o umi­lia­te con bi­gliet­ti man­da­ti ad ami­ci e pa­ren­ti. Un dis­sua­so­re don­na a vol­te di­ven­ta una con­fi­den­te, e av­vi­sa la don­na che la re­la­zio­ne è de­sti­na­ta a fi­ni­re ma­le. Un dis­sua­so­re uo­mo può an­che se­dur­re l’aman­te. Yu di­ce di non ave­re mai avu­to bi­so­gno di far­lo, ma sa che al­cu­ni ri­cor­ro­no a que­sta stra­te­gia. Una set­ti­ma­na do­po la pri­ma vi­si­ta, Yu tor­nò al ne­go­zio e ac­cen­nò al fat­to che sta­va cer­can­do un ap­par­ta­men­to da com­pra­re nel quar­tie­re. La don­na si of­frì di por­tar­lo a fa­re un gi­ro. Nel cor­so del­le set­ti­ma­ne, Yu e Wang ini­zia­ro­no a pran­za­re e ce­na­re in­sie­me, e al­la fi­ne Yu la in­vi­tò a Shan­ghai per un fi­ne set­ti­ma­na. Lei ac­cet­tò, a con­di­zio­ne di po­te­re por­ta­re un’ami­ca.

Con i sol­di del­la clien­te, Yu si­ste­mò le due don­ne in un al­ber­go, or­ga­niz­zò vi­si­te e ce­ne gour­mand. Sul ce­le­bre lun­go­fiu­me di Shan­ghai, Yu chie­se all’ami­ca di fa­re una foto a lui e Wang, ab­brac­cia­ti. Di lì a po­co quel­le foto ar­ri­va­ro­no all’aman­te di Wang. «Una foto di­ce più di mil­le pa­ro­le al cuo­re di un uo­mo ge­lo­so», mi ha det­to Yu. L’uo­mo ave­va chiu­so la re­la­zio­ne ed era tor­na­to dal­la mo­glie, ap­prez­zan­do­ne, se non al­tro, la fe­del­tà. La mis­sio­ne ave­va ri­chie­sto in tut­to quat­tro me­si. Quan­do gli ho chie­sto per­ché la sua clien­te di Wu­xi non aves­se pre­so in con­si­de­ra­zio­ne l’idea di di­vor­zia­re, Yu è ri­ma­sto ba­si­to. «Una don­na di se­con­da ma­no è co­me un’au­to­mo­bi­le di se­con­da ma­no», mi ha ri­spo­sto. Un uo­mo di se­con­da ma­no, di con­tro, ha spie­ga­to Yu, è co­me una ca­sa ri­strut­tu­ra­ta: «Il suo va­lo­re au­men­ta».

Il mix di nuo­vo be­nes­se­re, ri­for­me le­gi­sla­ti­ve e cul­tu­ra tra­di­zio­na­le, ha de­ter­mi­na­to una sor­ta di cri­si del ma­tri­mo­nio in Ci­na. Nel­lo scor­so de­cen­nio, il nu­me­ro di di­vor­zi è rad­dop­pia­to e l’adul­te­rio è la cau­sa prin­ci­pa­le. I dis­sua­so­ri di aman­ti so­no so­lo un pez­zo di un’in­du­stria più am­pia che è na­ta per aiu­ta­re le mo­gli a sal­va­re i lo­ro ma­tri­mo­ni. Yu è uno dei 300 di­pen­den­ti del Wei­qing Group, che si de­fi­ni­sce co­me la pri­ma «cli­ni­ca dell’amo­re » del­la Ci­na: for­ni­sce una se­rie di ser­vi­zi fi­na­liz­za­ti a sal­va­re il ma­tri­mo­nio a qual­sia­si co­sto. Co­fon­da­to­re del grup­po è «Ming lao­shi» – la pro­fes­so­res­sa Ming. Si chia­ma Ming Li, ma pri­ma fa­ce­va l’in­se­gnan­te e ha te­nu­to il ti­to­lo per­ché con­si­de­ra, an­che quel­lo nuo­vo, un ruo­lo isti­tu­zio­na­le. «I ma­tri­mo­ni che du­ra­no non esi­sto­no», di­ce prag­ma­ti­ca. «Esi­sto­no so­lo aman­ti che non si so­no im­pe­gna­te a suf­fi­cien­za nel ro­vi­nar­li».

La li­nea te­le­fo­ni­ca del Wei­qing è at­ti­va 24 ore su 24, e le ri­chie­ste ar­ri­va­no da tut­to il Pae­se. Una con­su­len­za ba­se ha un co­sto mi­ni­mo di un cen­ti­na­io di mi­glia­ia di yuan, cir­ca 15mi­la dol­la­ri. Il prez­zo vie­ne tri­pli­ca­to se c’è un’aman­te da dis­sua­de­re e quin­tu­pli­ca­to se, co­me ca­pi­ta spes­so, l’aman­te ha un fi­glio dal ma­ri­to tra­di­to­re. Du­ran­te il con­sul­to ini­zia­le, gli ad­det­ti cer­ca­no di ca­pi­re che si­tua­zio­ne han­no da­van­ti – un ma­tri­mo­nio in cui i co­niu­gi non fan­no ses­so, per esem­pio, o uno in cui non par­la­no tra lo­ro – e in­ter­ro­ga­no le don­ne sul lo­ro com­por­ta­men­to: «Lo as­sil­la?», «Lo fa sta­re be­ne?». L’idea di fon­do non è che la cop­pia deb­ba la­vo­ra­re in­sie­me per af­fron­ta­re il pro­ble­ma, ma che so­no le mo­gli a do­ver im­pa­ra­re co­me ri­pren­der­si i ma­ri­ti, a lo­ro in­sa­pu­ta. Le le­zio­ni di Ming con­si­sto­no in stra­te­gie. Una sor­ta di Ar­te del­la guer­ra di Sun Tzu ap­pli­ca­ta al ma­tri­mo­nio. Una don­na che non ha più nien­te da di­re al ma­ri­to po­treb­be ri­ce­ve­re co­me con­si­glio quel­lo di far­gli dei re­ga­li o di la­sciar­gli a sor­pre­sa dei bi­gliet­ti­ni ro­man­ti­ci nel­la ta­sca dell’abi­to. I ma­ri­ti van­no lu­sin­ga­ti e bi­so­gna in­dos­sa­re abi­ti se­du­cen­ti. «Il ma­tri­mo­nio è co­me im­pa­ra­re a nuo­ta­re», mi ha det­to Ming. «Non im­por­ta quan­to sia lus­suo­sa la pi­sci­na, se non sai nuo­ta­re an­ne­ghi, e la pi­sci­na se la go­drà qual­cun al­tro che lo sa fa­re».

Ver­so mez­zo­gior­no Ming mi por­ta in un ri­sto­ran­te a co­no­sce­re l’al­tro co-fon­da­to­re, Shu Xin, che lei chia­ma Di­ret­to­re Shu. Lui ci tie­ne a rac­con­tar­mi com’è na­ta l’azien­da: al­la fi­ne de­gli an­ni No­van­ta, cu­ra­va una ru­bri­ca di con­si­gli su un quo­ti­dia­no lo­ca­le, e Ming era la sua as­si­sten­te. I me­dia ini­zia­va­no a da­re li­be­ro spa­zio ai di­bat­ti­ti – in pas­sa­to con­trol­la­ti dal­le au­to­ri­tà go­ver­na­ti­ve – su ma­tri­mo­nio e fa­mi­glia. Gli ar­ti­co­li di Shu ve­ni­va­no pub­bli­ca­ti sui bol­let­ti­ni di quar­tie­re di tut­ta Shan­ghai, e ini­ziò a ri­ce­ve­re ri­chie­ste te­le­fo­ni­che di aiu­to da par­te di mo­gli tor­men­ta­te. Un gior­no, nel 1998, una don­na lo chia­mò e gli chie­se se po­te­va in­con­trar­la. Sal­tò fuo­ri che era spo­sa­ta con un uo­mo d’af­fa­ri tai­wa­ne­se e che vi­ve­va a Tai­pei in­sie­me ai due fi­gli, men­tre lui fa­ce­va il pen­do­la­re con la Ci­na. Du­ran­te una vi­si­ta in un ap­par­ta­men­to che ave­va­no a Shan­ghai, lei ave­va sco­per­to dei co­sme­ti­ci. La pri­ma co­sa a cui ave­va pen­sa­to era sta­to il sui­ci­dio. «Le dis­si che la mor­te non era una so­lu­zio­ne: avreb­be la­scia­to il ma­ri­to all’aman­te». Se­du­ti sul­la pan­chi­na di un par­co, lui le con­si­gliò di ac­com­pa­gna­re il ma­ri­to nei suoi viag­gi di af­fa­ri e par­te­ci­pa­re ai suoi im­pe­gni so­cia­li, co­sì da far ve­de­re all’aman­te che non ave­va in­ten­zio­ne di ri­nun­cia­re al ma­tri­mo­nio. Al­la fi­ne del­la chiac­chie­ra­ta la don­na gli die­de una bu­sta con den­tro l’equi­va­len­te di un me­se di sti­pen­dio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.