Mil­le sfu­ma­tu­re di va­ria uma­ni­tà

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - IN­TI­MA APPARENZA di Edi­th Pearl­man

Gli edi­to­ri so­sten­go­no che i rac­con­ti non at­ti­ra­no i let­to­ri. Ma per for­tu­na gli scrit­to­ri, e so­prat­tut­to le scrit­tri­ci, non li ascol­ta­no e con­ti­nua­no a de­di­car­si all’ar­te del­la short sto­ry (vin­cen­do an­che il No­bel, co­me Ali­ce Mun­ro nel 2013). Edi­th Pearl­man, si­gno­ra ot­tan­tu­nen­ne di Pro­vi­den­ce, si è sco­per­ta scrit­tri­ce a 70. Do­po il de­but­to (tar­di­vo) e tre vo­lu­mi di rac­con­ti, tor­na con la bel­la rac­col­ta In­ti­ma apparenza che ce­le­bra ma­lin­co­ni­ca­men­te la gen­te co­mu­ne – in­fer­mie­ri, pro­fes­so­ri di pic­co­le uni­ver­si­tà, ma­la­ti, vec­chi in ospi­zio, bam­bi­ni in­fe­li­ci, cu­rio­si, una si­gno­ra che ascol­ta quel­lo che i clien­ti si con­fi­da­no men­tre lei gli fa la pe­di­cu­re –, tut­ta la pa­no­plia del­le con­di­zio­ni uma­ne che Pearl­man os­ser­va con at­ten­zio­ne e sen­si­bi­li­tà. Con, ai miei oc­chi, un uni­co han­di­cap: la ca­pa­ci­tà di far ri­vi­ve­re e sof­fri­re il let­to­re co­me se fos­se lì, con i suoi per­so­nag­gi, nel­la lo­ro pelle, ad at­tra­ver­sa­re quel gua­do dif­fi­ci­le e bel­lo che si chia­ma vi­ta.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.