GLI ADUL­TI NON HAN­NO SEM­PRE RA­GIO­NE»

«MIO PA­DRE MI HA IN­SE­GNA­TO LA CO­SA PIÙ IM­POR­TAN­TE:

Vanity Fair (Italy) - - TEMPO DI LETTURA - di LAU­RA PEZZINO fo­to JO­NAS KARLSSON

Cè una bel­lis­si­ma poe­sia che si in­ti­to­la Te­le­pho­ne Con­ver­sa­tion. Rac­con­ta del­la te­le­fo­na­ta tra un uo­mo e una si­gno­ra: lui è al­la ri­cer­ca di un ap­par­ta­men­to, lei ne ha mes­so uno in af­fit­to e il prez­zo è ra­gio­ne­vo­le. A un cer­to pun­to, lui de­ci­de di con­fes­sar­le la ve­ri­tà: «Per evi­ta­re un viag­gio a vuo­to: io so­no afri­ca­no». Si­len­zio. «Ma scu­ro quan­to? Scu­ro scu­ro, o sol­tan­to un po’?». La poe­sia pro­se­gue con il ten­ta­ti­vo di lui di de­fi­ni­re le sfu­ma­tu­re di scu­ro as­sun­te dal­la pel­le nel­le di­ver­se zo­ne del cor­po: sì, la fac­cia è ca­sta­na, si­gno­ra, ma i pal­mi del­le ma­ni so­no più «bion­do os­si­ge­na­to». La con­clu­sio­ne, a cui di cer­to se­gui­rà il tu-tu mo­no­cro­mo del­la li­nea in­ter­rot­ta, è qua­si un gri­do di­spe­ra­to: «Si­gno­ra, dav­ve­ro, non vor­reb­be ren­der­se­ne con­to di per­so­na?». Wole Soyinka ha scrit­to que­sta poe­sia nel 1963, quan­do il gros­so del­la sua vi­ta do­ve­va an­co­ra ac­ca­de­re. Il gros­so non è so­lo il No­bel per la Let­te­ra­tu­ra, ar­ri­va­to nel 1986 (è sta­to il pri­mo afri­ca­no a ri­ce­ver­lo): la sua bio­gra­fia è a dir po­co straor­di­na­ria, e in­trec­cia­ta con la sto­ria del­la Ni­ge­ria (il Pae­se di scrit­to­ri co­me Te­ju Co­le e Chi­ma­man­da Ngo­zi Adi­chie, ma an­che di Bo­ko Ha­ram) do­ve è na­to nel 1934, dal qua­le è sta­to al­lon­ta­na­to da una con­dan­na a mor­te (a emet­ter­la, nel 1994, il dit­ta­to­re Sa­ni Aba­cha) e nel qua­le, no­no­stan­te tut­to, è tor­na­to a

Wole Soyinka, 83 an­ni, ni­ge­ria­no. Il 16 set­tem­bre, a Por­de­no­ne­leg­ge, ri­ce­ve­rà il Pre­mio Cré­dit Agri­co­le Friu­lA­dria «La sto­ria in un ro­man­zo» (Tea­tro Ver­di, al­le 18). PLURI PRE­MIA­TO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.