CO­ME È DU­RA L’AV­VEN­TU­RA

Ca­po­la­vo­ri an­nun­cia­ti e Pal­me d’oro: all’este­ro fan­no sul se­rio. Tra Cam­pil­lo e Akin, il lot­to de­gli s idan­ti per l’Oscar di que­st’an­no è quan­to mai com­pe­ti­ti­vo, ag­guer­ri­to e di va­lo­re in­di­scu­ti­bi­le

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Hollywood - di MAT­TIA CARZANIGA

Tut­ti gli an­ni riec­co i Gio­chi sen­za fron­tie­re. Non ce ne fre­ga nien­te pe­rò sia­mo qui a ti­fa­re pre­ven­ti­va­men­te per il no­stro ca­val­lo an­che se è zop­po, a sco­pri­re che c’è una ci­ne­ma­to­gra a pu­re nel­lo spro­fon­do del­la Ta­sma­nia, a so­spi­ra­re quan­do poi vin­ce – co­me ac­ca­de­va ai Gio­chi, ap­pun­to – San Ma­ri­no. Que­st’an­no la cor­sa all’Oscar per il mi­glior lm stra­nie­ro (no, in lin­gua stra­nie­ra: è un det­ta­glio che tor­ne­rà uti­le più avan­ti) è an­co­ra tut­ta aper­ta, ma è già di enor­me in­te­res­se na­zio­na­le. An­che se no, non ab­bia­mo il ca­val­lo più for­te. A Ciam­bra di Jo­nas Car­pi­gna­no è bel­lo, è al­to, è gri‡ato: il pro­dut­to­re ese­cu­ti­vo è Mar­tin Scor­se­se, che or­mai va­le co­me «Quen­tin Ta­ran­ti­no pre­sen­ta». Ma sa­prà con­qui­sta­re i cuo­ri dei vec­chiet­ti di Hol­ly­wood? Un re­gi­sta ar­ri­va­to an­ni fa vi­ci­nis­si­mo al­la shor­tli­st, e cioè la se­le­zio­ne di 9 ti­to­li poi fal­cia­ti a 5, mi ha det­to: «Tan­to quel­li i lm man­co li ve­do­no». Si co­min­cia dal­la Sve­zia, che por­te­rà sull’ae­reo per L.A. la Pal­ma d’oro vin­ta all’ul­ti­mo Fe­sti­val di Can­nes. The Squa­re di Ru­ben Östlund è, co­me il pre­ce­den­te For­za mag­gio­re, un as­sai lucido trat­ta­tel­lo su que­sti tem­pi do­ve con­ta più la rap­pre­sen­ta­zio­ne so­cia­le (so­cial?) del­le re­la­zio­ni, del­le emo­zio­ni, di

tut­to il pie­no del­la vi­ta. È mol­to eu­ro­peo, for­se trop­po: i do­lo­ri del gio­va­ne di­ret­to­re del mu­seo d’ar­te con­tem­po­ra­nea di Stoc­col­ma fre­ghe­ran­no a qual­cu­no lag­giù a Be­ver­ly Hills? La Fran­cia ri­spon­de con un pu­ro­san­gue: 120 bat­ti­ti al mi­nu­to di Ro­bin Cam­pil­lo, già Gran pre­mio del­la giu­ria a Can­nes. Tag: omo­ses­sua­li­tà, amo­re, Aids, ami­ci­zia, vol­ti gio­va­ni e bel­li, mor­te, e an­che gli an­ni ’90, che so­no l’as­so­lu­to trend di sta­gio­ne. Sul fron­te re­ci­ta­zio­ne c’è Dia­ne Kru­ger, Pal­ma a Can­nes per In the Fa­de di Fa­tih Akin. È la pri­ma vol­ta che re­ci­ta in te­de­sco, sua lin­gua ma­dre. Già si spre­ca­no gli ag­get­ti­vi, su tut­ti: in­ten­sa. An­che lì ter­ro­ri­smo, lut­to (e con­se­guen­te ela­bo­ra­zio­ne del), ven­det­ta, ri­na­sci­ta. Un cock­tail mi­ci­dia­le. Al­tra per­for­man­ce no­mi­na­bi­le, con tam tam che cre­sce di fe­sti­val in fe­sti­val, è quel­la di Da­nie­la Vega, tran­ses­sua­le sul­lo scher­mo e nel­la vi­ta, in Una don­na fan- ta­sti­ca di Se­ba­stián Le­lio (Ci­le). Per gli Sta­ti Uni­ti gio­ca (qua­si) in ca­sa An­ge­li­na Jo­lie, che pe­rò ha gi­ra­to il suo Per pri­mo han­no uc­ci­so mio pa­dre (su Net­flix) in Cam­bo­gia e dun­que in cam­bo­gia­no. Ma il pa­thos ri­cat­ta­to­rio da ma­don­na dei po­ve­ri del­la re­gi­sta non è pia­ciu­to a tut­ti i cri­ti­ci: «La sto­ria si­gni che­rà mol­to per Jo­lie, ma nien­te di nien­te per noi», scri­ve il Los An­ge­les Ti­mes; «Im­ma­gi­ni da car­to­li­na, emo­zio­ni che do­vreb­be­ro na­sce­re so­lo dai fac­ci­ni tre­man­ti dei bam­bi­ni pro­ta­go­ni­sti», li­qui­da, pa­ra­fra­san­do un po’, il New Yor­ker. I pic­co­li ves­sa­ti dai Kh­mer ros­si for­se non ba­sta­no. Ma nel­le li­ste ni­sce di tut­to, dall’Esto­nia al Ko­so­vo, dal Lus­sem­bur­go al Ne­pal. Sal­ta all’oc­chio Sa­muel Maoz, re­gi­sta dell’israe­lia­no Fox­trot: col pre­ce­den­te Le­ba­non Leone d’oro a Venezia, con que­st’ul­ti­mo l’ar­gen­to. E spun­ta per l’Au­stria il mae­stris­si­mo Mi­chael Ha­ne­ke, ma il suo Happy End non è bel­lo co­me Amour (pre­mia­to nel 2013), an­che se ne è il se­gui­to idea­le. Scor­ren­do le «pre­dic­tions», che co­min­cia­no a cir­co­la­re non ap­pe­na ni­sce la not­te al Dol­by Thea­tre, un al­tro ti­to­lo è ri­cor­ren­te: Call Me by Your Name, Chia­ma­mi col tuo no­me, di Lu­ca Gua­da­gni­no. Non can­di­da­bi­le tra gli stra­nie­ri per­ché è sta­to gi­ra­to nel­la sua Cre­ma, sì, ma in in­gle­se, su co­pio­ne di Ja­mes Ivory dal ro­man­zo di An­dré Aci­man. Nel­le ca­te­go­rie «ame­ri­ca­ne» al mo­men­to è ben piaz­za­to ovun­que: mi­glior lm, re­gia, sce­neg­gia­tu­ra non ori­gi­na­le, at­to­re pro­ta­go­ni­sta (il gio­va­ne Ti­mo­thée Cha­la­met, ora sul set con Woo­dy Allen), at­to­re non pro­ta­go­ni­sta (Mi­chael Stu­hl­barg). Se il no­stro ca­val­lo ai Gio­chi, tra shor­tli­st e cin­qui­ne, non do­ves­se ar­ri­va­re al­la ne del­la cor­sa, ne ab­bia­mo già un al­tro su cui pun­ta­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.