LA COR­SA ZOP­PA DE­GLI ITA­LIA­NI

Vanity Fair (Italy) - - Vanity Hollywood - M.C.

L’Ita­lia e l’Oscar, una re­la­zio­ne che sul Fa­ce­book di una vol­ta si sa­reb­be det­ta: com­pli­ca­ta. For­se per­ché noi pen­sia­mo di me­ri­tar­ce­lo sem­pre, an­che quan­do i lm can­di­da­ti non li andiamo a ve­de­re. È quel­la for­ma di pa­triot­ti­smo che ci pren­de a ca­so, un or­go­glio fe­ri­to che gua­ri­sce pre­sto, la­scian­do so­lo uno stuo­lo di at­to­ri che «so­no sta­to can­di­da­to all’Oscar» per­ché un lo­ro lm è

ni­to mi­ra­co­lo­sa­men­te nel­la cin­qui­na. Una vol­ta c’era da inor­go­glir­si per dav­ve­ro. Ci so­no sta­ti an­ni in cui si vin­ce­va due vol­te di se­gui­to: 1957/1958, La stra­da e Le not­ti di Ca­bi­ria, sem­pre Fel­li­ni; 1964/1965, 8 1/2 di Fel­li­ni e Ie­ri, og­gi, do­ma­ni di De Si­ca; 1971/1972, In­da­gi­ne su un cit­ta­di­no al di so­pra di ogni so­spet­to di Pe­tri e Il giar­di­no dei Fin­zi Con­ti­ni di De Si­ca. Ci so­no sta­ti an­ni in cui si ve­ni­va can­di­da­ti 5 vol­te di se­gui­to: dal 1976 al 1980 un

lot­to che com­pren­de Pro­fu­mo di don­na di Ri­si, Pa­squa­li­no Set­te­bel­lez­ze di Wert­mül­ler, Una gior­na­ta par­ti­co­la­re di Sco­la, I nuo­vi mo­stri di Mo­ni­cel­li/Ri­si/Sco­la, Di­men­ti­ca­re Venezia di Bru­sa­ti. Un­di­ci i pre­mi to­ta­li, di cui 4 a Fel­li­ni e al­tret­tan­ti a De Si­ca (i pri­mi due – per Sciu­scià e La­dri di bi­ci­clet­te – det­ti Oscar spe­cia­li, cioè as­se­gna­ti di­ret­ta­men­te dal­la giu­ria sen­za pas­sa­re dal­la cin­qui­na). Ul­ti­ma­men­te pe­rò che fa­ti­ca. Ha sem­pre vin­to l’Ita­lia che l’Ame­ri­ca ave­va già in te­sta: Nuo­vo Ci­ne­ma Pa­ra­di­so di Tor­na­to­re (la Si­ci­lia, Mor­ri­co­ne), Me­di­ter­ra­neo di Sal­va­to­res (quel che re­sta del­la com­me­dia all’ita­lia­na, la par­ti­ta di cal­cio), La vi­ta è bel­la di Be­ni­gni (la guer­ra, i bam­bi­ni), La gran­de bel­lez­za di Sor­ren­ti­no (Ro­ma, Fel­li­ni). Le­van­do Jep Gam­bar­del­la, l’ul­ti­mo can­di­da­to è del 2006 (La be­stia nel cuo­re di Cri­sti­na Co­men­ci­ni) e l’ul­ti­mo

ni­to nel­la shor­tli­st di 9 ti­to­li è del 2008 (La sco­no­sciu­ta di Tor­na­to­re). Uno su 5 ce la fa. Non è un’equa­zio­ne ma­te­ma­ti­ca, ma sem­bra la re­go­la de­gli ul­ti­mi 10 an­ni di ci­ne­ma ita­lia­no. Non ce l’ha fat­ta nem­me­no Go­mor­ra di Gar­ro­ne (2008), né Ce­sa­re de­ve mo­ri­re dei fra­tel­li Ta­via­ni (2012); né, l’an­no scor­so, Fuo­coam­ma­re di Gian­fran­co Ro­si. Nes­su­no si ri­cor­da nem­me­no di que­sti pre­mi, gu­rar­si le mancate no­mi­na­tion. E pe­rò quan­ti pez­zet­ti­ni di or­go­glio na­zio­na­le ci han­no tol­to, gli ame­ri­ca­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.