La se­con­da vi­ta di Osac

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem -

I li­bri su­gli ani­ma­li, sal­vo ra­re ec­ce­zio­ni (ve­di il mi­ra­bi­le La mia fa­mi­glia e al­tri ani­ma­li di Ge­rald Dur­rell), cor­ro­no il ri­schio del­la le­zio­si­tà. An­che Ro­ma­na Pe­tri cor­re il ri­schio di ca­der­ci, una o due vol­te, nel Mio ca­ne del Klon­di­ke, la cro­na­ca di un lun­go e toc­can­te love af­fair tra la scrit­tri­ce e un ca­gno­ne ne­ro da lei tro­va­to se­mi­mor­to e pie­no di pa­ras­si­ti per stra­da e pron­ta­men­te ri­bat­tez­za­to Osac, ana­gram­ma di caos. Ca­gno­ne che pro­ba­bil­men­te è sta­to mol­to mal­trat­ta­to, e che dun­que si af­fe­zio­na e fa ri­fe­ri­men­to solo al­la sua nuo­va pa­dro­na, in ma­nie­ra cie­ca e fol­le, met­ten­do­la spes­so nei guai. Ma, al di là dell’aned­do­ti­ca, spes­so com­mo­ven­te e te­ne­ra, col­pi­sce la ca­pa­ci­tà del­la scrit­tri­ce di re­gi­stra­re i mo­vi­men­ti, le espres­sio­ni, i tic del ca­ne, con una vi­vez­za che re­sti­tui­sce la fi­si­ci­tà di que­sto mo­stro in­fe­li­ce e buo­no, che di­stil­la il suo amo­re per po­chi es­se­ri uma­ni.

PIA­CE­RI & DI­SPIA­CE­RI di Ire­ne Bi­gnar­di

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.