J-Ax e Pol­lon per me pa­ri son

Li ha con­vin­ti su­bi­to, ma al­cu­ni era­no in­ti­mi­di­ti. In un nuovo al­bum, CRI­STI­NA D’AVE­NA can­ta le si­gle dei car­to­ni ani­ma­ti con i big ita­lia­ni

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Te­le­fo­no a Mi­che­le Bra­vi: “Pron­to, so­no Cri­sti­na D’Ave­na”. Mi at­tac­ca il te­le­fo­no in fac­cia. Poi ri­chia­ma: “Ma sei dav­ve­ro Cri­sti­na D’Ave­na?”». È nato con sedici te­le­fo­na­te Duets - Tut­ti can­ta­no Cri­sti­na, l’al­bum di si­gle dei car­to­ni in­ter­pre­ta­te con una ro­sa di vo­ci che com­pren­de molti gio­va­ni (non solo Bra­vi, che al­la fi­ne ha ac­cer­ta­to che fosse dav­ve­ro Cri­sti­na, ma an­che Be­n­ji & Fe­de, Ales­sio Ber­na­bei), qual­che coe­ta­neo, co­me Elio e J-Ax, e qual­cu­no più grande, co­me Lo­re­da­na Ber­tè (a de­stra, la no­stra top fi­ve). Non le avran­no tut­ti at­tac­ca­to il te­le­fo­no? «Molti era­no in­ti­mi­di­ti. Fran­ce­sca Michielin mi di­ce­va: “Can­ta­vo la si­gla di Crea­my da pic­co­la, co­me pos­so can­tar­la ora con te?”. Gli ab­bi­na­men­ti so­no sta­ti na­tu­ra­li: Chia­ra an­da­va a scuola con la bam­bo­la di Sai­lor Moon, la chiamavano Sai­lor Moon. Il pri­mo ve­sti­to di Car­ne­va­le di Noe­mi fu Lady Oscar». Si aspet­ta­va que­sto en­tu­sia­smo? «L’ho sem­pre sen­ti­to. Una vol­ta ero in piz­ze­ria, squil­la il cel­lu­la­re di un ragazzo a un al­tro ta­vo­lo: è la suo­ne­ria di Ro­bin Hood can­ta­ta da me. Quan­do si al­za per ri­spon­de­re, mi ve­de e ur­la: “Od­dio, qui c’è Cri­sti­na D’Ave­na”». La mu­si­ca dei car­to­ni è di ten­den­za. Per­ché? «Ven­go da un’era in cui la Tv ha da­to tan­to ai ra­gaz­zi e for­se ho rap­pre­sen­ta­to più di quan­to do­vrei. I bam­bi­ni era­no so­li con la Tv. Io c’ero al­lo­ra e ci so­no og­gi: co­me se ri­tro­vas­se­ro la ba­by­sit­ter. La mia for­za è la coe­ren­za: ho sem­pre fat­to que­sto, fa­rò sem­pre que­sto». Si è sen­ti­ta in­trap­po­la­ta in que­sta coe­ren­za? «Ce l’ho per ca­rat­te­re. L’ho fat­to per me stessa, per­ché mi pia­ce­va, nes­su­no mi ha co­stret­ta. Poi ho un pub­bli­co che mi vuo­le be­ne co­me a una so­rel­la, co­me fac­cio ad ab­ban­do­nar­lo?». No­stal­gia di quel­la Tv? «Mol­ta. Si po­te­va dav­ve­ro fa­re Tv, c’era­no li­ber­tà e idee, sen­za la di­sper­sio­ne di cen­ti­na­ia di ca­na­li che non sai nem­me­no co­sa guar­da­re. Mi pia­ce­reb­be tor­nar­ci con un va­rie­tà, con tan­ta mu­si­ca». So che le pia­ce con­ser­va­re le co­se, c’è un og­get­to dal qua­le non si stac­che­reb­be mai? «L’im­ma­gi­ne di Sant’Antonio, il santo che mi pro­teg­ge nel­la vi­ta. So­no cre­sciu­ta all’An­to­nia­no, nel­la chie­sa di Sant’Antonio, ci sia­mo scel­ti e ci amia­mo da sem­pre». Nel 2018 Il val­zer del mo­sce­ri­no fa 50 an­ni. Fe­steg­ge­rà? «Mi spa­ven­ta il tem­po che pas­sa, ho pro­va­to a fer­mar­lo in ogni mo­do, ma non si può, de­vo far­me­ne una ra­gio­ne. E sì, for­se fe­steg­ge­rò».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.