La ver­sio­ne di Vir­gi­nia

Ar­ri­va un nuo­vo film su PA­BLO ESCOBAR. Nel ruo­lo del cri­mi­na­le e in quel­lo del­la sua aman­te una cop­pia da Oscar (an­che nel­la vi­ta)

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di PAO­LA JACOBBI

Che fis­sa­zio­ne, que­sto Pa­blo Escobar. La se­rie Nar­cos (con l’at­to­re brasiliano Wa­gner Mou­ra), il film di An­drea Di Ste­fa­no (Escobar: Pa­ra­di­se Lo­st, con Be­ni­cio del Toro), per­si­no un film nel film nel­la com­me­dia En­tou­ra­ge. Man­ca­va so­lo Ja­vier Bar­dem, un pre­mio Oscar, a in­ter­pre­ta­re il re del­la co­cai­na. Ed ec­co­lo, in Escobar - Il fa­sci­no del ma­le, nel­le sa­le dal 19 apri­le, be­ne ac­com­pa­gna­to: un al­tro pre­mio Oscar, Pe­né­lo­pe Cruz, sua mo­glie nel­la vi­ta, è sul­lo schermo Vir­gi­nia Val­le­jo, l’aman­te del nar­co­traf­fi­can­te co­lom­bia­no. La tra­sfor­ma­zio­ne fi­si­ca dell’at­to­re è no­te­vo­le, è gras­so per­si­no sul col­lo. Ma la sce­na di cul­to è po­co rea­li­sti­ca: Escobar nu­do, con un fu­ci­le in ma­no, che cor­re in mez­zo al­la giungla. È un mo­men­to ani­ma­le­sco, ter­ro­riz­zan­te e co­mi­co in­sie­me. Il film è trat­to dal li­bro del­la Val­le­jo (Aman­do Pa­blo, odian­do Escobar, Giun­ti edi­to­re), bel­la e fa­mo­sa gior­na­li­sta te­le­vi­si­va che dal 2006 vi­ve in esi­lio, sot­to pro­te­zio­ne, per ave­re de­nun­cia­to mol­te vi­cen­de di cui, du­ran­te la sua re­la­zio­ne con Escobar, era sta­ta testimone ec­cel­len­te. Da tre­di­ci an­ni, il re­gi­sta Fer­nan­do León de Ara­noa vo­le­va fa­re un film su Escobar con Bar­dem, di cui è ami­co e con cui ave­va gi­ra­to I lu­ne­dì al so­le nel 2002, pre­mia­tis­si­mo a va­ri fe­sti­val. L’ope­ra­zio­ne Escobar è an­da­ta in por­to, no­no­stan­te mol­te dif­fi­col­tà e il con­fron­to con tan­te ope­re sul­lo stes­so te­ma. «Non ho mai vi­sto Nar­cos per­ché non vo­le­vo es­ser­ne in­fluen­za­to», mi ha det­to Bar­dem (sa­rà ve­ro?) e ha ag­giun­to: «Ci so­no mo­men­ti in cui, spes­so in­spie­ga­bil­men­te, si mol­ti­pli­ca­no i film su un cer­to fat­to o un cer­to per­so­nag­gio. Ti­po, que­st’an­no, c’è Chur­chill in un sac­co di film!». La sto­ria, qui, è rac­con­ta­ta so­prat­tut­to at­tra­ver­so il pun­to di vi­sta (am­bi­guo, la­ce­ra­to) del­la Val­le­jo: «Lei è at­trat­ta dal de­na­ro e dal po­te­re di Pa­blo», spie­ga Bar­dem. «Ma al tem­po stes­so vi­ve ogni gior­no il do­lo­re e l’or­ro­re di que­sta sua at­tra­zio­ne per un as­sas­si­no». È la se­sta vol­ta che Bar­dem e Pe­né­lo­pe Cruz la­vo­ra­no in­sie­me, la pri­ma ri­sa­le al ’92 (Pro­sciut­to, pro­sciut­to di Bi­gas Lu­na) quan­do era­no po­co più che ven­ten­ni e nem­me­no fi­dan­za­ti. Al­la do­man­da «com’è sta­re sul­lo stes­so set da ma­ri­to e mo­glie?», Bar­dem ri­spon­de ri­den­do: «A fi­ne gior­na­ta, chiu­dia­mo bot­te­ga e tor­nia­mo al­la no­stra vi­ta».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.