Co­no­sce­te le don­ne al­fa?

For­ti, de­ter­mi­na­te (e innamorate). Co­me JAINA LEE ORTIZ, pro­ta­go­ni­sta di Sta­tion 19, che ha pu­re su­pe­ra­to il te­st da pom­pie­re

Vanity Fair (Italy) - - Carpe Diem - di MAR­GHE­RI­TA CORSI

Quan­do ho in­con­tra­to Shon­da Rhi­mes bal­bet­ta­vo e non riu­sci­vo a guar­dar­la: met­te in sog­ge­zio­ne. Ma se non fos­se per lei, non sa­rei qui». Jaina Lee Ortiz si ri­fe­ri­sce al ruo­lo di An­dy Her­re­ra, il ca­po dei vi­gi­li del fuo­co pro­ta­go­ni­sta di Sta­tion 19 (dal 23 apri­le al­le 21.50 su Fo­x­Li­fe), il nuo­vo spi­noff di Grey’s Ana­to­my am­bien­ta­to in una sta­zio­ne dei pom­pie­ri vi­ci­na al Seat­tle Me­mo­rial. «An­dy è in­di­pen­den­te e sa co­sa vuo­le: in que­sto mi ri­ve­do. È una don­na al­fa, gli uo­mi­ni ven­go­no do­po, Shon­da ed El­len (Pom­peo, che è an­che pro­dut­tri­ce, ndr) so­no due fem­mi­ni­ste», rac­con­ta al te­le­fo­no da Los An­ge­les l’at­tri­ce, 31 an­ni, cre­sciu­ta nel Bro­nx da fa­mi­glia por­to­ri­ca­na, spo­sa­ta con l’au­to­re te­le­vi­si­vo Brad Mar­ques, 40 an­ni. Lei com’è con suo ma­ri­to? «Sia­mo spo­sa­ti da ot­to an­ni e ogni vol­ta che ho un pro­ble­ma lo chia­mo, poi pe­rò gli ri­cor­do che pos­so far­ce­la an­che da so­la. Si può es­se­re in­di­pen­den­ti e innamorate». Ha ri­ce­vu­to consigli da Pom­peo? «Dor­mi­re 9 ore a not­te. Grey’s Ana­to­my è al­la sta­gio­ne n. 14 e so che de­vo ar­ri­va­re sul set ri­po­sa­ta: tut­ti di­pen­do­no da me». An­sia da pre­sta­zio­ne? «Tan­ta, Grey’s Ana­to­my ha un enor­me suc­ces­so e io so­no la pri­ma pro­ta­go­ni­sta la­ti­noa­me­ri­ca­na di una se­rie di Rhi­mes. Non pos­so sa­pe­re quan­ti guar­de­ran­no Sta­tion 19, l’uni­ca co­sa che di­pen­de da me è co­me la­vo­ro». È dif­fi­ci­le fa­re car­rie­ra per una la­ti­na? «All’ini­zio sen­ti­vo di do­ver­mi me­sco­la­re con gli al­tri. Ora che la di­ver­si­tà fa par­te del­la tv va­do fie­ra del­le mie ori­gi­ni». Co­me si è pre­pa­ra­ta per il ruo­lo? «Ho fat­to il te­st per i pom­pie­ri e l’ho pas­sa­to. Ho do­vu­to ar­ram­pi­car­mi su una sca­la con 32 chi­li sul­le spal­le e trasportare un ma­ni­chi­no di 80 chi­li. Ma non è so­lo que­stio­ne di for­za fi­si­ca, quel­la mentale è fon­da­men­ta­le. So­no mol­to com­pe­ti­ti­va». Ho let­to che c’entra mol­to suo pa­dre... «È un ex de­tec­ti­ve del­la omi­ci­di del Bro­nx. In ogni mio per­so­nag­gio met­to qual­co­sa che ho pre­so da lui: il mo­do di fa­re, la si­cu­rez­za, il ri­spet­to con cui par­la al­la gen­te». Era una bal­le­ri­na di sal­sa pro­fes­sio­ni­sta. Com’è pas­sa­ta al­la re­ci­ta­zio­ne? «Vo­le­vo apri­re la mia scuo­la di dan­za, poi a 15 an­ni par­te­ci­pai a un film di stu­den­ti del­la New York Uni­ver­si­ty. Mi vi­di or­ren­da e la­sciai per­de­re, ma a 20 an­ni cam­biai idea e mi iscris­si al­la scuo­la di re­ci­ta­zio­ne». Ha mai pen­sa­to di mol­la­re? «Sì, ho pas­sa­to 4-5 an­ni senza la­vo­ra­re. Poi con la se­rie Ro­sewood è ar­ri­va­ta la svol­ta. Al­le gio­va­ni di­co che il tem­pi­smo è tut­to: cre­de­te in voi stes­se, l’oc­ca­sio­ne ar­ri­ve­rà».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.