Un’ode al­le don­ne so­vie­ti­che

Vanity Fair (Italy) - - Show - ro­sa ma­iuc­ca­ro

Nel So­gno di Ja­kov (La na­ve di Te­seo, pagg. 640, ¤ 24; trad. M. De Mi­chiel), Lud­mi­la Uli­tska­ya, una del­le più im­por­tan­ti scrit­tri­ci rus­se di og­gi, de­fi­ni­sce la sin­ce­ri­tà «la com­ple­ta fu­sio­ne di due te­ste pen­san­ti e due cuo­ri sen­zien­ti». Ed è pro­ba­bil­men­te a que­sto idea­le che si ispi­ra la sua bril­lan­te let­te­ra­tu­ra. Nel nuo­vo ro­man­zo, il rac­con­to del­la vi­ta di No­ra Hel­mer (chia­ma­ta co­sì in ono­re del­la pro­ta­go­ni­sta di Ca­sa di bam­bo­la di Ib­sen) si al­ter­na con l’epi­sto­la­rio del­la non­na Ma­ru­sja con il non­no Ja­kov. Dal­le let­te­re emer­go­no se­gre­ti di fa­mi­glia, do­man­de che non tro­va­no ri­spo­sta e i so­gni in­fran­ti di una cop­pia che si scon­tra con il cor­so del­la Sto­ria so­vie­ti­ca. Il so­gno di Ja­kov è il rac­con­to di «un’in­cre­di­bi­le pas­sio­ne per la co­no­scen­za, per la com­pren­sio­ne di que­sto mon­do ar­ruf­fa­to e fol­le». Non­na e ni­po­te so­no due fem­mi­ni­ste de­si­de­ro­se di li­ber­tà: Uli­tska­ya si con­fer­ma de­ter­mi­na­ta a re­sti­tui­re al­le don­ne so­vie­ti­che l’at­ten­zio­ne let­te­ra­ria che me­ri­ta­no. In­tor­no a lo­ro, co­me in ogni ro­man­zo rus­so che si ri­spet­ti, gra­vi­ta­no nu­me­ro­si per­so­nag­gi che ten­ta­no una fa­ti­co­sa so­prav­vi­ven­za ri­fiu­tan­do ogni com­pro­mes­so. Una mol­ti­tu­di­ne in cui ci si per­de vo­len­tie­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.