I ri­pen­sa­men­ti di Di Ma­io

Stop al Jobs Act, ba­sta vou­cher, no ai ne­go­zi aper­ti la do­me­ni­ca. Ma, do­po un me­se di go­ver­no, ec­co co­sa re­sta del­le idee a 5 Stel­le sul la­vo­ro

Vanity Fair (Italy) - - Next - di FRAN­CE­SCO BISOZZI

Ave­va pro­mes­so d’in­tro­dur­re da su­bi­to il red­di­to di cit­ta­di­nan­za, ma ora è più un sus­si­dio di di­soc­cu­pa­zio­ne po­ten­zia­to, e man­ca­no co­mun­que le co­per­tu­re. Ave­va an­nun­cia­to una leg­ge per il sa­la­rio mi­ni­mo ga­ran­ti­to, ma per ades­so c’è so­lo la stret­ta sui con­trat­ti a ter­mi­ne pre­vi­sta dal de­cre­to di­gni­tà. Ave­va tuo­na­to «mai più vou­cher», ma ora che è al go­ver­no ci sta ri­pen­san­do. Tra le pro­mes­se elet­to­ra­li e i de­cre­ti di go­ver­no c’è di mez­zo il ma­re. Tra il can­di­da­to pre­mier Lui­gi Di Ma­io e il neo­mi­ni­stro del La­vo­ro e del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co c’è di mez­zo un ocea­no. Per Pie­tro Rei­chlin, pro­fes­so­re al­la Luiss di Ro­ma, tra i mas­si­mi esper­ti in Eu­ro­pa in ma­te­ria di oc­cu­pa­zio­ne, qual­co­sa non va.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.