L’«ASSURDITÀ» DEL METOO

Vanity Fair (Italy) - - Next - di BRET EASTON ELLIS [tra­du­zio­ne di Mat­teo Co­lom­bo]

Par­lia­mo­ci chia­ro: la gen­te co­min­cia ad ave­re se­ri pro­ble­mi col mo­vi­men­to #MeToo, esplo­so sull’on­da del­lo scan­da­lo vio­len­ze ses­sua­li/ di­va­no del pro­dut­to­re che lo scor­so au­tun­no ha tra­vol­to il boss ci­ne­ma­to­gra­fi­co Har­vey Wein­stein, e che ha tra­sfor­ma­to in una ca­sa in­fe­sta­ta di pa­ra­no­ie non so­lo Hol­ly­wood, ma an­che Wa­shing­ton, gra­zie al cir­co del­le udien­ze Ford-Ka­va­nau­gh che il me­se scor­so ha te­nu­to in­chio­da­ti gli Sta­ti Uni­ti. Sta­vol­ta pe­rò si trat­ta­va dei ri­cor­di ne­bu­lo­si di una fe­sta di li­cea­li ubria­chi av­ve­nu­ta più di trent’an­ni fa, du­ran­te la qua­le una don­na si è sen­ti­ta mi­nac­cia­ta da un ra­gaz­zo fra­di­cio d’al­col e non c’è sta­to ses­so, e che og­gi avreb­be­ro po­tu­to far esclu­de­re un uo­mo dal­la Cor­te Su­pre­ma. La pros­si­ma vol­ta co­sa sa­rà? Il fat­to di aver chie­sto a una mas­sag­gia­tri­ce di mas­sag­giar­ti la co­scia «un po’ più su» nel 1993? Una bat­tu­ta ses­sua­le fat­ta in ascen­so­re du­ran­te l’am­mi­ni­stra­zio­ne Oba­ma? Un pol­so af­fer­ra­to nel 2005? Un’avan­ce in­de­si­de­ra­ta nel 1976? Ec­co in co­sa sem­bra si stia tra­sfor­man­do il #MeToo: in una cac­cia agli stron­zi, agli sfi­ga­ti, agli stu­den­ti ot­tu­si, ma so­prat­tut­to agli uo­mi­ni di po­te­re bian­chi, e la li­sta del­le in­fra­zio­ni si an­da­va al­lun­gan­do – trop­po ubria­co, un po’ ag­gres­si­vo – in ba­se all’ur­gen­za con cui bi­so­gna spaz­zar­ti via. A un cer­to pun­to ca­pi­sci che, se Hil­la­ry Clin­ton fos­se sta­ta elet­ta, il #MeToo for­se non sa­reb­be esi­sti­to, per­ché il pun­to di tut­to è ar­ri­va­re a Trump: col­pi­re uo­mi­ni di po­te­re bian­chi più ac­ces­si­bi­li del pre­si­den­te, che si è di­mo­stra­to uno sca­ra­fag­gio im­pos­si­bi­le da uc­ci­de­re. Il mo­vi­men­to #MeToo è par­ti­to da Hol­ly­wood con in­ten­zio­ni lo­de­vo­li: com­pen­si equi, lo sman­tel­la­men­to del­le mo­le­stie ses­sua­li si­ste­mi­che che ca­rat­te­riz­za­no la cit­tà. Hol­ly­wood può es­se­re un mon­dac­cio vo­lu­bi­le ge­sti­to tra­mi­te fa­vo­ri ses­sua­li, un di­va­no per i pro­dut­to­ri, e uno sgra­de­vo­le do ut des fra at­tri­ci bel­lis­si­me (e at­to­ri) e cen­tri di po­te­re un po’ me­no bel­li. Af­fer­ma­re che lo stu­pro è del tut­to inac­cet­ta­bi­le è ot­tu­sa­men­te scon­ta­to, ma per gli iste­ri­ci bi­so­gna chia­rir­lo ad al­ta vo­ce, nel mo­men­to in cui si co­min­cia­no a sol­le­va­re dub­bi sul­le nuo­ve per­ce­zio­ni ge­ne­ra­te dal #MeToo. Ciò che si è vi­sto suc­ce­de­re a Wa­shing­ton è che il mo­vi­men­to si è tra­sfor­ma­to in un’ar­ma po­li­ti­ciz­za­ta usa­ta per ab­bat­te­re un can­di­da­to sgra­di­to a una par­te, mac­chian­do­ne la re­pu­ta­zio­ne; si è trat­ta­to di un gio­co di po­te­re che ri­pro­du­ce­va in mo­do scon­vol­gen­te l’at­teg­gia­men­to di quel­le stes­se per­so­ne che ini­zial­men­te si vo­le­va­no scre­di­ta­re. All’im­prov­vi­so il #MeToo è par­so un mo­vi­men­to au­to­ri­ta­rio, con­vin­to che non esi­sta al­tra opi­nio­ne all’in­fuo­ri del­la sua e, co­sa an­cor più di­scu­ti­bi­le, che si deb­ba cre­de­re a qual­sia­si ac­cu­sa for­mu­la­ta da qual­sia­si don­na, an­che se al­cu­ne vi­cen­de di ri­lie­vo co­per­te dai me­dia la­scia­no in­ten­de­re il con­tra­rio: le fal­se ac­cu­se di stu­pro mos­se ai gio­ca­to­ri di la­cros­se del­la Du­ke Uni­ver­si­ty, il ca­so di Jac­kie Coa­kley al­la Uni­ver­si­ty of Vir­gi­nia e la ra­gaz­za del ma­te­ras­so al­la Co­lum­bia Uni­ver­si­ty. Ma­ni al­lun­ga­te, ge­ni­ta­li espo­sti, ba­ci in­de­si­de­ra­ti so­no di­ven­ta­ti rea­ti gra­vis­si­mi, e il giu­di­ce Ka­va­nau­gh è sta­to bol­la­to co­me pre­da­to­re ses­sua­le e aspi­ran­te stu­pra­to­re sul­la ba­se di un’ac­cu­sa non cor­ro­bo­ra­ta, e sen­za la mi­ni­ma pro­va. Le in­ten­zio­ni ini­zia­li del #MeToo so­no in­som­ma de­ge­ne­ra­te in una cac­cia al­le stre­ghe, vol­ta a spaz­zar via chiun­que fac­cia par­te del pa­triar­ca­to per ma­le­fat­te che, mol­to sem­pli­ce­men­te, al­la de­fi­ni­zio­ne di vio­len­za ses­sua­le, stu­pro o mo­le­stia si­ste­mi­ca non si av­vi­ci­na­no nem­me­no. Le mie so­rel­le si so­no mes­se a rin­ghia­re, quan­do gli ho chie­sto un pa­re­re sull’at­tua­le #MeToo. Una no­ta scrit­tri­ce, ospi­te del mio po­d­ca­st, mi ha pre­ga­to di chie­der­le qual­sia­si co­sa vo­les­si, ma per fa­vo­re non del #MeToo. La so­rel­la del mio fi­dan­za­to – tren­ta­due an­ni, ma­dre e im­pren­di­tri­ce di suc­ces­so – pen­sa che il mo­vi­men­to sia di­ven­ta­to «as­sur­do», e che an­che lei, se so­lo vo­les­se, po­treb­be tra­sfor­ma­re una de­ci­na di brut­te espe­rien­ze con gli uo­mi­ni in epi­so­di da #MeToo. Da ma­dre di una bam­bi­na, pe­rò, am­met­te la pos­si­bi­li­tà che il mo­vi­men­to tor­ni al suo si­gni­fi­ca­to ori­gi­na­le, l’ugua­glian­za per le don­ne, e spe­ra che sua fi­glia pos­sa evi­tar­si qual­cu­na del­le sec­ca­tu­re che so­no toc­ca­te a lei con gli uo­mi­ni. Ma se il #MeToo con­ti­nua co­sì, sua fi­glia con gli uo­mi­ni ri­schia an­che di non fa­re ses­so mai.

MAG­GIO­RAN­ZA REPUBBLICANA Brett Ka­va­nau­gh, 53 an­ni, è sta­to con­fer­ma­to dal Se­na­to ame­ri­ca­no co­me no­no giu­di­ce del­la Cor­te Su­pre­ma, con 50 vo­ti a fa­vo­re e 48 con­tro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.