Ro­ma non è «lo­ca­le»

Il di­ret­to­re An­to­nio Mon­da rac­con­ta la tre­di­ce­si­ma edi­zio­ne del­la Fe­sta del Ci­ne­ma, fat­ta di gran­di ti­to­li e star in­ter­na­zio­na­li

Vanity Fair (Italy) - - Show - di MA­RI­NA CAP­PA

Lo di­ce con il sor­ri­so, ma de­ci­so: quan­do Al­ber­to Bar­be­ra, di­ret­to­re del­la Mo­stra di Ve­ne­zia, ha det­to a Va­ni­ty Fair che quel­la di Ro­ma è una ma­ni­fe­sta­zio­ne «pre­va­len­te­men­te lo­ca­le» ha pre­so un ab­ba­glio. O me­glio, pre­ci­sa An­to­nio Mon­da, di­ret­to­re del­la Fe­sta del Ci­ne­ma di Ro­ma che si inau­gu­ra il 18 ot­to­bre: «Ha con­fu­so quel­lo che vor­reb­be fos­se con quel­lo che è dav­ve­ro». Per­ché il suo non è un fe­sti­val ma, ap­pun­to, una «fe­sta» che coin­vol­ge in tan­ti di­ver­si mo­di il mon­do in­te­ro del ci­ne­ma. Star in­ter­na­zio­na­li (da Ca­te Blan­chett a Mar­tin Scor­se­se, pas­san­do per lo scrit­to­re Jo­na­than Sa­fran Foer), che «da noi ven­go­no an­che se non han­no la­vo­ri da pro­muo­ve­re». Lo­ca­tion dif­fu­se per tut­ta la cit­tà: il cuo­re sem­pre nell’Au­di­to­rium, ma poi an­che 56 even­ti in al­tre zo­ne ro­ma­ne, dal cen­tro fi­no al car­ce­re di Re­bib­bia. Ap­pun­ta­men­ti te­le­vi­si­vi co­me la se­rie sul Wa­ter­ga­te fir­ma­ta da Char­les Fer­gu­son, re­gi­sta Oscar. Tut­to que­sto è im­por­tan­te, ma: i film? «Noi non sia­mo os­ses­sio­na­ti dal più bel­lo, co­me lo sa­reb­be un fe­sti­val, pre­fe­ria­mo fe­steg­giar­li tut­ti. Ciò det­to, que­st’an­no ab­bia­mo due gran­di pro­du­zio­ni del­le ma­jor: Quel­lo che non uc­ci­de, ul­ti­mo ca­pi­to­lo del­la sa­ga Mil­len­nium, che sa­rà qui con tut­to il ca­st, e Mia e il leo­ne bian­co con Mé­la­nie Lau­rent». Al di là del­le pro­du­zio­ni ma­jor, che co­sa ci sug­ge­ri­sce? «Bar­ry Jen­kins, il re­gi­sta di Moon­light che ab­bia­mo sco­per­to pro­prio a Ro­ma, pre­sen­ta Se la stra­da po­tes­se par­la­re, pro­ta­go­ni­sta una don­na che lot­ta per di­mo­stra­re l’in­no­cen­za del suo uo­mo ac­cu­sa­to di un cri­mi­ne. Poi pen­so che ci sa­rà mol­ta at­ten­zio­ne su Boy Era­sed di Joel Ed­ger­ton, che pren­de spun­to dal­la sto­ria ve­ra di quel­li che era­no i “cen­tri di rie­du­ca­zio­ne” dei gio­va­ni omo­ses­sua­li. Quan­to a te­mi so­cia­li, avre­mo an­che il nuo­vo Mi­chael Moo­re, Fah­ren­heit 11/9, che, do­cu­men­tan­do l’Ame­ri­ca di Trump, del­la vio­len­za e del­le ar­mi, si in­ter­ro­ga: “Co­me caz­zo sia­mo ar­ri­va­ti a tan­to?”». E gli ita­lia­ni? «La nuo­va com­me­dia di Vir­zì sa­rà un even­to spe­cia­le a chiu­su­ra del­la Fe­sta. Men­tre nel­la se­le­zio­ne uf­fi­cia­le ve­dre­mo Il vi­zio del­la spe­ran­za di Edoar­do De An­ge­lis, due an­ni fa au­to­re del pre­mia­tis­si­mo In­di­vi­si­bi­li». Co­me si po­ne la Fe­sta con i film Net­flix? A Ve­ne­zia uno di lo­ro, dal ti­to­lo pro­fe­ti­co Ro­ma, ha vin­to e si so­no sca­te­na­te po­le­mi­che... «Que­st’an­no non ab­bia­mo film Net­flix, ma non per­ché io non li vo­glia. Il ci­ne­ma og­gi è an­che que­sto, non si può re­gre­di­re. Co­me di­ce la Bib­bia: chi guar­da in­die­tro di­ven­ta di sa­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.