La cit­tà cock­tail

Il Bar Bas­so di Mi­la­no fe­steg­gia un com­plean­no im­por­tan­te: il pro­prie­ta­rio MAU­RI­ZIO STOC­CHET­TO ne rac­con­ta l’ani­ma le­ga­ta al cul­to del­le me­tro­po­li. A co­min­cia­re dal­la Go­tham di Bat­man

Vanity Fair (Italy) - - Living - di ANNAMARIA SBISÀ

Si di­ce che il fu­tu­ro ap­par­tie­ne a chi cre­de nei pro­pri so­gni. Il so­gno di Mau­ri­zio Stoc­chet­to, un no­me sim­bo­lo di Mi­la­no con il suo leg­gen­da­rio Bar Bas­so, è le­ga­to ai fu­met­ti di Bat­man, al­le tin­te cu­pe e agli edi­fi­ci slan­cia­ti di Go­tham Ci­ty, che a 5 an­ni ful­mi­na­no il suo im­ma­gi­na­rio: «Ho l’os­ses­sio­ne del­la cit­tà». Al­le ca­pi­ta­li de­di­ca una par­te del­le sue va­can­ze, per sco­prir­le op­pu­re ri­tro­var­le. Mau­ri­zio ha ami­ci ovun­que, il suo char­me è in­dub­bio, la fa­ma pu­re, e il ti­mi­do Stoc­chet­to che ama le cit­tà, di Mi­la­no è or­mai un’ico­na. Co­me un pif­fe­ra­io ma­gi­co, la scrit­ta al neon del suo Bar Bas­so at­ti­ra il mon­do dell’ar­te, del de­si­gn, del­la mo­da e i tan­ti fe­de­lis­si­mi e va­rie­ga­ti ami­ci-clien­ti, la co­mu­ni­tà che ora fe­steg­gia il Com­plean­no Sba­glia­to. Il Bar Bas­so com­pie 50 an­ni più uno: «Nel 2017 non era il mo­men­to giu­sto», ma la da­ta sba­glia­ta ga­ran­ti­sce il ti­to­lo per­fet­to, con eco al Ne­gro­ni Sba­glia­to, la mi­ti­ca va­rian­te con spu­man­te in­ven­ta­ta dal pa­dre ne­gli an­ni ’70. In una sto­ria che ri­pren­dia­mo dal 1967, quan­do il pa­dre di Mau­ri­zio, in­sie­me con il bar­man dell’Har­ry’s Bar, apre un nuo­vo mon­do: «Con le espe­rien­ze di Ve­ne­zia e dell’Ho­tel Po­sta di Cor­ti­na, la pro­po­sta era uno sti­le del be­re da gran­de al­ber­go, su stra­da». So­no an­ni di ot­ti­mi­smo e con­tro­cul­tu­ra, il sen­so d’ag­gre­ga­zio­ne mi­sce­la ar­ti­sti, po­li­ziot­ti, in­du­stria­li, ban­di­ti e in­tel­let­tua­li, e qui den­tro la ma­gia non è più cam­bia­ta. Tor­nia­mo a Bat­man e Go­tham Ci­ty: «C’era un’idea del buio e del­la not­te, un’este­ti­ca mo­no­cro­ma al­la Or­son Wel­les». Il mon­do che ha fat­to en­tu­sia­sma­re Mau­ri­zio, quan­do la fa­mi­glia an­nun­cia di tra­sfe­rir­si da Cor­ti­na a Mi­la­no: «So­gna­vo ci­ne­ma e vi­ta not­tur­na, ave­vo sei an­ni». Cos’è una cit­tà? «Un po­sto do­ve per­so­ne con in­te­res­si di­ver­si si uni­sco­no per far vi­ve­re i pro­pri so­gni». Lui ha uni­to il suo di Go­tham con gli in­gre­dien­ti di tut­ti i luo­ghi, in un cock­tail di ami­ci, viag­gi e ca­pi­ta­li. Mi­sce­la ser­vi­ta nel­la sua vi­bran­te vi­ta di drink-e-di-cit­tà. Cit­tà pre­fe­ri­te? «Quel­le che fun­zio­na­no, ma che so­no an­che un po’ in cri­si. Con un toc­co di no­stal­gia e vo­glia di rie­mer­ge­re». Sfu­ma­tu­re ur­ba­ne, co­me in quel­la di Bat­man, in bi­li­co tra be­ne e ma­le. C’è nel­la sua vi­sio­ne un pun­to pre­ci­so, da vi­ve­re ogni gior­no, in equi­li­brio tra pas­sa­to, pre­sen­te e fu­tu­ro. Pri­ma le­zio­ne di equi­li­brio: «L’in­can­to de­gli edi­fi­ci di Cor­ti­na fir­ma­ti da Gell­ner e Car­lo Scar­pa. Le­gno, ce­men­to e me­tal­lo, con que­gli an­go­li acu­mi­na­ti, in cui mi per­de­vo». An­go­li no­ta­ti da un cul­to­re dei det­ta­gli, uti­le nell’ar­te dei cock­tail, e co­me si di­ven­ta leg­gen­da­ri? «Gior­no do­po gior­no, in­te­rio­riz­zan­do gli stes­si ge­sti, men­tre si pren­do­no gli stes­si in­gre­dien­ti, muo­ven­do­si co­me sui ta­sti di un pia­no­for­te». Il suo­no cam­bia, a se­con­da di quan­to la bot­ti­glia è pie­na o men­tre si usa il do­sa­to­re: «Ogni vol­ta è una co­stru­zio­ne da ese­gui­re per­fet­ta­men­te». Mi­sce­la pre­ci­sa, co­me lui. Che sa so­prat­tut­to co­me muo­ver­si, ov­ve­ro re­stan­do fer­mo, per man­te­ne­re l’at­mo­sfe­ra sen­za tem­po del lo­ca­le, pun­to di ri­fe­ri­men­to del­le ten­den­ze che cor­ro­no in re­te: «È una scel­ta. Bi­so­gna ave­re una li­nea e pre­ser­var­ne l’iden­ti­tà». Ri­tua­li­tà e quo­ti­dia­ni­tà che at­ti­ra­no il lo­ro ro­ve­scio, un via­vai di vi­ta e di bic­chie­ri e di tut­to il mon­do che in­te­res­sa a Mau­ri­zio, cioè tut­to. Cos’è un cock­tail? «Un mo­men­to fri­vo­lo, che ha un suo per­ché se ci so­no le con­di­zio­ni per en­tra­re in uno sta­to men­ta­le par­ti­co­la­re e mol­to ur­ba­no». Una que­stio­ne di at­mo­sfe­ra, che sen­za cam­bia­re ar­re­di o in­gre­dien­ti Stoc­chet­to ha co­strui­to con le ami­ci­zie, a lui af­fi­ni co­me i gio­va­ni Marc New­son, Ja­sper Mor­ri­son, Ross Lo­ve­gro­ve e Ja­mes Ir­vi­ne che co­no­sce ne­gli an­ni ’80, tra i più ap­pas­sio­na­ti cul­to­ri dei bic­chie­ri per­so­na­liz­za­ti del lo­ca­le, og­gi ri­tro­vo cult del Fuo­ri­sa­lo­ne. An­che quan­do c’è fin trop­pa fol­la, Mau­ri­zio è sem­pre più a suo agio, nel suo pre­ci­so e sen­ti­men­ta­le so­gno quo­ti­dia­no.

«Una cit­tà è un luo­go do­ve per­so­ne di­ver­se si uni­sco­no per far vi­ve­re i pro­pri so­gni»

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.