RA­GAZ­ZE HI-TE­CH, SE­GUI­TE­MI!

Vanity Fair (Italy) - - Storie - di CHIOMA NNADI fo­to CHIEN-CHI CHANG

La top mo­del che vo­le­va di­ven­ta­re pe­dia­tra (e che ora si pre­pa­ra a di­ven­ta­re co­gna­ta di Ivan­ka Trump) non smet­te di so­gna­re. E lo fa in gran­de: la sfi­da è tra­ghet­ta­re le gio­va­ni stu­den­tes­se nel­la Si­li­con Val­ley. Do­ve non con­ta tan­to la ta­glia che in­dos­si ma il de­si­de­rio di im­pa­ra­re

«Pen­si che pos­sa­no ve­der­mi?», bi­sbi­glia Karlie Kloss con un to­no a me­tà tra ec­ci­ta­zio­ne e pa­ni­co. «Non vo­glio ro­vi­na­re la sor­pre­sa!», e con il suo me­tro e ot­tan­tot­to cer­ca di ran­nic­chiar­si die­tro una del­le nu­me­ro­se li­bre­rie del­la lu­mi­no­sa au­la al­la Bea­ver Coun­try Day School. È la pri­ma vol­ta che Ko­de wi­th Klos­sy, il suo cam­po esti­vo per ra­gaz­ze ado­le­scen­ti in­te­res­sa­te al­la tec­no­lo­gia, ar­ri­va a Bo­ston, e le quin­di­ci stu­den­tes­se – che si fan­no chia­ma­re «Klos­stons» – si stan­no pren­den­do una pau­sa di cin­que mi­nu­ti per sgran­chir­si le gam­be al rit­mo del po­po­la­ris­si­mo pas­so Cu­pid Shuf­fle du­ran­te un tu­to­rial di pro­gram­ma­zio­ne Html. Non san­no che la lea­der del cam­pus, la ce­le­ber­ri­ma mo­del­la, è let­te­ral­men­te tra di lo­ro. Ma il gio­co du­ra po­co: qual­cu­no ha in­tra­vi­sto i suoi pan­ta­lo­ni ver­di di Cé­li­ne fa­re ca­po­li­no dai li­bri di te­sto. «Karlie è qui!», ur­la a squar­cia­go­la una del­le ra­gaz­ze. Scop­pia il pan­de­mo­nio. Kloss sal­ta fuo­ri con le ma­ni al­za­te, e gri­da nel bac­ca­no: «Sor­pre­sa!». Tra le ra­gaz­ze che fre­quen­ta­no le scuo­le su­pe­rio­ri l’in­for­ma­ti­ca non go­de di gran­de po­po­la­ri­tà quan­to a sim­pa­tia, ma Kloss spe­ra ar­den­te­men­te di cam­bia­re le co­se. Nel gi­ro di so­lo quat­tro esta­ti, il cor­so è pas­sa­to da una clas­se di ap­pe­na 20 per­so­ne a New York a un pro­gram­ma na­zio­na­le che of­fre bor­se di stu­dio a 1.000 gio­va­ni don­ne in 25 cit­tà in tut­ti gli Sta­ti Uni­ti. Se­con­do il Nc­wit, il Na­tio­nal Cen­ter for Wo­men & In­for­ma­tion Tech­no­lo­gy, le don­ne rap­pre­sen­ta­no so­lo il 18% dei lau­rea­ti in in­for­ma­ti­ca e di con­se­guen­za so­no una mi­no­ran­za nel­la Si­li­con Val­ley; in ge­ne­ra­le, so­lo il 30% del­la for­za la­vo­ro nel set­to­re te­ch è don­na. In più, se­con­do al­cu­ni da­ti pre­oc­cu­pan­ti, il di­va­rio tra i ge­ne­ri nell’uni­ver­so tec­no­lo­gi­co sta au­men­tan­do: una ri­cer­ca pub­bli­ca­ta dal Nc­wit nel 2016 ha ri­le­va­to che il nu­me­ro del­le don­ne nel set­to­re da­gli an­ni ’90 re­gi­stra un co­stan­te de­cli­no, con un tas­so di ab­ban­do­no più che dop­pio ri­spet­to agli uo­mi­ni – 41% con­tro 17% –, il che ren­de un’ini­zia­ti­va co­me quel­la di Kloss più im­por­tan­te che mai. «Il di­va­rio tra i ses­si è un pro­ble­ma per­si­sten­te nel set­to­re del­la tec­no­lo­gia e non pos­sia­mo ri­sol­ver­lo se non ci bat­tia­mo in­sie­me per la cau­sa e la­vo­ria­mo per l’egua­glian­za», so­stie­ne Su­san Wo­j­cic­ki, che da quan­do è en­tra­ta a You­Tu­be co­me Ceo nel 2014 ha con­tri­bui­to ad au­men­ta­re la per­cen­tua­le di don­ne che la­vo­ra­no nel­la so­cie­tà dal 24 al 30%. Stes­so im­pe­gno da par­te di Resh­ma Sau­ja­ni, av­vo­ca­tes­sa ed ex de­pu­ty pu­blic ad­vo­ca­te per la cit­tà di New York (una fi­gu­ra che ha com­pi­ti si­mi­li a quel­li del di­fen­so­re ci­vi­co, ndr), la cui or­ga­niz­za­zio­ne no pro­fit Girls Who Co­de ha aper­to la stra­da a ini­zia­ti­ve co­me quel­la di Kloss. Dal lan­cio a New York nel 2012, Girls Who Co­de ha rag­giun­to 90 mi­la stu­den­tes­se in 50 Sta­ti con pro­gram­mi di cam­pi esti­vi e do­po­scuo­la a par­ti­re dal ter­zo an­no sco­la­sti­co. Sau­ja­ni è con­vin­ta che con­sen­ti­re al­le gio­va­ni il con­fron­to con un più am­pio spet­tro di mo­del­li fem­mi­ni­li avrà un ruo­lo fon­da­men­ta­le nel­la ri­du­zio­ne del di­va­rio tra i ge­ne­ri. «Que­st’im­ma­gi­ne cli­ché del pro­gram­ma­to­re nerd de­ve spa­ri­re, e la cul­tu­ra pop può dar­ci una ma­no. Ba­sta guar­da­re che co­sa ha fat­to per esem­pio Shon­da Rhi­mes, la crea­tri­ce del­la se­rie tv cult Grey’s Ana­to­my, nel cam­po del­la me­di­ci­na e del­la leg­ge. E non dob­bia­mo di­men­ti­ca­re che ne­gli an­ni Set­tan­ta le av­vo­ca­tes­se era­no

sol­tan­to il 10%». UNICORNO ON­LI­NE A pri­ma vi­sta si po­treb­be pen­sa­re che Kloss non sia la rap­pre­sen­tan­te per­fet­ta del mo­vi­men­to don­ne in cam­po tec­no­lo­gi­co: sto­ri­ca­men­te le top mo­del si so­no sem­pre de­di­ca­te a im­pre­se più mo­da­io­le, di­ven­tan­do per esem­pio sti­li­ste (Ka­te Moss per Top­shop; Gi­gi Ha­did per Tom­my Hil­fi­ger) o gu­ru del be­nes­se­re (Gi­se­le Bün­d­chen, Mi­ran­da Kerr). Che Kloss sia pas­sa­ta dal­la pas­se­rel­la agli am­bi­ti più com­pli­ca­ti di in­ter­net la ren­de una spe­cie di unicorno. «Karlie non è esat­ta­men­te quel­lo che la gen­te si im­ma­gi­na quan­do sen­te par­la­re di com­pu­ter nerd, ed è que­sta la ra­gio­ne che le ha re­so più fa­ci­le av­vi­ci­na­re e coin­vol­ge­re le ra­gaz­ze», spie­ga Me­lin­da Ga­tes, mo­glie di Bill, che ave­va in­con­tra­to Kloss a una con­fe­ren­za sul­la tec­no­lo­gia nel 2016. «Lei è la pro­va vi­ven­te che gli im­pren­di­to­ri del te­ch non de­vo­no per for­za es­se­re eti­chet­ta­ti in un cer­to mo­do». Fi­glia di un’ar­ti­sta e di un me­di­co, da pic­co­la Kloss so­gna­va di di­ven­ta­re pe­dia­tra. «Mi so­no sem­pre iden­ti­fi­ca­ta con la

bam­bi­na bra­va in ma­te­ma­ti­ca e scien­ze», di­ce, un’im­ma­gi­ne con­fer­ma­ta da Kri­sti­ne, la mag­gio­re del­le quat­tro so­rel­le Kloss che è di­ri­gen­te mar­ke­ting per Marc Ja­cobs Beau­ty: «Scher­za­va­mo sem­pre sul fat­to che Karlie era la nerd di fa­mi­glia», rac­con­ta. «Im­ma­gi­na­te un’ado­ra­bi­le sco­la­ret­ta di pri­ma ele­men­ta­re che si di­ver­te a fa­re espe­ri­men­ti scien­ti­fi­ci: quel­la era Karlie, sem­pre de­si­de­ro­sa di im­pa­ra­re». Per Kloss, tut­ta­via, orien­tar­si nel mon­do del­le mo­del­le era sta­ta la sfi­da mag­gio­re. «Ho sem­pre pen­sa­to, be’, non so­no una per­so­na con un ta­len­to ar­ti­sti­co, non mi vie­ne fa­ci­le. Ed è buf­fo aver do­vu­to im­pa­ra­re quel lin­guag­gio per avan­za­re nel mon­do del la­vo­ro, mi sem­bra­va co­sì dif­fi­ci­le». Kloss è sta­ta ca­ta­pul­ta­ta nel­la mo­da più di die­ci an­ni fa, quan­do ave­va so­lo quin­di­ci an­ni. E muo­ver­si in quell’am­bien­te co­me una gof­fa ado­le­scen­te con gli oc­chi da cer­biat­ta par­ten­do dal­la pe­ri­fe­ria di St. Louis non era cer­to fa­ci­le, an­che se la sfi­da più com­ples­sa nel­la sua car­rie­ra era ar­ri­va­ta più tar­di, quan­do pra­ti­ca­men­te era già fa­mo­sa. «Ave­vo ini­zia­to a pren­de­re la pil­lo­la e il mio cor­po era di­ven­ta­to più fem­mi­ni­le, si era­no svi­lup­pa­ti co­sce e fian­chi», spie­ga Kloss, che era pas­sa­ta dal­la ta­glia 38 al­la 42 nel gi­ro di un an­no. «Ho ini­zia­to a per­de­re la­vo­ri, non mi chia­ma­va­no per le sfi­la­te, gli sti­li­sti non mi con­si­de­ra­va­no più. Di col­po mi sem­bra­va che mi man­cas­se la ter­ra sot­to i pie­di». An­che se il di­bat­ti­to sul­le ta­glie e l’età del­le mo­del­le è in ra­pi­da evo­lu­zio­ne, que­sto ti­po di fru­stra­zio­ni so­no an­co­ra dif­fu­se nell’in­du­stria del­la mo­da, do­ve le pres­sio­ni per man­te­ne­re un cor­po da pre­a­do­le­scen­te pos­so­no ri­sul­ta­re schiac­cian­ti. Per Kloss, era sta­to il ter­re­mo­to che l’ave­va spin­ta a im­boc­ca­re una stra­da ina­spet­ta­ta. «Mi con­fron­ta­vo sem­pre con Gi­se­le – per me lei era l’esem­pio per­fet­to del­la mo­del­la di suc­ces­so – e non era un con­fron­to pro­dut­ti­vo. In quel mo­men­to c’è sta­ta la svol­ta: mi so­no re­sa con­to che do­ve­vo ac­cet­ta­re tut­te quel­le co­se che fan­no di me la don­na che so­no». Nel­la ri­cer­ca di se stes­sa, Kloss ave­va ri­pre­so la stra­da de­gli stu­di. Si era iscrit­ta al­la New York Uni­ver­si­ty e ave­va se­gui­to un cor­so di pro­gram­ma­zio­ne al­la Fla­ti­ron School. «Ho avu­to un’il­lu­mi­na­zio­ne quan­do mi so­no re­sa con­to di quan­to sia crea­ti­vo il lin­guag­gio del co­di­ce», di­ce. E co­sì ave­va con­ti­nua­to a stu­dia­re all’ac­ca­de­mia te­ch nei gior­ni li­be­ri an­che do­po la fi­ne del pro­gram­ma in­tro­dut­ti­vo. «Non sa­pe­vo chi fos­se Karlie all’ini­zio, ave­vo so­lo no­ta­to che era mol­to al­ta», ri­cor­da il co-fon­da­to­re del­la Fla­ti­ron School, Avi Flom­baum. «Mi ave­va col­pi­to la sua co­stan­za, avreb­be po­tu­to fa­re un mi­lio­ne di al­tre co­se. Si era dav­ve­ro ap­pas­sio­na­ta». Su suo con­si­glio Kloss de­ci­de di fon­da­re il pro­gram­ma di bor­se di stu­dio, e Flom­baum le dà un aiu­to fon­da­men­ta­le an­che nel de­fi­ni­re ed espan­de­re il cur­ri­cu­lum del cam­po esti­vo. Kloss è sta­ta tra le pri­me ad apri­re un pro­fi­lo In­sta­gram e pian pia­no ha rag­giun­to i set­te mi­lio­ni e mez­zo di fol­lo­wer. È an­che sal­ta­ta sul tre­no di You­Tu­be mol­to pri­ma de­gli al­tri – il suo ca­na­le di mo­da e li­fe­sty­le van­ta qua­si 750 mi­la ab­bo­na­ti. Il suo ac­count In­sta­gram è un mon­do sa­pien­te­men­te stu­dia­to in cui i sel­fie fat­ti du­ran­te le va­can­ze eso­ti­che coe­si­sto­no fe­li­ce­men­te con i pro­get­ti pro­fes­sio­na­li e l’im­pe­gno so­cia­le. «Pri­ma dell’av­ven­to dei so­cial, il ruo­lo del­la mo­del­la era so­prat­tut­to quel­lo di far­si ve­de­re. Io ho sem­pre vo­lu­to usa­re la mia vo­ce per ave­re un’in­fluen­za po­si­ti­va sul­le co­se. E ora pos­so par­la­re in tem­po rea­le».

L’AMO­RE (E LA PO­LI­TI­CA) Det­to que­sto, Kloss ha man­te­nu­to un si­len­zio che si è fat­to no­ta­re su­gli aspet­ti più spi­no­si del­la sua vi­ta pri­va­ta, fi­ni­ti sot­to i ri­flet­to­ri ne­gli ul­ti­mi me­si. Ha te­nu­to se­gre­to il suo fi­dan­za­men­to con l’uo­mo d’af­fa­ri Jo­shua Ku­sh­ner per un me­se pri­ma di ri­ve­lar­lo su In­sta­gram lo scor­so giu­gno. («Mi ha chie­sto di spo­sar­lo in mo­do ro­man­ti­co e dol­ce. Ab­bia­mo pas­sa­to il fi­ne set­ti­ma­na nel ver­de, fuo­ri New York, noi due so­li», ri­ve­la Kloss, che fa cop­pia con Ku­sh­ner, 33 an­ni, da quan­do ne ha 19, do­po aver­lo co­no­sciu­to a una ce­na di ami­ci in cui era­no se­du­ti vi­ci­ni). Quan­do Ivan­ka Trump ha po­sta­to un com­men­to di con­gra­tu­la­zio­ni sull’an­nun­cio dei so­cial me­dia, chia­man­do­la «so­rel­la», la mac­chi­na dei pet­te­go­lez­zi si è mes­sa su­bi­to in mo­to. Ivan­ka Trump si era con­ver­ti­ta all’ebrai­smo or­to­dos­so pri­ma di spo­sa­re il fra­tel­lo mag­gio­re di Jo­shua, Ja­red Ku­sh­ner (la fa­mi­glia è os­ser­van­te), che ge­sti­sce un im­pe­ro im­mo­bi­lia­re ed è se­nior ad­vi­ser del Pre­si­den­te. Kloss si è con­ver­ti­ta? Le due don­ne so­no dav­ve­ro ami­che? Le im­pli­ca­zio­ni di que­sto ma­tri­mo­nio d’al­to pro­fi­lo – e quin­di del suo rap­por­to

«SO­NO PAS­SA­TA DAL­LA 38 AL­LA 42 E HO INI­ZIA­TO A PER­DE­RE LA­VO­RI. SEN­TI­VO MANCARE LA TER­RA SOT­TO I PIE­DI»

con la con­tro­ver­sa pre­si­den­za Trump – non le sfug­go­no di cer­to. «Ho do­vu­to pren­de­re de­ci­sio­ni ba­san­do­mi sui miei prin­ci­pi mo­ra­li, met­ten­do da par­te ciò che pen­sa­no il pub­bli­co e i so­cial me­dia», spie­ga, sen­za ne­ga­re né con­fer­ma­re le vo­ci sul­la con­ver­sio­ne. «Ho scel­to di sta­re con l’uo­mo che amo no­no­stan­te tut­te le com­pli­ca­zio­ni. Se de­vo es­se­re sin­ce­ra, è fru­stran­te che l’at­ten­zio­ne dei me­dia sia mol­to più con­cen­tra­ta sul­la mia vi­ta per­so­na­le che sul­la car­rie­ra. Non mi pa­re che suc­ce­da lo stes­so con gli uo­mi­ni». Ep­pu­re la cop­pia è sta­ta re­la­ti­va­men­te aper­ta sul­le pro­prie pre­fe­ren­ze po­li­ti­che. Ku­sh­ner è sta­to sem­pre de­scrit­to co­me un de­mo­cra­ti­co, e nel tem­po ha rac­col­to cen­ti­na­ia di mi­lio­ni di dol­la­ri per Oscar, la start-up dell’Oba­ma­ca­re. Ha an­che par­te­ci­pa­to con la Kloss al­la di­mo­stra­zio­ne con­tro le ar­mi Mar­ch for Our Li­ves a Wa­shing­ton D.C. al­cu­ni me­si fa. «Jo­sh e io con­di­vi­dia­mo mol­ti dei va­lo­ri pro­gres­si­sti che gui­da­no le no­stre vi­te e le co­se per cui ci bat­tia­mo», af­fer­ma Kloss, che su In­sta­gram ave­va espres­so la pro­pria pre­fe­ren­za per Hil­la­ry Clin­ton – #ImWi­thHer – du­ran­te le ul­ti­me ele­zio­ni pre­si­den­zia­li. «Sia­mo dav­ve­ro cre­sciu­ti in­sie­me dal pun­to di vi­sta per­so­na­le e pro­fes­sio­na­le. Jo­sh sa che so­no un es­se­re cu­rio­so e un po’ nerd, e pen­so che mi ami per que­sto. Ci so­ste­nia­mo a vi­cen­da». Ov­via­men­te Ku­sh­ner è sta­to uno dei pri­mi so­ste­ni­to­ri del so­gno in­for­ma­ti­co di Kloss. Era an­da­to al­la pri­ma le­zio­ne di co­ding con lei, in­sie­me a un ami­co co­mu­ne. An­che se Kloss non lo am­met­te­reb­be mai, dà la sen­sa­zio­ne di aver­li sur­clas­sa­ti en­tram­bi. Guar­dan­do­la ag­gi­rar­si tra le ra­gaz­ze al cam­po esti­vo, dan­do sug­ge­ri­men­ti al­le stu­den­tes­se tut­te pre­se a fa­re brain­stor­ming in pic­co­li grup­pi sul lo­ro pro­get­to fi­na­le (c’è un si­to fan per The Ba­che­lor in un an­go­lo e un’app per met­te­re in co­mu­ni­ca­zio­ne gui­da­to­ri fre­schi di pa­ten­te con au­to usa­te nell’al­tro), si ca­pi­sce su­bi­to che è nel suo mon­do. La su­per­mo­del­la non vuo­le guar­da­re trop­po a fon­do nel­la sfe­ra di cri­stal­lo: «La ve­ri­tà è che non ho idea di do­ve sa­rò do­ma­ni. Nul­la di quel­lo che mi è suc­ces­so ne­gli ul­ti­mi die­ci an­ni è an­da­to esat­ta­men­te se­con­do i pia­ni, che poi è il bel­lo del­la vi­ta», di­ce.

UNA RE­TE AL FEM­MI­NI­LE «Quan­do ave­vo quin­di­ci an­ni ed ero a St. Louis non sa­pe­vo nien­te di mo­da o di co­ding – non ero mai nem­me­no sa­li­ta su un ae­reo! Spe­ro che i pros­si­mi die­ci an­ni mi por­ti­no al­tret­tan­te sor­pre­se e av­ven­tu­re e di es­se­re, a pre­scin­de­re da quel­lo che fa­rò, an­co­ra fe­li­ce, in sa­lu­te e cir­con­da­ta da per­so­ne che amo. Vo­glio con­ti­nua­re a la­vo­ra­re nel­la mo­da, a co­strui­re un bu­si­ness che fun­zio­na, fa­vo­ri­re l’ac­ces­so all’istru­zio­ne del­le gio­va­ni don­ne, e gra­zie a tut­to que­sto spe­ro di ave­re un im­pat­to po­si­ti­vo nel mon­do». Ha pre­so sot­to la sua ala pa­rec­chie del­le ex al­lie­ve del cam­po esti­vo da quan­do l’ha fon­da­to, in­clu­sa Tal­lie Eli­sha, gio­va­nis­si­ma istrut­tri­ce e as­si­sten­te del New Jer­sey che è in cit­tà per aiu­ta­re le «Klos­stons» ed è fe­li­ce di mo­strar­mi un si­to che al­cu­ne del­le sue com­pa­gne han­no crea­to un pa­io di an­ni fa, Get In­for­med, Yo. «Met­te in­sie­me in­for­ma­zio­ni da in­ter­net sul­le leg­gi che pas­sa­no dal Con­gres­so in tem­po rea­le, una spe­cie di se­tac­cio», spie­ga ti­mi­da­men­te. «Per­ché non le fai ve­de­re il pro­get­to che hai fat­to tu?», le sug­ge­ri­sce Kloss con il to­no af­fet­tuo­so da so­rel­la mag­gio­re. Eli­sha ar­ros­si­sce men­tre apre il si­to Co­de2Cu­re sul por­ta­ti­le, il si­to che ha crea­to per col­le­ga­re i ma­la­ti pe­dia­tri­ci di can­cro ad al­tri bam­bi­ni ne­gli ospe­da­li. «Quan­do sei pic­co­lo ti sen­ti mol­to so­lo in ospe­da­le, e ti an­noi», spie­ga Eli­sha, 17 an­ni. A 11 an­ni le era sta­ta dia­gno­sti­ca­ta una leu­ce­mia e quin­di ha pas­sa­to buo­na par­te dell’ado­le­scen­za in ospe­da­le. In ef­fet­ti il cam­po esti­vo le ha of­fer­to un grup­po di so­li­da­rie­tà fem­mi­ni­le quan­do ne ave­va più bi­so­gno. «C’è qual­co­sa di dav­ve­ro po­ten­te nel tro­var­si in una clas­se di so­le ra­gaz­ze, nell’ave­re una re­te di con­nes­sio­ne tut­ta al fem­mi­ni­le», di­ce Kloss, che con l’iP­ho­ne in ma­no aspet­ta una chia­ma­ta su Fa­ceTi­me da al­cu­ne gio­va­ni stu­den­tes­se Klos­sy a Dal­las. «Po­ter apri­re una por­ta per lo­ro: que­sto mi riem­pie di fe­li­ci­tà».

Pagg. 96-97: abi­to Ga­brie­la Hear­st. Ma­ke-up e hair Na­ta­lie Che­ka­ti.

Karlie Kloss con al­cu­ne del­le al­lie­ve du­ran­te uno dei cam­pi esti­vi di co­ding nel qua­le si im­pa­ra il lin­guag­gio ba­se del­la pro­gram­ma­zio­ne. L’HTML VA DI MO­DA

Karlie Kloss è tornata sul­le pas­se­rel­le per la col­le­zio­ne p/e 2019 di Off-Whi­te du­ran­te la Fa­shion Week pa­ri­gi­na che si è ap­pe­na con­clu­sa. TE­STA AL­TA, PAS­SO SI­CU­RO

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.