L’UO­MO CHE AMA (TUT­TE) LE DON­NE

Ha co­min­cia­to con sua ma­dre, «e non ho più smes­so». Pe­rò, no­no­stan­te ab­bia avu­to com­pa­gne «straor­di­na­rie», Da­niel Au­teuil ha de­ci­so di spo­sar­si so­lo do­po i cin­quant’an­ni. E ades­so met­te in guar­dia gli uo­mi­ni al­le pre­se con l’oro­lo­gio bio­lo­gi­co

Vanity Fair (Italy) - - Storie - di CAR­LA BARDELLI fo­to KASIA WANDYCZ

Eter­na­men­te in­na­mo­ra­to del­le don­ne – «Ho co­min­cia­to con mia ma­dre e non ho mai smes­so di amar­le» – Da­niel Au­teuil non si è pri­va­to del pia­ce­re di vi­ve­re «la tem­pe­sta or­mo­na­le in un bic­chier d’ac­qua che ar­ri­va in­tor­no al­la cin­quan­ti­na», pren­den­do­si una com­pa­gna mol­to più gio­va­ne. Gli è suc­ces­so più di una de­ci­na di an­ni fa, e ades­so ha de­ci­so di fa­re un film per rac­con­ta­re al mon­do «quan­to sia­no stu­pi­di gli uo­mi­ni che la­scia­no le lo­ro me­ra­vi­glio­se mo­gli, al­la ri­cer­ca di un’idea di leg­ge­rez­za che spes­so si tra­sfor­ma in un in­cu­bo». So­gno di una not­te di mez­za età, che ha di­ret­to e in­ter­pre­ta­to, con la com­pli­ci­tà di Gé­rard De­par­dieu, suo ami­co da sem­pre, è il suo quar­to la­vo­ro da re­gi­sta e l’ot­tan­te­si­mo da at­to­re. 68 an­ni, un fi­glio di 8 – Za­cha­ry –, po­che set­ti­ma­ne fa Au­teuil ha ac­com­pa­gna­to all’al­ta­re la sua se­con­do­ge­ni­ta Nel­ly avu­ta da Em­ma­nuel­le Béart, a lun­go sua com­pa­gna (pri­ma, era di­ven­ta­to pa­dre di Au­ro­re, la cui ma­dre è l’at­tri­ce An­ne Jous­set): «È sta­ta una gran­de emo­zio­ne, per­ché il ma­tri­mo­nio è un at­to d’amo­re, ma an­che un le­ga­me so­cia­le, che uni­sce due fa­mi­glie, i be­ni... For­se è per que­sto che io ho aspet­ta­to di com­pie­re 56 an­ni, pri­ma di spo­sar­mi per la pri­ma vol­ta». Che co­sa l’ha con­vin­ta a ca­pi­to­la­re? «Era tut­to quel­lo che mi re­sta­va da of­fri­re al­la don­na di cui ero e so­no an­co­ra per­du­ta­men­te in­na­mo­ra­to. Ma for­se è sta­to an­che un cam­bia­men­to dei tem­pi. Fac­cio par­te di quel­la ge­ne­ra­zio­ne che osan­na­va l’amo­re li­be­ro, can­ta­to nel­le can­zo­ni e re­ci­ta­to dai poe­ti. Ho avu­to don­ne straor­di­na­rie, che non ho spo­sa­to. Ma all’ul­ti­ma (Au­de Am­brog­gi, pit­tri­ce cor­sa di 41 an­ni: il lo­ro ma­tri­mo­nio è del 2006, ndr) non ho sa­pu­to re­si­ste­re». Non ca­pi­sco: ha fat­to un film fe­ro­ce con­tro gli uo­mi­ni ma­tu­ri che si la­scia­no an­da­re al­la fol­lia dell’amo­re per don­ne mol­to più gio­va­ni, ep­pu­re lei di que­sto rap­por­to è fe­li­ce. «Ma la mia sto­ria è sta­ta di­ver­sa. La dif­fe­ren­za d’età non c’en­tra. Sia­mo un uo­mo e una don­na fat­ti per sta­re

«IL MA­TRI­MO­NIO ERA TUT­TO CIÒ CHE AVE­VO DA OF­FRI­RE AL­LA PER­SO­NA DI CUI ERO E SO­NO FOL­LE­MEN­TE IN­NA­MO­RA­TO»

in­sie­me. Lo ab­bia­mo ca­pi­to dal pri­mo istan­te, ne ab­bia­mo con­fer­ma ogni gior­no. E la pa­ter­ni­tà tar­di­va, ar­ri­va­ta a 60 an­ni, è sta­ta un do­no del cie­lo, che mi ha riem­pi­to la vi­ta di gio­ia. Non vo­glio fa­re il vec­chio gio­va­not­to, so­no una per­so­na che vi­ve nel­la pie­nez­za del­la ma­tu­ri­tà. Con una gran­de for­tu­na». Qua­le? «Tut­to fun­zio­na a me­ra­vi­glia. So­no an­co­ra in splen­di­da for­ma (ri­de)». Al­lo­ra per­ché ce l’ha tan­to con gli uo­mi­ni che scel­go­no com­pa­gne mol­to più gio­va­ni, per ri­vi­ve­re cer­te emo­zio­ni? «Per­ché la mag­gior par­te di lo­ro lo fa per pes­si­me ra­gio­ni. Sen­to­no ar­ri­va­re quel col­po di… ca­lo­re, l’oro­lo­gio bio­lo­gi­co, che non se­gna più l’ora giu­sta ogni gior­no, e co­min­cia­no a sma­nia­re. Poi, co­me suc­ce­de nel mio film, ar­ri­va l’ami­co che ha tro­va­to la so­lu­zio­ne ef­fi­ca­ce, met­ten­do­si con uno schian­to di ra­gaz­za. Lo ve­di al set­ti­mo cie­lo, ap­pa­ga­to e vuoi fa­re co­me lui». Pen­sa che nel­la mag­gior par­te dei ca­si sia un er­ro­re se­gui­re i pro­pri de­si­de­ri? «Non è co­sì che si ri­sol­ve una cri­si. E poi non lo chie­da a me. Amo tal­men­te le don­ne, che ve­der­le sof­fri­re mi di­sgu­sta. La tua me­ra­vi­glio­sa mo­glie, quel­la che ti co­no­sce da sem­pre, nel­la pie­nez­za del­la cin­quan­ti­na, che ren­de le don­ne fan­ta­sti­che, non me­ri­ta di es­se­re la­scia­ta per ri­sol­ve­re il tuo pro­ble­muc­cio ado­le­scen­zia­le». Che co­sa do­vreb­be fa­re, se­con­do lei, la splen­di­da cin­quan­ten­ne che ve­de il ma­ri­to cor­re­re die­tro a una più gio­va­ne? «Lo de­ve la­sciar per­de­re. Sia­mo tal­men­te stu­pi­di, noi uo­mi­ni. Non do­ve­te ave­re pie­tà. Se è in­tel­li­gen­te, ca­pi­rà da so­lo che de­ve sem­pli­ce­men­te aspet­ta­re che la sma­nia pas­si, al­tri­men­ti peg­gio per lui. E so­prat­tut­to non fa­te­vi con­vin­ce­re a ri­pren­der­lo, quan­do tor­na pen­ti­to con la co­da fra le gam­be. Trop­po tar­di, mio ca­ro». Co­me ve­de, in­ve­ce, gli uo­mi­ni che co­me lei for­ma­no una ve­ra cop­pia con don­ne più gio­va­ni? «So­lo quel­li che han­no pro­get­ti glo­ba­li di cam­bia­men­to di vi­ta rie­sco­no a far fun­zio­na­re le cop­pie, di qual­sia­si ge­ne­re es­se sia­no. Un de­si­de­rio astrat­to di vo­glia di leg­ge­rez­za, co­me nel­la mag­gior par­te dei ca­si, non ba­sta. Le bel­le sto­rie so­no fat­te di vi­ta di tut­ti i gior­ni, di pic­co­le ri­nun­ce, di te­ne­rez­za, at­ten­zio­ni. È il pia­ce­re del­le don­ne, la più bel­la ri­com­pen­sa per un uo­mo. Gra­zie al­la vi­ta, so­no un uo­mo ap­pa­ga­to, an­che per­ché fac­cio un la­vo­ro che mi ap­pas­sio­na an­co­ra mol­tis­si­mo. Mi è pia­ciu­to dav­ve­ro gi­ra­re que­sto film». Non è sta­to dif­fi­ci­le di­ri­ge­re De­par­dieu? «Gé­rard può es­se­re un uo­mo mol­to dif­fi­ci­le, quan­do non lo sai pren­de­re. Con me è una mam­mo­la, ci vo­glia­mo be­ne da sem­pre, ab­bia­mo la stes­sa età e mol­te espe­rien­ze co­mu­ni. Il mio è an­che un film sull’ami­ci­zia fra uo­mi­ni, per que­sto ho scel­to un ami­co co­me at­to­re prin­ci­pa­le». In que­sti gior­ni, la ve­dia­mo al ci­ne­ma an­che in Qua­si ne­mi­ci... «So­no due film mol­to di­ver­si. Qua­si ne­mi­ci di Yvan At­tal è una bel­la fa­vo­la mo­der­na, sul­la dif­fi­col­tà dei gio­va­ni che ven­go­no da clas­si so­cia­li bas­se a ele­var­si, fa­re buo­ni stu­di e riu­sci­re nel­la vi­ta: un te­ma af­fa­sci­nan­te ed estre­ma­men­te at­tua­le». E ades­so che co­sa sta fa­cen­do, ol­tre al ma­ri­to fe­de­le? «Sto gi­ran­do La bel­le épo­que, di Ni­co­las Be­dos, con una don­na me­ra­vi­glio­sa: Fan­ny Ar­dant. Ca­pi­sce per­ché amo an­co­ra mol­tis­si­mo il mio me­stie­re, do­po più di 80 film?».

«QUAN­DO VO­STRO MA­RI­TO SE N’È AN­DA­TO, NON RIPRENDETELO SE TOR­NA CON LA CO­DA FRA LE GAM­BE»

MO­GLIE VE­RA E PER FIC­TION A si­ni­stra, Au­teuil con Au­de Am­brog­gi, 41 an­ni, pit­tri­ce che ha spo­sa­to nel 2006 e dal­la qua­le ha avu­to il fi­glio Za­cha­ry. Se Au­de è la pri­ma mo­glie uf­fi­cia­le dell’at­to­re, in pre­ce­den­za Da­niel ha avu­to lun­ghe sto­rie d’amo­re: con l’at­tri­ce An­ne Jous­set, da cui nel 1981 è na­ta la sua pri­mo­ge­ni­ta Au­ro­re (in al­to a si­ni­stra, le due don­ne), e con Em­ma­nuel­le Béart (so­pra, con lui nel film del 1995 Una don­na fran­ce­se), 55, ma­dre di sua fi­glia Nel­ly.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.