Il Gran­de Fra­tel­lo (ve­ro) ar­ri­va in Ci­na

Vanity Fair (Italy) - - Primo Piano - di MATTHEW CARNEY fo­to BRANT CUMMING

Nel Pae­se più abi­ta­to del mon­do è par­ti­to un pro­get­to-pi­lo­ta con una re­te di 200 mi­lio­ni di te­le­ca­me­re per se­gui­re mol­to da vi­ci­no, 24 ore su 24, il mi­liar­do e 400 mi­lio­ni di cit­ta­di­ni. Di­stri­bui­sce pun­ti e be­ne­fit, in ba­se ai com­por­ta­men­ti. Si chia­ma «cre­di­to so­cia­le», ma fa pen­sa­re a una dit­ta­tu­ra di­gi­ta­le: ad al­cu­ni por­te­rà van­tag­gi, al­tri in­ve­ce so­no già in pu­ni­zio­ne

Dan­dan Fan è la clas­si­ca ci­ne­se mo­der­na. Pro­fes­sio­ni­sta del set­to­re mar­ke­ting, è una gran­de la­vo­ra­tri­ce e gua­da­gna be­ne: in un cer­to sen­so rap­pre­sen­ta la cit­ta­di­na ci­ne­se mo­del­lo. Ma Dan­dan è sor­ve­glia­ta 24 ore su 24. Una re­te ca­pil­la­re di 200 mi­lio­ni di te­le­ca­me­re a cir­cui­to chiu­so spar­se in tut­ta la Ci­na ga­ran­ti­sce che non ci sia nem­me­no un an­go­lo buio do­ve na­scon­der­si. Ogni suo mo­vi­men­to, ogni suo ge­sto – gran­de o pic­co­lo che sia –, per­fi­no i suoi pen­sie­ri pos­so­no es­se­re mo­ni­to­ra­ti e va­lu­ta­ti. E Dan­dan di­ce che va be­ne co­sì. Quel­lo che può sem­bra­re co­me un’im­ma­gi­ne di­sto­pi­ca del fu­tu­ro in Ci­na è già real­tà. Il Par­ti­to Co­mu­ni­sta lo chia­ma «cre­di­to so­cia­le» e fa sa­pe­re che en­tro il 2020 sa­rà un si­ste­ma pie­na­men­te ope­ra­ti­vo. Da qui a po­chi an­ni – si leg­ge dal pro­gram­ma uf­fi­cia­le del Par­ti­to – «con­sen­ti­rà al­le per­so­ne af­fi­da­bi­li di muo­ver­si in li­ber­tà, im­pe­den­do, in­ve­ce, ai me­no af­fi­da­bi­li di fa­re an­che un pic­co­lo pas­so». Il cre­di­to so­cia­le va im­ma­gi­na­to co­me una sche­da di va­lu­ta­zio­ne per­so­na­le per il mi­liar­do e 400 mi­lio­ni di cit­ta­di­ni che po­po­la­no la Ci­na. In un pro­gram­ma pi­lo­ta già at­ti­vo, cia­scun cit­ta­di­no ha ri­ce­vu­to un pun­teg­gio su un to­ta­le di 800 (in al­tri pro­gram­mi il to­ta­le ar­ri­va a 900). Chi, co­me Dan­dan, rie­sce a ot­te­ne­re i mi­glio­ri «pun­teg­gi dei cit­ta­di­ni» ri­ce­ve­rà un trat­ta­men­to da vip all’in­ter­no di ho­tel e ae­ro­por­ti, ol­tre a pre­sti­ti a bas­so co­sto e una cor­sia pre­fe­ren­zia­le per en­tra­re nel­le mi­glio­ri uni­ver­si­tà e ot­te­ne­re qua­li­fi­ca­ti po­sti di la­vo­ro. I più scar­si, in­ve­ce, ri­schia­no di ri­ma­ne­re esclu­si dal­la so­cie­tà, con il di­vie­to di viag­gia­re, ot­te­ne­re li­nee di cre­di­to o ac­ce­de­re a po­si­zio­ni di la­vo­ro nel set­to­re pub­bli­co. Con­si­de­ra­to che la Ci­na è im­pe­gna­ta a di­ven­ta­re il lea­der mon­dia­le dell’in­tel­li­gen­za ar­ti­fi­cia­le, que­sto si­ste­ma sa­rà raf­for­za­to dai più avan­za­ti mec­ca­ni­smi tec­no­lo­gi­ci di sor­ve­glian­za. Le te­le­ca­me­re sa­ran­no do­ta­te di si­ste­ma di ri­co­no­sci­men­to fac­cia­le, bo­dy scan­ning e geo-trac­king, per mo­ni­to­ra­re da vi­ci­no ogni sin­go­lo cit­ta­di­no. Non so­lo: le app per smart­pho­ne sa­ran­no uti­liz­za­te per rac­co­glie­re ogni gior­no da­ti e mo­ni­to­ra­re il com­por­ta­men­to on­li­ne dei cit­ta­di­ni. A con­flui­re nei pun­teg­gi in­di­vi­dua­li sa­ran­no poi i big da­ta pro­ve­nien­ti da fon­ti più tra­di­zio­na­li, co­me ar­chi­vi am­mi­ni­stra­ti­vi, car­tel­le me­di­che e va­lu­ta­zio­ni sco­la­sti­che, ol­tre a re­gi­stri fi­nan­zia­ri e di si­cu­rez­za del­lo Sta­to. I pri­mi si­ste­mi di cre­di­to so­cia­le so­no già in fa­se di svi­lup­po in una doz­zi­na di cit­tà ci­ne­si. E so­no di­ver­se le azien­de che stan­no col­la­bo­ran­do con lo Sta­to per coor­di­na­re e con­fi­gu­ra­re la tec­no­lo­gia e met­te­re a pun­to gli al­go­rit­mi che de­ter­mi­ne­ran­no il pun­teg­gio fi­na­le dei cit­ta­di­ni ci­ne­si. Si trat­ta con ogni pro­ba­bi­li­tà del più im­por­tan­te pro­get­to di in­ge­gne­ria so­cia­le mai ten­ta­to, un mo­do per mo­ni­to­ra­re e ma­ni­po­la­re ol­tre un mi­liar­do di per­so­ne. Se avrà suc­ces­so, sa­rà la pri­ma dit­ta­tu­ra di­gi­ta­le al mon­do. Quan­do il cre­di­to so­cia­le sa­rà pie­na­men­te in vi­go­re, an­che i pro­dot­ti in­se­ri­ti nel car­rel­lo del­la spe­sa po­treb­be­ro pe­sa­re sul pro­prio pun­teg­gio so­cia­le. L’ac­qui­sto di trop­pi al­co­li­ci po­treb­be in­di­ca­re una di­pen­den­za: Dan­dan ri­schie­reb­be di per­de­re un pa­io di pun­ti. In­ve­ce, com­pra­re un pac­co di pan­no­li­ni po­treb­be sug­ge­ri­re un at­teg­gia­men­to re­spon­sa­bi­le, fa­cen­do­glie­ne ot­te­ne­re. E da­to che il si­ste­ma sa­rà «li­ve», il suo pun­teg­gio ver­rà ag­gior­na­to in tem­po rea­le.

Dan­dan non ha in­ten­zio­ne di op­por­si al­la pro­spet­ti­va di una vi­ta sot­to la sor­ve­glian­za del­lo Sta­to. La 36en­ne ci­ne­se sa che il cre­di­to so­cia­le non è un si­ste­ma per­fet­to, ma ri­tie­ne che sia il mo­do mi­glio­re per ge­sti­re un Pae­se com­ples­so, con la più al­ta con­cen­tra­zio­ne di po­po­la­zio­ne al mon­do. «Cre­do che gli abi­tan­ti di qual­sia­si Pae­se de­si­de­ri­no vi­ve­re in una so­cie­tà sta­bi­le e si­cu­ra», è il suo com­men­to. «Se, co­me so­stie­ne il no­stro go­ver­no, in ogni par­te del­le aree pub­bli­che sa­ran­no in­stal­la­te le te­le­ca­me­re, mi sen­ti­rò pro­tet­ta». Pro­ba­bil­men­te Dan­dan ot­ter­rà an­che di­ver­si van­tag­gi dal si­ste­ma. In­se­ri­ta nel si­ste­ma di cre­di­to fi­nan­zia­rio (già esi­sten­te) chia­ma­to Se­sa­me Cre­dit, Dan­dan ha un pun­teg­gio mol­to al­to – 770 pun­ti su un to­ta­le di 800 – e ri­sul­ta es­se­re una cit­ta­di­na ci­ne­se fe­de­le al suo Sta­to. Gra­zie a que­sta va­lu­ta­zio­ne, Dan­dan go­de già dei mol­ti van­tag­gi of­fer­ti dal ra­pi­do svi­lup­po del­la Ci­na. Un’app sul suo te­le­fo­no le ga­ran­ti­sce l’ac­ces­so a ser­vi­zi spe­cia­li, co­me la pre­no­ta­zio­ne di au­to e ca­me­re d’al­ber­go sen­za ne­ces­si­tà di de­po­si­to. Ma il cre­di­to so­cia­le non sa­rà in­fluen­za­to so­lo dal­la na­vi­ga­zio­ne in In­ter­net e dal­le scel­te di ac­qui­sto. An­che gli ami­ci e la fa­mi­glia avran­no un’in­fluen­za di­ret­ta sul pun­teg­gio per­so­na­le. Per esem­pio, se il tuo mi­glio­re ami­co o tuo pa­dre si fa­ces­se­ro scap­pa­re qual­che com­men­to ne­ga­ti­vo sul go­ver­no, ri­schie­re­sti di per­de­re pun­ti. Al­lo stes­so mo­do, an­che le per­so­ne che si fre­quen­ta­no o il part­ner

sa­ran­no va­lu­ta­ti e in­flui­ran­no sul cre­di­to so­cia­le di cia­scun cit­ta­di­no. Dan­dan si è spo­sa­ta per amo­re, ma ha an­che scel­to il ma­ri­to giu­sto: Xiao­jing Zhang po­treb­be ave­re un pun­teg­gio per­si­no più al­to del suo. Fun­zio­na­rio nel di­par­ti­men­to di Giu­sti­zia, è un af­fi­da­bi­le com­pa­gno del Par­ti­to. Lo di­mo­stra­no le sue opi­nio­ni: «Ab­bia­mo bi­so­gno di un si­ste­ma di cre­di­to so­cia­le, nel­la so­cie­tà ci­ne­se spe­ria­mo di so­ste­ner­ci l’un l’al­tro, aiu­tan­do chiun­que a vi­ve­re con agia­tez­za. È la spe­ran­za del pre­si­den­te Xi per il fu­tu­ro del Pae­se. Ed è an­che la spe­ran­za dell’in­te­ra na­zio­ne ci­ne­se».

La Ci­na a lun­go si è ca­rat­te­riz­za­ta co­me uno Sta­to con un for­te at­teg­gia­men­to di con­trol­lo, per que­sto i cit­ta­di­ni so­no abi­tua­ti a un go­ver­no con un ruo­lo in­ci­si­vo nel­la vi­ta pri­va­ta. Per mol­ti ci­ne­si, la pri­va­cy non ha lo stes­so va­lo­re che le si at­tri­bui­sce in Oc­ci­den­te. Dan­no mol­ta più im­por­tan­za al be­ne del­la co­mu­ni­tà ri­spet­to ai di­rit­ti in­di­vi­dua­li; ec­co per­ché la mag­gior par­te del­le per­so­ne pen­sa che, se il cre­di­to so­cia­le as­si­cu­re­rà una so­cie­tà più si­cu­ra, for­te e sta­bi­le co­me si di­ce, non po­trà che ave­re il lo­ro ap­pog­gio. Gran par­te del­la po­po­la­zio­ne ci­ne­se, pe­rò, non sem­bra com­pren­de­re quan­to il con­trol­lo del cre­di­to so­cia­le sia de­sti­na­to a es­se­re to­ta­liz­zan­te e non si è svi­lup­pa­to al­cun di­bat­ti­to pub­bli­co sul­la mes­sa in fun­zio­ne del si­ste­ma all’in­ter­no del­la so­cie­tà. Nel­la sfe­ra pri­va­ta, in­ve­ce, si è re­gi­stra­ta una cer­ta in­quie­tu­di­ne tra le clas­si me­die e con più al­ti li­vel­li di istru­zio­ne sul fat­to che il pun­teg­gio dei cit­ta­di­ni pos­sa di­ven­ta­re l’uni­co cri­te­rio di va­lu­ta­zio­ne dell’in­di­vi­duo. Ma non sa­rà cer­to que­sto a fer­ma­re il lan­cio del si­ste­ma. Il Par­ti­to lo sta usan­do per ri­con­qui­sta­re par­te del con­trol­lo per­so quan­do, ne­gli an­ni Ot­tan­ta, la Ci­na si aprì al mon­do, con il suo con­se­guen­te ra­pi­do svi­lup­po eco­no­mi­co. Sa­rà un mo­do per met­te­re a ta­ce­re il dis­sen­so e as­si­cu­ra­re il do­mi­nio as­so­lu­to del Par­ti­to.

Cir­ca 10 mi­lio­ni di per­so­ne so­no già sta­te pu­ni­te nel­le aree di te­st del cre­di­to so­cia­le. Liu Hu è uno di lo­ro. In mol­te so­cie­tà, sa­reb­be sta­to pre­mia­to. Ma non in Ci­na. Liu Hu è un gior­na­li­sta spe­cia­liz­za­to in­ve­sti­ga­ti­vo, con il me­ri­to di aver sco­per­to la cor­ru­zio­ne ai mas­si­mi li­vel­li del Par­ti­to, ri­sol­ven­do an­che ca­si di omi­ci­di se­ria­li. Ep­pu­re il go­ver­no lo per­ce­pi­sce co­me un ne­mi­co. Hu ha per­so il suo cre­di­to so­cia­le do­po es­se­re sta­to ac­cu­sa­to di aver com­mes­so uno spee­ch cri­me. Per il suo bas­so pun­teg­gio, al mo­men­to si ri­tro­va esclu­so dal­la so­cie­tà. Nel 2015 Hu ha per­so una cau­sa di dif­fa­ma­zio­ne do­po aver ac­cu­sa­to un fun­zio­na­rio di estor­sio­ne. È sta­to ob­bli­ga­to a pub­bli­ca­re scu­se uf­fi­cia­li e pa­ga­re una mul­ta, ma quan­do il tri­bu­na­le ha ri­chie­sto una san­zio­ne pe­cu­nia­ria ag­giun­ti­va, si è ri­fiu­ta­to di pa­ga­re. Lo scor­so an­no, il 43en­ne gior­na­li­sta si è ri­tro­va­to in­se­ri­to nel­la li­sta ne­ra co­me «di­so­ne­sto» all’in­ter­no di un pro­gram­ma pi­lo­ta del cre­di­to so­cia­le. «Tan­te per­so­ne fi­ni­sco­no sche­da­te nel­la li­sta ne­ra per er­ro­re, ma non rie­sco­no poi a uscir­ne in al­cun mo­do», rac­con­ta Hu. Quel che gli è suc­ces­so ha di­strut­to la sua car­rie­ra e lo ha iso­la­to. Il si­ste­ma di cre­di­to so­cia­le non gli con­sen­te più di viag­gia­re ed è te­nu­to agli ar­re­sti do­mi­ci­lia­ri nel­la sua cit­tà na­ta­le di Chon­g­qing. An­che i suoi ac­count sui so­cial me­dia, do­ve Hu ave­va pub­bli­ca­to gran par­te del­le sue in­chie­ste, so­no sta­ti pron­ta­men­te chiu­si. Hu so­stie­ne che, in­sie­me, i suoi ac­count di We­chat e Wei­bo con­ta­va­no due mi­lio­ni di fol­lo­wer, ma ora so­no sta­ti cen­su­ra­ti. È con­vin­to che la li­sta ne­ra in cui è in­se­ri­to sia di na­tu­ra po­li­ti­ca e per que­sto mo­ti­vo ha cer­ca­to di fa­re ap­pel­lo al­le au­to­ri­tà. Fi­no­ra non ha ot­te­nu­to al­cu­na ri­spo­sta. Hu ci tie­ne a di­re al mon­do che per lui il cre­di­to so­cia­le è un in­cu­bo. Que­sto suo at­teg­gia­men­to po­treb­be met­te­re in pe­ri­co­lo i suoi ami­ci e la sua fa­mi­glia, a ri­schio di pos­si­bi­li in­ter­ven­ti re­pres­si­vi del­lo Sta­to, ma Hu è cer­to che la mag­gior par­te dei ci­ne­si non ab­bia la più pal­li­da idea di quel che ac­ca­drà con l’an­nun­cia­ta dit­ta­tu­ra di­gi­ta­le. «Lo si ca­pi­sce dal­la con­di­zio­ne psi­co­lo­gi­ca del po­po­lo ci­ne­se», di­ce Hu. «È co­me se fos­se­ro cie­chi e sor­di, san­no po­co del mon­do e vi­vo­no in una to­ta­le il­lu­sio­ne».

Dan­dan, in­ve­ce, ha nel suo fu­tu­ro di­gi­ta­le pre­vi­sio­ni di cie­lo per­fet­ta­men­te se­re­no. In ser­bo per lei an­che un al­tro in­cen­ti­vo a mo­stra­re ot­ti­mi­smo ver­so il cre­di­to so­cia­le. È un si­ste­ma che as­si­cu­re­rà un av­ve­ni­re fe­li­ce e di buo­na sa­lu­te per suo fi­glio Rui­bao, che ha due an­ni. Gra­zie ai pun­teg­gi al­ti ot­te­nu­ti da en­tram­bi i ge­ni­to­ri, Rui­bao avrà un’in­fan­zia pri­vi­le­gia­ta, con ca­se, scuo­le e as­si­sten­za sa­ni­ta­ria tra le mi­glio­ri di­spo­ni­bi­li. Ri­ce­ve­rà i van­tag­gi e le pro­te­zio­ni del Par­ti­to. Al­me­no fin­ché mam­ma e pa­pà man­ter­ran­no il lo­ro buon pun­teg­gio.

Un’im­ma­gi­ne del­le te­le­ca­me­re at­ti­ve in stra­da: il si­ste­ma ci­ne­se è in fa­se spe­ri­men­ta­le in 12 cit­tà, do­vreb­be en­tra­re a pie­no re­gi­me nel 2020.

Il ri­co­no­sci­men­to fac­cia­le ope­ra­to dal­le te­le­ca­me­re a cir­cui­to chiu­so. An­che le app sa­ran­no uti­liz­za­te per mo­ni­to­ra­re i da­ti dei cit­ta­di­ni ci­ne­si.

Dan­dan Fan, 36 an­ni, spo­sa­ta, ha un fi­glio. Ec­co­la men­tre vie­ne «os­ser­va­ta» du­ran­te la spe­sa al su­per­mer­ca­to: an­che gli ac­qui­sti pos­so­no in­fluen­za­re il suo pun­teg­gio di «cre­di­to so­cia­le».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.