BUR­RA­SCA SU TRUMP

Chi è la don­na che di­ce di aver fat­to ses­so con il pre­si­den­te e di es­se­re sta­ta pa­ga­ta per un ra­gaz­zo per­ché la ac­com­pa­gnas­se al bal­lo. Ma la sua vi­ta cam­biò quan­do gua­da­gnò ta­ce­re? In­con­tro con Stormy Daniels, por­no­star un tem­po co­sì «sfi­ga­ta» da do­ver p

Vanity Fair (Italy) - - Storie -

Quan­do bus­so al­la sua stan­za al Ro­ger Smi­th Ho­tel, Stormy Daniels se ne sta rin­ta­na­ta a New York da 24 ore. Aspet­ta di par­la­re con i pub­bli­ci mi­ni­ste­ri dell’in­chie­sta su Mi­chael Co­hen, l’ex av­vo­ca­to del pre­si­den­te ac­cu­sa­to di aver­le pa­ga­to 130 mi­la dol­la­ri per­ché non rac­con­tas­se dei suoi in­con­tri con Trump nel 2006. Stormy è se­du­ta al cen­tro di un enor­me di­va­no gri­gio, e io mi ac­co­mo­do da­van­ti a lei, su una pol­tro­na sco­lo­ri­ta. Tra noi ci so­no un tap­pe­to per­sia­no co­lor bron­zo e un ta­vo­li­no con so­pra una ca­raf­fa di caf­fè e un trion­fo di pa­stic­ci­ni den­tro una sca­to­la. Pa­pa­raz­zi e per­so­nag­gi che vo­glio­no che la smet­ta di par­la­re del­la sua pre­sun­ta sto­ria con il pre­si­den­te han­no ini­zia­to a ron­zar­le in­tor­no dal­la scor­sa pri­ma­ve­ra, quan­do ha de­ci­so di sfi­da­re Do­nald Trump. Nel far­lo è di­ven­ta­ta fa­mo­sa in tut­to il mon­do so­lo per il no­me: Stormy, «bur­ra­sco­sa». So­no le die­ci, è an­co­ra mat­ti­na pre­sto nel mon­do del­le por­no­star e dei lo­ro en­tou­ra­ge. Lei è scal­za, in­dos­sa jeans ne­ri at­til­la­ti con le cer­nie­re ar­gen­ta­te al­le ca­vi­glie e una ma­gliet­ta vio­la con lo scol­lo a V. Sen­za truc­co, a 39 an­ni sem­bra mol­to più gio­va­ne di quan­do lo scor­so mar­zo è ap­par­sa al pro­gram­ma 60 Mi­nu­tes e ha ri­ve­la­to a 22 mi­lio­ni di spet­ta­to­ri l’av­ven­tu­ra con Trump, i sol­di ri­ce­vu­ti per il suo si­len­zio, le mi­nac­ce al­la fi­glia e l’ac­cor­do di non di­vul­ga­zio­ne che so­stie­ne Co­hen l’ab­bia co­stret­ta a fir­ma­re pri­ma del­le Pre­si­den­zia­li del 2016. È schiet­ta, di­ver­ten­te, ama le pa­ro­lac­ce. Le chie­do mag­gio­ri det­ta­gli sul­la sua pre­sun­ta re­la­zio­ne con Trump. «Quan­ti det­ta­gli si pos­so­no da­re in un pa­io di mi­nu­ti?», di­ce. Due mi­nu­ti? «For­se. O for­se so­no ge­ne­ro­sa». Vi­ci­no a noi, c’è una scri­va­nia do­ve l’av­vo­ca­to di Stormy, Mi­chael Ave­nat­ti, che ha mes­so a pro­fit­to la sua cau­sa con­tro Trump e Co­hen ot­te­nen­do di es­se­re pre­sen­te su tut­ti i no­ti­zia­ri, fa le sue te­le­fo­na­te di la­vo­ro, igno­ran­do­ci. Con una ma­scel­la a for­ma di fri­go e mo­di da chi è stra­fat­to di caf­fei­na, a vol­te si com­por­ta da ma­cho che pro­teg­ge Daniels, an­che se di lei mi di­ce al­me­no tre vol­te: «È fur­ba co­me una vol­pe». Stormy si fi­da di Ave­nat­ti, ma lo trat­ta an­che co­me un fra­tel­la­stro be­nin­ten­zio­na­to che ha di­men­ti­ca­to di pren­de­re il suo Ri­ta­lin. «Vuoi un bi­scot­to?», gli ur­la al­lun­gan­do­gli la sca­to­la di pa­stic­ci­ni. «Sto cer­can­do di man­te­ne­re il mio fi­gu­ri­no da ra­gaz­za», ri­spon­de lui. Lei ro­tea gli oc­chi, poi sce­glie un muf­fin ai mir­til­li e mi di­ce che da quan­do è suc­ces­so «tut­to quel­lo che è suc­ces­so» non è più riu­sci­ta a go­der­si ve­ra­men­te un pa­sto. Le mi­nac­ce di mor­te – let­te­re ano­ni­me spe­di­te nei lo­ca­li pri­ma del suo ar­ri­vo, so­stan­ze so­spet­te na­sco­ste in re­ga­li la­scia­ti nei suoi ca­me­ri­ni – so­no di­ven­ta­te co­sì pe­san­ti da co­strin­ger­la ad as­su­me­re tre bo­dy­guard a tem­po pie­no. Li chia­ma i suoi Dra­go­ni. «Sia­mo an­da­ti in ri­sto­ran­ti do­ve do­po ave­re or­di­na­to da man­gia­re ci met­te­va­no co­sì tan­to a por­tar­ce­lo o la gen­te guar­da­va in mo­do co­sì in­si­sten­te da co­strin­ger­ci ad an­dar via». Fa schioc­ca­re le di­ta per­fet­ta­men­te cu­ra­te. «Per que­sto so­no co­sì ma­gra!».

Il 21 ago­sto Co­hen ha rag­giun­to un ac­cor­do di col­pe­vo­lez­za con i pub­bli­ci mi­ni­ste­ri fe­de­ra­li im­pe­gna­ti nell’in­chie­sta. L’ac­cor­do pre­ve­de­va il pa­ga­men­to di 130 mi­la dol­la­ri a Daniels e un as­se­gno se­pa­ra­to a Ka­ren McDou­gal, aven­do di­chia­ra­to en­tram­be di ave­re avu­to una re­la­zio­ne con Trump. Nel di­chia­rar­si col­pe­vo­le, Co­hen ha coin­vol­to Trump ri­ve­lan­do al­la Cor­te di ave­re pa­ga­to Stormy «su ri­chie­sta del... can­di­da­to» e «con il prin­ci­pa­le obiet­ti­vo di in­fluen­za­re le ele­zio­ni». «E ora co­me la met­ti?!», gli ha twit­ta­to lei in ri­spo­sta. La vio­la­zio­ne del­le leg­gi per il fi­nan­zia­men­to del­le cam­pa­gne elet­to­ra­li im­pli­ca che Co­hen sa­rà ac­cu­sa­to pe­nal­men­te – e for­se si fa­rà an­che un po’ di ga­le­ra. E il pre­si­den­te? Se non fos­se in ca­ri­ca, di si­cu­ro sa­reb­be sta­to in­cri­mi­na­to. Trump ha ne­ga­to di ave­re avu­to una re­la­zio­ne con Daniels. All’ini­zio ave­va rac­con­ta­to ai gior­na­li­sti a bor­do dell’Air For­ce One che non era a co­no­scen­za di al­cun pa­ga­men­to. Ma do­po che il suo av­vo­ca­to Ru­dol­ph W. Giu­lia­ni ha am­mes­so a Fox News che di fat­to il pre­si­den­te ha rim­bor­sa­to Co­hen, lui lo ha con­fer­ma­to, in­si­sten­do su Twit­ter sul fat­to che «né i sol­di del­la cam­pa­gna elet­to­ra­le né i con­tri­bu­ti so­no sta­ti uti­liz­za­ti nel­la tran­sa­zio­ne». Giu­lia­ni ha pre­ci­sa­to che «nel­le ac­cu­se mos­se dal go­ver­no con­tro il si­gnor Co­hen non si par­la di al­cu­na ir­re­go­la­ri­tà com­mes­sa dal pre­si­den­te». Il pa­ra­dos­so è che ades­so è Stormy quel­la co­stret­ta a vi­ve­re co­me un cri­mi­na­le ri­cer­ca­to. «Ci sia­mo ri­tro­va­ti coin­vol­ti in un pa­io di in­se­gui­men­ti in au­to», mi di­ce. «C’è gen­te che la­scia let­te­re sot­to la por­ta del­la mia stan­za, e che quin­di sa do­ve mi tro­vo, co­strin­gen­do­mi a cam­bia­re al­ber­go nel cuo­re del­la not­te». Si sie­de a gam­be in­cro­cia­te e strin­ge un cu­sci­no. «So­no una fug­gia­sca». Da me­si Daniels col­la­bo­ra con i pub­bli­ci mi­ni­ste­ri, for­nen­do lo­ro do­cu­men­ti re­la­ti­vi al pa­ga­men­to ri­ce­vu­to e pre­pa­ran­do­si per una pos­si­bi­le ap­pa­ri­zio­ne da­van­ti al Gran giu­rì. Ma, a det­ta di Ave­nat­ti, il pro­cu­ra­to­re di Sta­to per il Di­stret­to Sud di New York ha an­nul­la­to ina­spet­ta­ta­men­te un col­lo­quio. Per­ché? Mi ri­spon­de con un lun­go so­spi­ro ras­se­gna­to. Ma ha an­co­ra il con­trol­lo del suo de­sti­no? «Qua­si sem­pre. No, sì, cer­to, qua­si sem­pre». Stormy so­stie­ne che il suo ac­cor­do di non di­vul­ga­zio­ne non sia va­li­do per­ché Trump non lo ha fir­ma­to. Sta an­che que­re­lan­do il

pre­si­den­te e Co­hen per dif­fa­ma­zio­ne. Le ac­cu­se con­tro que­st’ul­ti­mo in­clu­do­no an­che fro­de ban­ca­ria ed eva­sio­ne fi­sca­le, ma se­con­do Re­bec­ca Roi­phe, do­cen­te di Leg­ge al­la New York Law School ed ex mem­bro dell’uf­fi­cio del pro­cu­ra­to­re di­stret­tua­le di Ma­n­hat­tan, è la vio­la­zio­ne ri­guar­dan­te il fi­nan­zia­men­to del­la cam­pa­gna – ac­cu­sa mes­sa in evi­den­za dal­la cau­sa ci­vi­le pro­mos­sa da Daniels – ad ave­re un mag­gior im­pat­to sul­la Ca­sa Bian­ca.

Del­le por­no­star spes­so si pen­sa che le lo­ro vi­te sia­no so­lo ses­so. Ma Stormy è una mam­ma che la­vo­ra. Si pren­de cu­ra di set­te ca­val­li, un so­gno di quan­do era bam­bi­na e im­plo­ra­va mo­ne­ti­ne da met­te­re nel po­ny mec­ca­ni­co fuo­ri dal su­per­mer­ca­to. Vi­ve in una ca­sa di pie­tra e mat­to­ni a For­ney, in Te­xas: una co­mu­ni­tà ru­ra­le e con­ser­va­tri­ce vi­ci­no a Dal­las che ha scel­to cin­que an­ni fa, quan­do si è stan­ca­ta di Las Ve­gas e Los Ange­les. Nel­la stal­la e nel cir­cui­to del­le cor­se di ca­val­li del Te­xas, gli ami­ci pen­sa­no che lei sia co­me Han­nah Mon­ta­na, una ra­gaz­za ca­ri­na con la dop­pia vi­ta. «Scher­zia­mo sem­pre sul fat­to che lei è di gran lun­ga la più no­io­sa di tut­te noi», di­ce una del­le sue ami­che, Ka­th­ryn Roan. «Nes­su­no la ve­de co­me Stormy Daniels. Per noi è una amaz­zo­ne pro­fes­sio­ni­sta. Qui in Te­xas è ri­ma­sta per mol­tis­si­mo tem­po as­so­lu­ta­men­te in in­co­gni­to». Daniels di­ce che non le­ga mai del tut­to con le al­tre don­ne («Va­do d’ac­cor­do più con gli uo­mi­ni»), ma nei cir­cui­ti di equi­ta­zio­ne ha tro­va­to Roan e un grup­po di ca­re ami­che, «stron­ze caz­zu­te». So­no agen­ti im­mo­bi­lia­ri o han­no la­vo­ri da im­pie­ga­te e gui­da­no pic­kup con scin­til­lan­ti ri­fi­ni­tu­re in pla­ti­no. Co­me lei, pos­sie­do­no ar­mi e per la mag­gior par­te si di­chia­ra­no re­pub­bli­ca­ne. Fra i suoi ami­ci c’è an­che Kei­th Mu­nyan, un fo­to­gra­fo di Los Ange­les che ha co­no­sciu­to du­ran­te un ser­vi­zio per uno dei suoi film per so­li adul­ti (chia­ma lui e il suo com­pa­gno «i miei pa­pà gay»). Mu­nyan ri­cor­da co­me do­po il lo­ro in­con­tro del 2006, Trump cer­cas­se di con­ti­nuo Stormy al te­le­fo­no. «Io ero lì che fa­ce­vo le mie fo­to e lei mi chia­ma­va dal­la cu­ci­na di­cen­do­mi “Guar­da chi sta chia­man­do”, e ini­zia­va­mo a ri­de­re. Chi se lo filava al­lo­ra Do­nald Trump? All’epo­ca era so­lo il ti­zio del reality show The Apprentice». Mu­nyan sa che chi cri­ti­ca Daniels la con­si­de­ra un’op­por­tu­ni­sta che fa sol­di sul suo quar­to d’ora di ce­le­bri­tà: «E al­lo­ra? Stormy è una che di­ce: “Io qui ci de­vo la­vo­ra­re. Ho una fa­mi­glia da man­te­ne­re”». «È una guer­rie­ra di stra­da. Avrà la me­glio su Trump»». Ma co­me rea­gi­sce lei al­le mi­nac­ce di ren­de­re pub­bli­ci i suoi vi­deo in cui fa ses­so? «Li ren­de­rò pub­bli­ci io, e si po­tran­no ave­re tut­ti quel­li che si vo­glio­no per so­li 29 dol­la­ri e 95 cen­te­si­mi». La sua in­cli­na­zio­ne a scher­za­re su tut­to na­scon­de pe­rò il pe­dag­gio psi­co­lo­gi­co e per­so­na­le che ha do­vu­to pa­ga­re di­ven­tan­do una del­le più ac­ca­ni­te op­po­si­tri­ci del pre­si­den­te. Do­po che un uo­mo ha cer­ca­to di fo­to­gra­fa­re la fi­glia di set­te an­ni, ha do­vu­to ri­ti­rar­la da scuo­la e as­su­me­re un in­se­gnan­te pri­va­to. Con la bam­bi­na si sen­to­no re­go­lar­men­te su Fa­ceTi­me ma non rie­sco­no a ve­der­si spes­so. «Se so­no io a chia­mar­la, di­ven­ta tri­ste, e al­lo­ra cer­co so­lo di aspet­ta­re che sia lei ad ave­re vo­glia di par­la­re con me». Ag­giun­ge: «Mia fi­glia sa che uo­mi­ni e don­ne esco­no in­sie­me e fan­no co­se, e sa che Trump è un ti­zio con cui usci­vo e che co­no­sce­vo tre an­ni pri­ma di in­con­tra­re suo pa­dre. Il pro­ble­ma è che con­ti­nua­no a usa­re la pa­ro­la por­no­star, e lei non sa co­sa sia una por­no­star, per­ché non sa cos’è il ses­so, e non mi sen­to an­co­ra del tut­to pron­ta a spie­gar­glie­lo». Il fat­to è che non si ver­go­gna del­la sua car­rie­ra, pen­sa pe­rò che eti­chet­tar­la sia in­giu­sto: «Non scri­ve­reb­be­ro mai “la bi­blio­te­ca­ria Stormy Daniels”, pe­rò di­co­no “la por­no­star”». Lo scor­so lu­glio è ar­ri­va­ta la no­ti­zia che il suo ter­zo ma­ri­to, il bat­te­ri­sta hea­vy me­tal e at­to­re por­no Glen­don Crain, ha chie­sto il di­vor­zio e l’af­fi­da­men­to esclu­si­vo del­la fi­glia (era lui a oc­cu­par­se­ne men­tre lei era in gi­ro). L’ha an­che ac­cu­sa­ta di in­fe­del­tà e ha pre­sen­ta­to una ri­chie­sta di or­di­ne re­strit­ti­vo tem­po­ra­neo che la Cor­te gli ha con­ces­so. In se­gui­to, si so­no pe­rò ac­cor­da­ti per l’af­fi­da­men­to con­giun­to. La set­ti­ma­na pri­ma che Crain pre­sen­tas­se la ri­chie­sta di di­vor­zio, Stormy sta­va fa­cen­do il suo so­li­to spet­ta­co­lo al Si­rens Gen­tle­men’s Club di Co­lum­bus, in Ohio, quan­do i vi­cei­spet­to­ri del di­par­ti­men­to di po­li­zia di Co­lum­bus l’han­no ar­re­sta­ta per at­ti­vi­tà di ti­po ses­sua­le il­le­ga­le, un rea­to mi­no­re. Me­no di ven­ti­quat­tr’ore do­po, le ac­cu­se so­no cadute. Da quan­do a 17 an­ni ha ini­zia­to a fa­re la spo­glia­rel­li­sta, Daniels è sem­pre sta­ta con­sa­pe­vo­le di che co­sa le ruo­ta­va in­tor­no, ca­pa­ce di va­lu­ta­re gli uo­mi­ni e ca­pir­ne le in­ten­zio­ni. «Per la­vo­ra­re nel mon­do dell’in­trat­te­ni­men­to per adul­ti de­vi es­se­re una per­so­na for­te, uno scien­zia­to. De­vi riu­sci­re a stu­dia­re la gen­te, ma an­che in­tui­re quan­do è giu­sto dir­si: ehi, con quel ti­zio nel­la stan­za vip non ci va­do». C’è una co­sa che con­ti­nuo a sen­ti­re di­re da­gli ami­ci di Stormy che la­vo­ra­no nel set­to­re: che è ine­vi­ta­bi­le che le don­ne nel por­no ab­bia­no a che fa­re con mo­le­stie ses­sua­li di un cer­to li­vel­lo. «Se ha la me­glio e vin­ce la cau­sa, con­ti­nue­rà a vi­ve­re la sua vi­ta, ma do­vrà sem­pre guar­dar­si le spal­le», di­ce Ala­na Evans, una star del ci­ne­ma a

«CHI SE LO FILAVA ALL’EPO­CA? LUI ERA SO­LO IL TI­ZIO DI APPRENTICE»

lu­ci ros­se che la co­no­sce da an­ni. Ma lei non si con­si­de­ra una vit­ti­ma. Am­met­te so­lo di sen­tir­si so­praf­fat­ta da ciò che le è suc­ces­so: «Im­ma­gi­na di ave­re del lat­te bian­co e del lat­te al cioc­co­la­to e che uno dei due rap­pre­sen­ta le emo­zio­ni po­si­ti­ve e l’al­tro quel­le ne­ga­ti­ve, e li ver­si en­tram­bi nel­lo stes­so bic­chie­re, tu sei lì che con­ti­nui a riem­pir­lo ed ec­co che tra­boc­ca». Se Daniels do­ves­se in­di­vi­dua­re un qual­co­sa che rap­pre­sen­ti quan­to è di­ven­ta­ta sur­rea­le la sua vi­ta, sa­reb­be il mer­chan­di­sing. Pri­ma, gli uo­mi­ni fa­ce­va­no la fi­la do­po i suoi spet­ta­co­li per com­pra­re fo­to di lei nu­da e dvd. Ades­so nien­te di tut­to que­sto va più. Ne­gli ul­ti­mi me­si, di­ce, «ho ven­du­to cin­que fo­to in cui so­no nu­da, e mi chie­do: che sta suc­ce­den­do?». È una di­na­mi­ca che ho vi­sto da vi­ci­no la pri­ma vol­ta che l’ho in­con­tra­ta al Silk Exo­tic Gen­tle­men’s Club di Mil­wau­kee. Era un sa­ba­to se­ra, lei ave­va ap­pe­na fi­ni­to quel­lo che di cer­to sa­rà l’uni­co strip­tea­se che ini­zia con una clip del pro­gram­ma 60 Mi­nu­tes. Si era tol­ta una giac­ca da smo­king di pail­let­tes, un cap­pel­lo a ci­lin­dro e pra­ti­ca­men­te tut­to (tran­ne un tan­ga ar­gen­ta­to) su un pal­co lac­ca­to ne­ro. Pri­ma che si met­tes­se con­tro Trump, il lo­ca­le avreb­be po­tu­to riem­pir­si del suo ex zoc­co­lo du­ro di fan – uo­mi­ni bian­chi del­la clas­se ope­ra­ia co­me quel­li che nel 2016 han­no aiu­ta­to «The Do­nald» a vin­ce­re. Ma pri­ma di mez­za­not­te, il club era pie­no so­lo per due ter­zi. Un pa­io di clien­ti fis­si fu­ma­va­no si­ga­ret­te elet­tro­ni­che ac­can­to a di­stri­bu­to­ri au­to­ma­ti­ci di bot­ti­gliet­te. Un al­tro strin­ge­va una co­pia di Pen­thou­se, con Stormy nu­da e av­vol­ta in una ban­die­ra ame­ri­ca­na. La se­ra pri­ma, du­ran­te una sua ap­pa­ri­zio­ne fuo­ri Ma­di­son, nel Wi­scon­sin, una cit­ta­di­na che ospi­ta un col­le­ge pro­gres­si­sta, il lo­ca­le si era riem­pi­to di or­de di stu­den­ti e don­ne che si era­no mes­si in fi­la pri­ma del­lo spet­ta­co­lo per com­pra­re ma­gliet­te con scrit­to #team­stor­my. Tra la sua per­for­man­ce del­le 23 e quel­la del­le 2, Daniels, che si era cam­bia­ta met­ten­do un abi­to a ca­not­tie­ra ne­ro a pois con gli strass, si era se­du­ta su un di­va­net­to, cir­con­da­ta dai suoi Dra­go­ni, per fir­ma­re au­to­gra­fi e po­sa­re per le fo­to. Un pa­io di roa­die ti­ra­va­no fuo­ri sou­ve­nir del mar­chio Stormy da un ce­sto di pla­sti­ca del­la bian­che­ria che ades­so ha il suo ac­count su In­sta­gram. Una se­gre­ta­ria con la ma­gliet­ta Ber­nie San­ders is Ma­gi­cal si era av­vi­ci­na­ta a lei per un sel­fie. «Il mio zoc­co­lo du­ro di pub­bli­co è com­ple­ta­men­te cam­bia­to», mi di­ce. Ades­so i fan di una vol­ta «so­no sem­pli­ce­men­te spa­ri­ti». Al lo­ro po­sto è sal­ta­ta fuo­ri la co­sid­det­ta Re­si­sten­za: don­ne, cop­pie gay, im­mi­gra­ti e al­tri pro­gres­si­sti di va­rio ge­ne­re che di­sprez­za­no Trump. «So­no so­prat­tut­to don­ne, e so­no ar­rab­bia­te», di­ce. Il la­to po­si­ti­vo è che «le don­ne dan­no le man­ce mi­glio­ri». «La gen­te ar­ri­va, si sen­te coin­vol­ta e scommette mol­to su di me. So­no lì che di­co­no co­se ti­po: “Sal­ve­rai il mon­do, sei una pa­trio­ta, sei un’eroi­na”. È stra­no, e mi ren­de più fa­ci­le ge­sti­re an­che le co­se ne­ga­ti­ve. Non è che sia sbar­ca­ta og­gi su Twit­ter e sco­pra so­lo ades­so che c’è qual­cu­no che mi dà del­la tro­ia», ag­giun­ge. Daniels non ha un pro­gram­ma po­li­ti­co: «Non so­no una so­ste­ni­tri­ce di Hil­la­ry, so­no una repubblicana». Una repubblicana che pos­sie­de pu­re una pi­sto­la. Pe­rò di­ce an­che che è «a fa­vo­re dell’abor­to, e dal­la par­te dei gay», e che l’ha di­sgu­sta­ta la cam­pa­gna del 2016, con Trump che in­sul­ta­va gli im­mi­gra­ti mes­si­ca­ni, i mu­sul­ma­ni, le don­ne. «Pen­sa­vo che par­las­se so­prat­tut­to il per­so­nag­gio che si era in­ven­ta­to. Poi len­ta­men­te ho ini­zia­to a ca­pi­re...». Ma non ha chie­sto lei di di­ven­ta­re la ma­scot­te del­la Re­si­sten­za. Gio­che­rel­la con il cu­sci­no. «Quan­do ho ini­zia­to que­sta co­sa, vo­le­vo so­lo sal­va­re il mio di cu­lo», mi di­ce, «non quel­lo di tut­ti».

Cre­sciu­ta a Ba­ton Rou­ge, in Loui­sia­na, Daniels, che all’ana­gra­fe si chia­ma Ste­pha­nie Clif­ford, scher­za­va sem­pre sui suoi ge­ni­to­ri, Bill e Shei­la Gre­go­ry, di­cen­do che do­ve­va­no aver­la ru­ba­ta a una cop­pia di ric­chi al cen­tro com­mer­cia­le. Ri­cor­da che da bam­bi­na pen­sa­va: «Non pos­so­no es­se­re i miei ve­ri ge­ni­to­ri. Mia ma­dre vi­ve in una ca­sa che ha una bar­ca in cor­ti­le che non vie­ne mes­sa in ac­qua dal 1982, ed è con­ten­ta di star­se­ne se­du­ta lì a fu­ma­re una si­ga­ret­ta do­po l’al­tra. Io non po­te­vo di­ven­ta­re co­me lei». Il pa­dre se ne è an­da­to quan­do lei ave­va quat­tro an­ni, e Stormy ri­cor­da la ma­dre che fa­ce­va due la­vo­ri ma non riu­sci­va a sta­re die­tro al­le bol­let­te. Non di­men­ti­che­rà mai l’ago­sto in cui ven­ne ta­glia­ta la cor­ren­te, e an­che og­gi quan­do uno dei suoi roa­die apre un sac­chet­to di Cool Ran­ch Do­ri­tos sul tour bus, l’odo­re la ri­man­da a un’in­fan­zia di ci­bo spaz­za­tu­ra. «I wur­stel in sca­to­la Vien­na Sau­sa­ge sui crac­ker: un ti­pi­co pa­sto a ca­sa mia», di­ce. È an­co­ra in­fu­ria­ta per

«LA GEN­TE SI SEN­TE COIN­VOL­TA E SCOMMETTE SU DI ME: SEI UN’EROI­NA»

un ar­ti­co­lo usci­to sul Dal­las Mor­ning News in cui Shei­la Gre­go­ry rac­con­ta­va di es­ser­si sen­ti­ta fe­ri­ta dal­la fi­glia e che avreb­be vo­ta­to Trump «tut­te le vol­te» che avreb­be po­tu­to. «Non par­lo con mia ma­dre da più di die­ci an­ni», mi di­ce, «e con mio pa­dre da ven­ti­due. In ca­sa non c’era vio­len­za, ma una gran­de tra­san­da­tez­za». (Shei­la ha rac­con­ta­to pe­rò che spes­so fa­ce­va due la­vo­ri «per com­pra­re qual­sia­si co­sa vo­les­se mia fi­glia»). Stormy ha fre­quen­ta­to la Sco­tland­vil­le Ma­gnet Hi­gh School, e poi una scuo­la pre­pa­ra­to­ria al col­le­ge in cui si stu­dia­va prin­ci­pal­men­te in­ge­gne­ria. Era una dei po­chi stu­den­ti che non ve­ni­va da una scuo­la pri­va­ta e da una fa­mi­glia di clas­se me­dia o al­to bor­ghe­se. Fi­ni­te le le­zio­ni, an­da­va da McDo­nald’s, do­ve la­vo­ra­va la sua mi­glio­re ami­ca, e se ne sta­va lì fi­no al­la chiu­su­ra per ri­me­dia­re ci­bo gra­tis. Nel 1997, tro­vò la­vo­ro co­me bal­le­ri­na al Gold Club. Si de­co­lo­rò i ca­pel­li e die­de vi­ta a Stormy Daniels, no­me che vie­ne da Storm, la fi­glia del bas­si­sta dei Mö­tley Crüe Nik­ki Si­xx, e dal whi­skey Jack Daniels. Ades­so ri­de per­ché all’epo­ca era un’ado­le­scen­te ab­ba­stan­za sfi­ga­ta che ha do­vu­to pa­ga­re un ra­gaz­zo per­ché la por­tas­se al bal­lo del­la scuo­la. Su­pe­ra­ti a pie­ni vo­ti gli esa­mi fi­na­li, di­ce di ave­re ot­te­nu­to bor­se di stu­dio com­ple­te per fre­quen­ta­re la Mis­sis­sip­pi Sta­te e la Te­xas A&M Uni­ver­si­ty. Ma il col­le­ge non era una pos­si­bi­li­tà al­la por­ta­ta del­la sua fa­mi­glia: «Mi do­man­do sem­pre co­me sa­reb­be sta­ta la mia vi­ta se aves­si avu­to ge­ni­to­ri co­me quel­li de­gli al­tri ra­gaz­zi che an­da­va­no al mio li­ceo», di­ce. Al Gold Club, c’era il ca­lo­re ma­ter­no che le man­ca­va da tem­po. «Ho im­pa­ra­to tut­te le pri­me co­se del­la vi­ta dal­le spo­glia­rel­li­ste che la­vo­ra­va­no in quel lo­ca­le». Era de­ter­mi­na­ta. La­vo­ra­va sei gior­ni a set­ti­ma­na. Si pre­sen­ta­va all’aper­tu­ra, al­le tre del po­me­rig­gio, e re­sta­va fi­no al­le due di not­te, ora­rio di chiu­su­ra. Poi, il 9 lu­glio del 1999 – ri­cor­da il gior­no esat­to – ar­ri­vò a gua­da­gna­re a suf­fi­cien­za per ri­far­si il se­no. L’in­ter­ven­to chi­rur­gi­co le per­mi­se di ot­te­ne­re man­ce ver­ti­gi­no­se e la fe­ce en­tra­re nell’in­du­stria del ci­ne­ma per so­li adul­ti (og­gi pe­rò si pen­te del­la sua quar­ta di reg­gi­se­no: «All’epo­ca era quel­lo che mi ser­vi­va. Og­gi va più un look na­tu­ra­le»). Quan­do Do­nald Trump l’ha co­no­sciu­ta, nel 2006, lei ave­va rag­giun­to un li­vel­lo di no­to­rie­tà qua­si inau­di­to nell’in­du­stria del ci­ne­ma a lu­ci ros­se e non so­lo, ave­va par­te­ci­pa­to a film co­me 40 an­ni ver­gi­ne e a un vi­deo del 2007 dei Ma­roon 5. Di­ce di es­ser­si sem­pre in­te­res­sa­ta al­la po­li­ti­ca, ba­san­do va­ga­men­te il suo film por­no più fa­mo­so, il co­mi­co Ope­ra­tion: De­sert Stormy, sul­la pri­ma Guer­ra del Gol­fo. Nel 2009, ave­va an­che con­tem­pla­to una pos­si­bi­le can­di­da­tu­ra al Se­na­to per rim­piaz­za­re il re­pub­bli­ca­no Da­vid Vit­ter col­le­ga­to a un gi­ro di pro­sti­tu­zio­ne. Il suo slo­gan sa­reb­be sta­to: «Spre­mi la gen­te one­sta­men­te». La pre­sun­ta sto­ria di Daniels con Trump – e an­che la maz­zet­ta avu­ta per sta­re zit­ta – non era un se­gre­to nel suo am­bien­te. «La pren­de­va­mo in gi­ro per­ché si era fat­ta da­re trop­po po­co», di­ce Kel­li Ro­berts, pro­dut­tri­ce di film por­no, che sa­pe­va da an­ni del fi­ne set­ti­ma­na in cui Stormy ha co­no­sciu­to il pre­si­den­te a un tor­neo di golf per ce­le­bri­tà a La­ke Ta­hoe. Lei stes­sa mi ha rac­con­ta­to che è sta­ta la sua «cu­rio­si­tà mor­bo­sa» a spin­ger­la ad an­da­re nel­la sua sui­te d’al­ber­go. In lui, di­ce ades­so, ve­de­va una per­so­na che «ave­va co­me per­so il con­tat­to con la real­tà. Si era crea­to que­sto per­so­nag­gio e poi lo era di­ven­ta­to». Ma non era af­fat­to spia­ce­vo­le chiac­chie­ra­re in­sie­me. Le ave­va chie­sto se le por­no­star pren­des­se­ro royal­ty ed era ri­ma­sto scioc­ca­to quan­do lei gli ave­va rac­con­ta­to che non go­de­va­no di nes­su­no dei be­ne­fi­ci di cui go­do­no gli at­to­ri main­stream di Hol­ly­wood. «Agli uo­mi­ni d’af­fa­ri pia­ce par­la­re di af­fa­ri», di­ce. «Trump fa­ce­va ot­ti­me do­man­de». Pe­rò, do­po che Stormy an­dò in ba­gno, all’usci­ta «lui era in mutande e ma­gliet­ta ed era lì che di­ce­va “Ehiiii...”, e io...». Fa ro­tea­re nuo­va­men­te i suoi oc­chi az­zur­ri. «È sta­to so­lo ses­so tra gen­te nor­ma­le». Tra­vis, uno dei suoi Dra­go­ni, rias­su­me co­sì la fre­ne­sia che si è crea­ta in­tor­no a Stormy Daniels: «La gen­te ha so­lo bi­so­gno di spe­ran­za e tu glie­la stai dan­do, ma tu sei au­ten­ti­ca, per cui c’è qual­co­sa in te con cui tut­ti rie­sco­no a iden­ti­fi­car­si». Lei non si ve­de co­sì: «So­no so­lo il ma­le mi­no­re». La no­stra in­ter­vi­sta è qua­si fi­ni­ta, ma mi è ri­ma­sta una do­man­da. Lei ha sem­pre in­si­sti­to sul fat­to che il ses­so è sta­to con­sen­sua­le e che la sua sto­ria non c’en­tra nien­te con il mo­vi­men­to del #MeToo. Ma da quan­do l’ho vi­sta di­re ad An­der­son Coo­per che si è sen­ti­ta in do­ve­re nei con­fron­ti di Trump («Ho avu­to quel­lo che mi me­ri­ta­vo per ave­re fat­to una pes­si­ma scel­ta an­dan­do da so­la in ca­me­ra di un uo­mo»), mi chie­do per­ché sem­pli­ce­men­te non sia an­da­ta via. Si è sen­ti­ta in qual­che mo­do in do­ve­re di fa­re ses­so con lui? Mi ri­spon­de in mo­do en­fa­ti­co: «No, non ha fat­to un bel nien­te. Non mi so­no sen­ti­ta nem­me­no per un mo­men­to fi­si­ca­men­te in pe­ri­co­lo. So­no cer­ta che se fos­si scap­pa­ta, non mi avreb­be nem­me­no in­se­gui­ta. E an­che se lo aves­se fat­to, non ave­va nes­su­na pro­ba­bi­li­tà di ac­chiap­par­mi... Ades­so co­mun­que di pro­ba­bi­li­tà ne ha an­co­ra me­no». [tra­du­zio­ne di Ti­zia­na Lo Por­to] Pag. 121: abi­to, Zac Po­sen. Orec­chi­ni, Tif­fa­ny & Co. Sty­ling Phyl­lis Po­snick. Ma­ke-up Dia­ne Ken­dal. Hair Gar­ren for R+Co. Hair­ca­re

«ERA IN MUTANDE E MA­GLIET­TA. È STA­TO SO­LO SES­SO FRA GEN­TE NOR­MA­LE»

DIE­CI AN­NI PRI­MA DELL’ELEZIONE L’in­con­tro (an­che ses­sua­le) con Do­nald Trump, 72 an­ni, av­ven­ne se­con­do Daniels nel lu­glio 2006. L’an­no pre­ce­den­te, l’im­pren­di­to­re e fu­tu­ro pre­si­den­te ave­va spo­sa­to Me­la­nia.

MOLESTATE (DA LUI) AN­CHE NOI 1. Sum­mer Zer­vos, 46 an­ni, con­cor­ren­te di The Apprentice. 2. Ra­chel Crooks, 35 an­ni, ex re­cep­tio­ni­st al­la Trump To­wer. 3. Ka­ren McDou­gal, 47 an­ni, mo­del­la ed ex co­ni­gliet­ta di Play­boy. 4. Ju­liet Hud­dy, 49 an­ni, con­dut­tri­ce tv. 5. Tem­ple Tag­gart, Miss Utah 1997.

L’AV­VO­CA­TO DEL PRE­SI­DEN­TE Stormy Daniels in apri­le a Ma­n­hat­tan, all’av­vio del pro­ces­so a Mi­chael Co­hen per fro­de ban­ca­ria e vio­la­zio­ne del­le leg­gi sui fi­nan­zia­men­ti in cam­pa­gna elet­to­ra­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.