LA BEL­LEZ­ZA IM­PER­FET­TA

Per Pao­lo Pel­le­grin, ogni fo­to im­por­tan­te è frut­to di un «al­li­nea­men­to di co­se», che quan­do av­vie­ne lo sen­ti e lo sai. Mol­ti dei suoi la­vo­ri di­ven­ta­no ora una mo­stra al Ma­x­xi di Ro­ma, che rac­con­ta 20 an­ni del­la sua ope­ra e del­la no­stra sto­ria

Vanity Fair (Italy) - - Storie - di SIL­VIA NUCINI fo­to PAO­LO PEL­LE­GRIN

P Per Pao­lo Pel­le­grin ogni fo­to­gra­fia im­por­tan­te è un pic­co­lo mi­ra­co­lo, un «al­li­nea­men­to di co­se» che, quan­do av­vie­ne, lo sen­ti e lo sai. Per ta­len­to ed espe­rien­za, quel­la sen­sa­zio­ne Pel­le­grin – fo­to­gra­fo Ma­gnum e vin­ci­to­re di 10 World Press Pho­to Award, più un’al­tra lun­ga se­rie di pre­mi – in trent’an­ni di car­rie­ra l’ha sen­ti­ta più spes­so di quan­to una cer­ta ri­tro­sia gli con­sen­ta di am­met­te­re. Per ce­le­bra­re il suo lun­go la­vo­ro di rac­con­to, il mu­seo Ma­x­xi di Ro­ma ha al­le­sti­to Pao­lo Pel­le­grin. Un’an­to­lo­gia, una gran­de mo­stra cu­ra­ta da Ger­ma­no Ce­lant che, at­tra­ver­so più di 150 im­ma­gi­ni – di cui al­cu­ne ine­di­te – e vi­deo, ri­per­cor­re gli ul­ti­mi 20 an­ni del suo la­vo­ro e, quin­di, an­che del­la no­stra sto­ria. In oc­ca­sio­ne del­la mo­stra (7 no­vem­bre-10 mar­zo 2019), ver­rà al­le­sti­to an­che un gran­de po­lit­ti­co com­mis­sio­na­to al fo­to­gra­fo dal mu­seo, sul­la cit­tà di L’Aqui­la: 140 fo­to sin­go­le e spo­sta­bi­li, al mo­men­to po­si­zio­na­te in mo­do che le lu­ci e le om­bre del­le im­ma­gi­ni crei­no una gran­de «frat­tu­ra» nel­la strut­tu­ra. E pro­prio a L’Aqui­la, nel­la pri­ma­ve­ra del 2019, apri­rà un se­con­do mu­seo Ma­x­xi do­ve sa­ran­no espo­sti quat­tro not­tur­ni fir­ma­ti Pel­le­grin, uno dei qua­li vi pre­sen­tia­mo in an­te­pri­ma. «Ho scat­ta­to le fo­to del po­lit­ti­co in cit­tà e poi, a la­vo­ro con­clu­so, co­me spes­so fac­cio, ho pre­so la mac­chi­na e so­no an­da­to nel­la na­tu­ra. Ho de­ci­so di la­vo­ra­re di not­te per­ché c’era una lu­na in­cre­di­bi­le. La lu­na è qual­co­sa che ri­cor­re nel­la mia vi­ta: è il no­me del­la mia pri­ma fi­glia, e in fa­mi­glia ci pia­ce pas­sa­re il tem­po a guar­dar­la. Per tre not­ti di lu­na pie­na ho gi­ra­to nel­le cam­pa­gne in­tor­no a L’Aqui­la e po­si­zio­na­to la mac­chi­na su un ca­val­let­to, la­vo­ran­do len­to, la­scian­do che la na­tu­ra in­ter­fe­ris­se, co­me ha fat­to il ven­to, che muo­ve­va l’at­trez­za­tu­ra. Ne è ve­nu­ta fuo­ri una ce­le­bra­zio­ne del­la bel­lez­za di quei luo­ghi, la lo­ro ani­ma sel­vag­gia, qual­co­sa di in­de­fi­ni­to che mi pia­ce ab­bia­no i miei la­vo­ri». Il non fi­ni­to è una sen­sa­zio­ne che ri­cor­re nei suoi scat­ti. «Un’im­ma­gi­ne vie­ne fi­ni­ta nel mo­men­to in cui vie­ne guar­da­ta. A me in­te­res­sa un ti­po di fo­to­gra­fia aper­ta, in cui il fo­to­gra­fo sug­ge­ri­sce, ma la­scia a me, spet­ta­to­re, la fa­col­tà di chiu­de­re il suo rac­con­to. Ci so­no fo­to me­ra­vi­glio­se che non ti per­met­to­no di en­tra­re, esi­sto­no per quel­lo che so­no. Per me, pe­rò, ogni im­ma­gi­ne è un in­vi­to al dia­lo­go». È più dif­fi­ci­le fa­re fo­to aper­te o chiu­se? «È mol­to dif­fi­ci­le scat­ta­re. Pen­sia­mo sia fa­ci­le, per­ché lo fac­cia­mo tut­ti, tut­ti i gior­ni, con i no­stri cel­lu­la­ri, ma non è co­sì. La­scia­re le fo­to aper­te è per me una co­stan­te nem­me­no più ra­zio­na­le; nel­la mia men­te c’è una pre­sen­za in­vi­si­bi­le che è quel­la del let­to­re a cui non vo­glio mai di­re: è co­sì. Per­ché nul­la è co­sì». Lei ha fo­to­gra­fa­to mol­tis­si­me si­tua­zio­ni: guer­re, ca­ta­stro­fi na­tu­ra­li, ha fat­to ri­trat­ti a ce­le­bri­ty e fo­to di na­tu­ra. C’è una di­men­sio­ne che sen­te più sua? «La fo­to­gra­fia di re­por­ta­ge, quel­la uma­ni­sti­ca, è la pie­tra an­go­la­re del mio la­vo­ro. Poi pe­rò, per ca­so e vi­ta, mi ca­pi­ta di esplo­ra­re cam­pi di­ver­si. Ka­thy Ryan, pic­tu­re edi­tor del New York Ti­mes Ma­ga­zi­ne, mi ha spin­to a fo­to­gra­fa­re per­so­nag­gi fa­mo­si e spor­ti­vi. E mi è pia­ciu­to far­lo, per­ché pro­va­re tut­ti gli am­bi­ti è un mo­do di ono­ra­re la fo­to­gra­fia. Una vol­ta ho la­vo­ra­to an­che nel back­sta­ge del­le sfi­la­te di mo­da, un luo­go che po­treb­be sem­bra­re fri­vo­lo, e for­se lo è dav­ve­ro, che pe­rò io ho cer­ca­to di trat­ta­re in ma­nie­ra se­ria».

«I MIEI SCAT­TI DE­VO­NO LA­SCIA­RE A CHI GUAR­DA LA FA­COL­TÀ DI CHIU­DE­RE IL RAC­CON­TO»

Nel la­vo­ro di re­por­ta­ge c’è an­che una di­men­sio­ne av­ven­tu­ro­sa. Quan­to è af­fe­zio­na­to a que­sto aspet­to del­la pro­fes­sio­ne? «Jan Ver­meer ha rac­con­ta­to il mon­do stan­do chiu­so in una stan­za. Io non ho mai in­se­gui­to il ri­schio e l’adre­na­li­na. Que­sti so­no aspet­ti col­la­te­ra­li del­la pro­fes­sio­ne, nem­me­no im­por­tan­ti». Pe­rò, al di là che lo si fac­cia in una si­tua­zio­ne pe­ri­co­lo­sa o me­no, ci vuo­le sem­pre un po’ di co­rag­gio a ti­ra­re fuo­ri una mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca e scat­ta­re. «Cer­ta­men­te con una mac­chi­na in ma­no non ti puoi na­scon­de­re, è uno sta­te­ment: “Sto fa­cen­do una fo­to”. Per cui sì, ci vuo­le co­rag­gio, sem­pre, so­prat­tut­to per chi è fon­da­men­tal­men­te ti­mi­do, co­me lo so­no io. Ma la ti­mi­dez­za – ho ca­pi­to – è an­che un mo­do per en­tra­re in sin­to­nia con la gen­te: il pu­do­re e la de­li­ca­tez­za spes­so por­ta­no a pro­va­re em­pa­tia nei con­fron­ti di chi sta da­van­ti al tuo obiet­ti­vo. La fo­to­gra­fia, lo scat­to, è sem­pre l’ul­ti­mo at­to di una co­sa di­ver­sa: un in­con­tro. In tan­ti an­ni che fac­cio fo­to, pos­so di­re di es­se­re sem­pre sta­to ben ac­col­to dal­le per­so­ne, e pen­so sia per­ché ho un mo­do di por­mi gen­ti­le e at­ten­to all’al­tro». Ri­guar­dan­do tut­te le fo­to in mo­stra, ve­de che il suo mo­do di la­vo­ra­re è cam­bia­to? «La fo­to­gra­fia è un lin­guag­gio vi­vo, sia­mo noi: cam­bia co­me noi cam­bia­mo. E le co­se del­la vi­ta la cam­bia­no. Per mol­ti an­ni ho la­vo­ra­to su una fo­to­gra­fia di ti­po ad­di­ti­vo, ra­gio­na­vo mol­to sul­le com­po­si­zio­ni com­ples­se, fat­te di più pia­ni, al­la ri­cer­ca di una pro­fon­di­tà che le im­ma­gi­ni per lo­ro na­tu­ra non han­no. Ades­so in­ve­ce mi tro­vo a fa­re la co­sa op­po­sta: una fo­to­gra­fia che to­glie e che sem­pli­fi­ca. Il mio idea­le è il ge­sto del cal­li­gra­fo giap­po­ne­se: di­re tut­to con un so­lo se­gno». Qua­li espe­rien­ze di vi­ta han­no cam­bia­to il suo mo­do di fo­to­gra­fa­re? «Una su tut­te: di­ven­ta­re pa­dre. Il pri­mo da­to og­get­ti­vo, for­se ba­na­le, è che non vo­glio cor­re­re più i ri­schi che cor­re­vo pri­ma, quan­do non c’era­no al­tre vi­te che di­pen­de­va­no dal­la mia. E poi la pa­ter­ni­tà mi ha re­so in qual­che mo­do più in sin­to­nia con le emo­zio­ni. O, me­glio, ho sem­pre cer­ca­to di es­ser­lo, ma ora ca­pi­sco le co­se in un mo­do di­ver­so. Non c’è nul­la di ra­zio­na­le o men­ta­le in que­sto pro­ces­so, è piut­to­sto qual­co­sa che pas­sa at­tra­ver­so il cer­vel­lo pri­mi­ti­vo. Ti na­sce un fi­glio e poi fo­to­gra­fi una ma­dre e ca­pi­sci co­sa sen­te». An­che la tec­no­lo­gia cam­bia lo sti­le de­gli scat­ti? «Cer­ta­men­te. Ma io mi por­to sem­pre die­tro an­che una mac­chi­na non di­gi­ta­le. Ho bi­so­gno di pos­se­de­re qual­co­sa di fi­si­co co­me un rul­li­no, sa­pe­re che lì ci so­no le mie im­ma­gi­ni, e non so­lo in una com­bi­na­zio­ne di 0 e 1 co­me nel di­gi­ta­le». Quan­do ha ca­pi­to che la fo­to­gra­fia era la sua stra­da? «So­no fi­glio di ar­chi­tet­ti, stu­dia­vo per di­ven­tar­lo an­che io, a Ro­ma. Ma qual­co­sa non an­da­va e un gior­no ho co­mu­ni­ca­to ai miei che avrei smes­so per stu­dia­re fo­to­gra­fia. Di lì a po­co ho sen­ti­to che que­sto mez­zo mi cor­ri­spon­de­va. Pe­rò per sen­tir­mi fo­to­gra­fo a pie­no ti­to­lo ci so­no vo­lu­ti al­tri 15 an­ni: lo so­no di­ven­ta­to so­lo do­po il Ko­so­vo. So­no usci­to dal­la tem­pe­sta di quel­la guer­ra con la pre­ci­sa sen­sa­zio­ne di un cam­bia­men­to». Che co­sa ha an­co­ra vo­glia di rac­con­ta­re con la sua mac­chi­na fo­to­gra­fi­ca? «Que­st’an­no, per met­te­re in­sie­me la mo­stra, mi so­no fer­ma­to un po’. Una pau­sa che non ave­vo mai pre­so in trent’an­ni e che è sta­ta una buo­na oc­ca­sio­ne per ri­flet­te­re. Ho dei pro­get­ti aper­ti che vo­glio por­ta­re avan­ti: la si­tua­zio­ne tra Israe­le e Pa­le­sti­na, una fa­mi­glia rom che vi­ve a Ro­ma che se­guo da tre an­ni. Mi in­te­res­sa una fo­to­gra­fia lun­ga e len­ta, mi pia­ce quan­do i sin­go­li scat­ti di­ven­ta­no un ve­ro cor­po di la­vo­ro. In que­sta pro­spet­ti­va ho vo­glia di con­ti­nua­re a in­da­ga­re – ho già ini­zia­to a far­lo – il pro­ble­ma del cam­bia­men­to cli­ma­ti­co. Un te­ma mol­to dif­fi­ci­le da rac­con­ta­re per­ché im­pli­ca un tem­po lun­go, di­men­sio­ne che la fo­to­gra­fia non è at­trez­za­ta a rap­pre­sen­ta­re. Ma mi sem­bra il te­ma dal qua­le non pos­sia­mo pre­scin­de­re».

L’AT­TEN­ZIO­NE, IL CO­RAG­GIO Per­so­ne in stra­da do­po un raid ae­reo israe­lia­no a Da­hiya, Bei­rut, du­ran­te la guer­ra del Li­ba­no del 2006.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.