Vi­ta da dj

Glo­be­trot­ter e ap­pas­sio­na­to di punk, LE­LE SAC­CHI pub­bli­ca un li­bro sul club­bing. E spie­ga che il fu­tu­ro è don­na

Vanity Fair (Italy) - - Show - di FER­DI­NAN­DO COTUGNO

Ci so­no due ti­pi di dj: quel­li che ci ar­ri­va­no per amo­re del­la mu­si­ca e quel­li che ci ar­ri­va­no per amo­re del­le fe­ste». Le­le Sac­chi, o me­glio Le­le dj, ha se­gui­to la pri­ma stra­da: ap­pas­sio­na­to di har­d­co­re e punk, spea­ker in una ra­dio di Pa­via e poi la con­sol­le, do­ve è di­ven­ta­to uno dei dj più fa­mo­si in Ita­lia, un glo­be­trot­ter co­me tut­ti i gran­di del­la sua sce­na. A qua­si ven­ti­cin­que an­ni di car­rie­ra ha scrit­to Club Con­fi­den­tial, un’au­to­bio­gra­fia con play­li­st che si può leg­ge­re in due mo­di al­tret­tan­to in­te­res­san­ti. Ro­man­zo di for­ma­zio­ne per dj o ana­li­si di co­sa so­no og­gi i club e le di­sco­te­che. «Per la mu­si­ca elet­tro­ni­ca gli an­ni No­van­ta, quan­do ho co­min­cia­to io, era­no co­me gli an­ni Ses­san­ta per il rock: c’era una crea­ti­vi­tà mol­to spon­ta­nea. Fa­re il dj non era una co­sa da stra­fi­ghi, era più ap­prez­za­to il ba­ri­sta. Ora sia­mo in un’epo­ca che as­so­mi­glia agli an­ni Set­tan­ta, quan­do il rock si era isti­tu­zio­na­liz­za­to e c’era­no i gran­di grup­pi pro­gres­si­ve di­stac­ca­ti dal pub­bli­co». Lì ar­ri­vò il punk a spaz­za­re via tut­to, nel mon­do del club; se­con­do Le­le dj, la ri­vo­lu­zio­ne equi­va­len­te sa­ran­no le don­ne. «La de­mo­cra­tiz­za­zio­ne di­gi­ta­le ha ab­bat­tu­to i co­sti e non co­strin­ge più i dj a pas­sa­re dai ne­go­zi, una scuo­la pe­san­te e ma­schi­li­sta». Og­gi ci so­no più don­ne a gui­da­re le dan­ze e il nu­me­ro cre­sce­rà in fu­tu­ro: un grup­po di 45 fe­sti­val, tra cui il Mu­tek, ha sot­to­scrit­to l’im­pe­gno a una li­neup per me­tà al fem­mi­ni­le en­tro il 2022. «Il club­bing na­sce aper­to, con­tro il raz­zi­smo, l’omo­fo­bia e la mi­so­gi­nia». I no­mi so­no tan­ti, le car­rie­re di El­len Al­lien, Miss Kit­tin e Peg­gy Gou te­sti­mo­nia­no che il cli­ché del dj ma­schio di­ven­te­rà sem­pre più una co­sa del pas­sa­to. «Pren­dia­mo Peg­gy, ha gran­di qua­li­tà, è una mu­si­ci­sta, suo­na an­che il pia­no­for­te e que­sto si sen­te nel­la pro­du­zio­ne».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.