Giu­bi­leo, ma non so­lo a pa­ro­le

Un 2016 di sto­rie po­si­ti­ve? Con la mi­se­ri­cor­dia e la vo­lon­tà, è pos­si­bi­le

Viaggi del gusto - - Editoriale -

Ca­ri let­to­ri, Ec­co­ci nel 2016. Il pri­mo au­spi­cio, do­ve­ro­so, è che pos­sa es­se­re per tut­ti noi e per il Pae­se in­te­ro, un nuo­vo an­no fo­rie­ro di no­vi­tà, po­si­ti­ve e so­prat­tut­to so­stan­zia­li, di quel­le cioè che con­tri­bui­sco­no fat­ti­va­men­te a ri­da­re slan­cio, e re­sti­tui­re spe­ran­za e fi­du­cia nel fu­tu­ro, in ogni cam­po del vi­ve­re quo­ti­dia­no. Pa­pa Fran­ce­sco, sot­to que­sto pun­to di vi­sta, se vo­glia­mo, ha già in­di­ret­ta­men­te trac­cia­to la stra­da, con il Giu­bi­leo del­la mi­se­ri­cor­dia da egli for­te­men­te vo­lu­to. Già, il Giu­bi­leo. Ne sen­tia­mo par­la­re or­mai tut­ti i gior­ni, da tut­ti i me­dia. Un mar­tel­la­men­to sen­za fi­ne che ci rac­con­ta ogni det­ta­glio, ogni aspet­to, ogni sfaccettatura (e ogni cri­ti­ci­tà, ve­ra o pre­sun­ta che sia) dell’An­no San­to in­det­to da Ber­go­glio e aper­to lo scor­so 8 di­cem­bre. In pro­po­si­to ab­bia­mo vi­sto e sen­ti­to di tut­to fi­no­ra, tran­ne una co­sa: gli ef­fet­ti cioè che, sui com­por­ta­men­ti dei cri­stia­ni, do­vreb­be­ro in­ne­sca­re quel­le tre pa­ro­le ma­gi­che: Giu­bi­leo-del­la-mi­se­ri­cor­dia. Ec­co,for­seè­tem­poal­lo­ra­cheo­gnu­no­di­noi–com­pre­sii pi­gri che si di­chia­ra­no agno­sti­ci o non cre­den­ti per la­var­si co­sì le ma­ni (e la co­scien­za) – ini­zi un la­vo­ro in­tro­spet­ti­vo per ten­ta­re di ren­de­re il no­stro com­por­ta­men­to coe­ren­te ri­spet­to al­le pa­ro­le e agli ap­pel­li del Pa­pa. Si co­min­ci ad esem­pio col com­pren­de­re, per­do­na­re e ave­re mi­se­ri­cor­dia di chi ha sba­glia­to e con­ti­nua a far­lo. Una so­cie­tà mi­glio­re, la si ini­zia a co­strui­re an­che at­tra­ver­so que­sti pic­co­li ge­sti quo­ti­dia­ni che ser­vo­no a mi­glio­rar­ci den­tro: ciò che sta in­tor­no a noi mi­glio­re­rà di con­se­guen­za. Ci pia­ce­reb­be quin­di che il 2016 fos­se un an­no nel qua­le a fa­re no­ti­zia sia­no so­prat­tut­to le sto­rie po­si­ti­ve. Le ne­ga­ti­vi­tà van­no rac­con­ta­te, non c’è dub­bio – e guai ad af­fer­ma­re il con­tra­rio! – ma non bi­so­gna di­men­ti­ca­re che per mil­le no­ti­zie di “ne­ra” ce ne so­no al­me­no al­tret­tan­te di buo­ne e ap­prez­za­bi­li (noi di VdG ne sia­mo te­sti­mo­ni!). Ba­sta so­lo ave­re la vo­lon­tà di cer­car­le e di da­re lo­ro vi­si­bi­li­tà. Pen­sia­mo ad esem­pio, in Ita­lia, a tut­ti que­gli im­pren­di­to­ri se­ri ed one­sti che la­vo­ra­no ogni gior­no per da­re al pub­bli­co un buon pro­dot­to e as­si­cu­ra­re so­sten­ta­men­to al­la pro­pria fa­mi­glia e ai pro­pri di­pen­den­ti. Op­pu­re pen­sia­mo al va­rie­ga­to mon­do del no­stro vo­lon­ta­ria­to: an­ch’es­so “un’ec­cel­len­za” ita­lia­na a tut­ti gli ef­fet­ti. Pro­prio di re­cen­te, all’in­ter­no di un ae­ro­por­to, ci è ca­pi­ta­to di no­ta­re quan­to sia ef­fi­cien­te e cor­te­se il ser­vi­zio di as­si­sten­za ai pas­seg­ge­ri an­zia­ni. Co­me ve­de­te, ba­sta guar­dar­si in­tor­no con oc­chi nuo­vi, per tro­var­vi il bel­lo. Ma, poi per da­re spa­zio gior­na­li­sti­co a que­ste real­tà po­si­ti­ve, oc­cor­ro­no an­che un’im­par­zia­li­tà, una vo­lon­tà e una buo­na fe­de che ai no­stri me­dia, pur­trop­po, trop­po spes­so fan­no di­fet­to. E se vo­le­te una di­mo­stra­zio­ne pla­sti­ca di que­st’ul­ti­ma af­fer­ma­zio­ne, vi ba­ste­rà guar­da­re un qua­lun­que te­le­gior­na­le. Per mol­te del­le prin­ci­pa­li te­sta­te te­le­vi­si­ve na­zio­na­li, la Campania, la Ca­la­bria o la Si­ci­lia equi­val­go­no so­lo a ma­laf­fa­re e cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta. Pos­si­bi­le che in que­ste re­gio­ni non suc­ce­da mai dav­ve­ro nien­te di buo­no? No, non è pos­si­bi­le, per­chè, co­me in ogni al­tra par­te del mon­do, an­che lì ac­can­to ai cri­mi­na­li, ai fan­nul­lo­ni, ai di­so­ne­sti, ci so­no le per­so­ne di va­lo­re, e so­no la mag­gio­ran­za. Ma evi­den­te­men­te ai me­dia te­le­vi­si­vi, di quel­lo che fan­no di buo­no i cam­pa­ni, i ca­la­bre­si, i si­ci­lia­ni, po­co im­por­ta. Chi ci se­gue, sa be­ne che a que­sto gior­na­le in­ve­ce “il bel­lo, il buo­no e il ben fat­to”, da qua­lun­que par­te d’Ita­lia ar­ri­vi, im­por­ta ec­co­me. Con­ti­nue­re­mo dun­que ad oc­cu­par­ce­ne, an­che nel 2016, nel­la con­vin­zio­ne che rac­con­ta­re sto­rie po­si­ti­ve e mo­del­li vir­tuo­si con­tri­bui­sce ad ispi­rar­ne al­tre, di sto­rie po­si­ti­ve e di mo­del­li vir­tuo­si. Con un pò di vo­lon­tà – e di mi­se­ri­cor­dia, per tor­na­re al te­ma del Giu­bi­leo – que­sto Pae­se si può mi­glio­ra­re dav­ve­ro. Nel frat­tem­po, co­min­cia­mo a cam­bia­re noi stes­si, in me­glio. Non ba­sta, ma di si­cu­ro aiu­ta.

Buon an­no e buon viag­gio del gu­sto

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.