I viag­gi del gu­sto di...

Il cac­cia­to­re di ec­cel­len­ze

Viaggi del gusto - - Sommario -

Da­vi­de Ram­pel­lo: re­gi­sta, di­ret­to­re ar­ti­sti­co e so­prat­tut­to “cac­cia­to­re” di ec­cel­len­ze go­lo­se

Do­po aver fat­to il re­gi­sta te­le­vi­si­vo, il di­ret­to­re ar­ti­sti­co di Ca­na­le 5, il pre­si­den­te del­la Trien­na­le e il cu­ra­to­re del Pa­di­glio­ne Ze­ro a Ex­po, for­se Da­vi­de Ram­pel­lo ha dav­ve­ro ca­pi­to co­sa vuol fa­re da gran­de: il cac­cia­to­re di qua­li­tà ita­lia­ne. Di quel­le che sfug­go­no, o che si dan­no per scon­ta­te. Di quel­le da cer­ca­re con fiu­to e con pas­sio­ne. Ram­pel­lo lo fa da due an­ni, co­me in­via­to di Stri­scia la no­ti­zia sul fron­te dell’Ita­lia mi­no­re (e mi­glio­re).

Con que­sti suoi viag­gi te­le­vi­si­vi nel­la co­sid­det­ta pic­co­la Ita­lia del­le ec­cel­len­ze, sem­bra di­ver­tir­si da mat­ti…

Di­rei pro­prio di sì. In tre mi­nu­ti con­den­sia­mo un luo­go e una vi­cen­da uma­na che lo ha tra­sfor­ma­to nel mi­glio­re dei mo­di per trar­ne pro­dot­ti gran­dio­si del­la ter­ra e del gu­sto. Quel­lo che mi pro­pon­go di fa­re è di­vul­ga­re que­ste sto­rie im­por­tan­ti e me­ra­vi­glio­se a un va­sto pub­bli­co, fat­to di mi­lio­ni di per­so­ne. Non so­lo in Tv, ma an­che in un li­bro, Pae­si, pae­sag­gi, che ho ap­pe­na pub­bli­ca­to (edi­to da Ski­ra nda) in­sie­me al­lo scrit­to­re Lu­ca Ma­sia. In 230 pa­gi­ne ri­per­cor­ria­mo al­cu­ni de­gli iti­ne­ra­ri pro­po­sti in tv. Ci sa­rà pre­sto una se­con­da pun­ta­ta.

Che Ita­lia ha tro­va­to? Non ci so­no an­co­ra trop­pi cam­pa­ni­li­smi, di­vi­sio­ni, di­sor­ga­niz­za­zio­ni?

Beh, me­no ma­le che ci so­no! Qua­li­tà è nar­ra­zio­ne del­le dif­fe­ren­ze, che van­no esal­ta­te, ap­pro­fon­di­te, sot­to­li­nea­te. Sen­za dif­fe­ren­ze non ci sa­reb­be qua­li­tà, sa­reb­be tut­to la stes­sa co­sa. Per di­re, ci so­no tan­tis­si­mi mo­di di fa­re i for­mag­gi, in ba­se al luo­go e all’ar­ti­gia­no che li fa e que­sta è la ric­chez­za dell’Ita­lia. Da pre­ser­va­re.

Pe­rò do­ve e co­me pos­sia­mo mi­glio­ra­re?

L’Ita­lia do­vreb­be aiu­ta­re di più que­ste per­so­ne che eser­ci­ta­no un’ar­te in ma­nie­ra straor­di­na­ria, of­fren­do a cia­scu­no di lo­ro il ri­co­no­sci­men­to uf­fi­cia­le di “be­ni cul­tu­ra­li vi­ven­ti”. Ne par­le­rò al più pre­sto con il mi­ni­stro Da­rio Fran­ce­schi­ni, dei Be­ni cul­tu­ra­li e con quel­lo dell’agri­col­tu­ra. Bi­so­gna ar­ri­va­re al­lo sta­tus di “per­so­na che fa qua­li­tà”, con no­me, co­gno­me e sto­ria in­di­vi­dua­le. Una co­sa che, per esem­pio, Slow food non fa, per­ché non ci­ta mai i pro­ta­go­ni­sti in car­ne e os­sa del­le ec­cel­len­ze eno­ga­stro­no­mi­che ita­lia­ne.

Un piat­to o un luo­go che por­ta nel cuo­re?

Con Stri­scia sia­mo sta­ti in ol­tre no­van­ta po­sti e fa­rei un’in­giu­sti­zia a no­mi­nar­ne uno piut­to­sto che un al­tro. Pe­rò, se pro­prio de­vo, ci­te­rò l’ul­ti­mo in cui sia­mo sta­ti, che ci dà un’idea di che co­sa sia l’Ita­lia: in Abruz­zo, a Guar­dia­gre­le, si pro­du­ce un fru­men­to di mon­ta­gna, a 1.300 me­tri di al­tez­za, che dà una fa­ri­na in­cre­di­bi­le, da cui si ri­ca­va­no un pa­ne e una pa­sta stre­pi­to­si. Non a ca­so qui si ri­for­ni­sco­no l’ot­ti­mo ri­sto­ran­te Vil­la Maiella (una stel­la Mi­che­lin) e il tre stel­le Mi­che­lin di Ni­ko Ro­mi­to. Be­ne, a non più di ven­ti chi­lo­me­tri da que­sto pa­ra­di­so in quo­ta c’è la co­sta sul ma­re con gli in­cre­di­bi­li tra­boc­chi, le pa­la­fit­te co­strui­te sull’Adria­ti­co per pe­sca­re, do­ve la re­gio­ne ha per­mes­so di crea­re ri­sto­ran­ti dav­ve­ro sug­ge­sti­vi.

All’Ex­po Mi­la­no lei è sta­to il cu­ra­to­re del Pa­di­glio­ne Ze­ro e cin­que an­ni fa ave­va rea­liz­za­to il Pa­di­glio­ne Ita­lia per quel­la di Shan­gai. Dav­ve­ro l’Ex­po mi­la­ne­se è an­da­ta co­sì be­ne co­me di­co­no? Ha in­se­gna­to e la­scia­to dav­ve­ro qual­co­sa di im­por­tan­te? E che fi­ne fa­rà il Pa­di­glio­ne ze­ro?

Il Pa­di­glio­ne ze­ro re­ste­rà lì dov’è e ria­pri­rà a mag­gio. Quan­to a Ex­po è sta­ta un’espe­rien­za for­mi­da­bi­le, dov’è tran­si­ta­to un ita­lia­no su quat­tro e do­ve ab­bia­mo di­mo­stra­to una sba­lor­di­ti­va ca­pa­ci­tà or­ga­niz­za­ti­va, tut­to pu­li­to e cu­ra­tis­si­mo, man­co fos­si­mo in Sviz­ze­ra. È ve­ro, ci so­no sta­te le co­de. Pe­rò mi so­no av­vi­ci­na­to a qual­cu­no che era da ore in at­te­sa di en­tra­re nel pa­di­glio­ne del Giap­po­ne, per chie­der­gli chi o che co­sa glie­lo fa­ces­se fa­re… Mi so­no sen­ti­to ri­spon­de­re: quan­do mai, nel­la mia vi­ta, avrò la pos­si­bi­li­tà di ve­de­re il Giap­po­ne?

An­to­nio Ric­ci mi ha per­mes­so di rea­liz­za­re quel­lo che è sem­pre sta­to il mio so­gno: cioè sco­va­re quei ta­len­ti che in tan­ti vil­lag­gi, val­la­te, co­ste, mon­ta­gne o la­gu­ne rea­liz­za­no pro­dot­ti, so­prat­tut­to eno­ga­stro­no­mi­ci, di un li­vel­lo paz­ze­sco. E sia chia­ro: mi in­te­res­sa­no i pro­dot­ti, pe­rò mi in­te­res­sa­no pri­ma di tut­to le per­so­ne, le lo­ro sto­rie, l’av­ven­tu­ra uma­na e pro­fes­sio­na­le In aper­tu­ra, un ri­trat­to di Da­vi­de Ram­pel­lo. Qui, l'in­gres­so del Pa­di­glio­ne Ze­ro a Ex­po

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.