86 Wi­ne tour: il Ne­ro di Troia

La ri­vin­ci­ta del “fra­tel­lo mi­no­re”

Viaggi del gusto - - Sommario - Di Ales­san­dro Luon­go

Un ros­so pu­glie­se ”di bel­le spe­ran­ze“che si sta fa­cen­do spa­zio nell'eno­lo­gia del Tac­co d'Ita­lia

Hai vo­glia di be­re un bic­chie­re di Pu­glia e a ve­nir­ti in men­te per pri­mi so­no Pri­mi­ti­vo e Ne­groa­ma­ro, non c’è dub­bio. Oc­cu­pa il ter­zo po­sto un vi­no che me­ri­ta que­sta po­si­zio­ne so­lo per la quan­ti­tà li­mi­ta­ta del­la sua pro­du­zio­ne non cer­to per la sua qua­li­tà. Un “gio­va­ne” di bel­le spe­ran­ze, sul qua­le fi­nal­men­te si sta pun­tan­do mol­to

C’è un fi­lo ros­so che col­le­ga al mon­do gour­met il nord ba­re­se con il fog­gia­no, Bar­let­ta con Ca­stel del Mon­te: si chia­ma Ne­ro di Troia. Un vi­ti­gno che si è de­ci­so di lan­cia­re a li­vel­lo na­zio­na­le e in­ter­na­zio­na­le con un gran­de even­to lo scor­so 2 set­tem­bre al Ca­stel­lo di Bar­let­ta,il Wi­ne Chal­len­ge, or­ga­niz­za­to dall’As­so­cia­zio­ne Fi­lie­ra vi­ti­vi­ni­co­la Pu­glie­se Ne­ro di Troia, e che ha fat­to il ver­so al­la no­ta di­sfi­da del 1503. Un vi­ti­gno an­ti­co (si tra­man­da che la col­ti­va­zio­ne dell’uva di Troia nel nord ba­re­se deb­ba la sua ori­gi­ne a Dio­me­de, fi­glio di Ti­deo, re diAr­go,che a det­ta di Ome­ro fu con­dot­tie­ro de­gli Ar­gi­vi du­ran­te l’as­se­dio di Troia), ma che non è an­co­ra pro­dot­to in quan­ti­tà pa­ra­go­na­bi­li

agli al­tri due vi­ni che la fan­no da pa­dro­ni in Pu­glia, il Ne­groa­ma­ro e il Pri­mi­ti­vo. «I nu­me­ri par­la­no chia­ro – spie­ga Mas­si­mi­lia­no Apol­lo­nio, pre­si­den­te di As­soe­no­lo­gi Pu­glia – nel­la re­gio­ne ci so­no ol­tre 12mi­la et­ta­ri vi­ta­ti di Ne­groa­ma­ro e al­tret­tan­ti cir­ca di Pri­mi­ti­vo, ma so­lo 2.100 di Ne­ro di Troia, con tan­te po­ten­zia­li­tà an­co­ra da svi­lup­pa­re». Da og­gi in poi la pro­mo­zio­ne del“fra­tel­lo mi­no­re” è pe­rò in at­to. D’al­tra par­te, co­me spie­ga Fran­ce­sco Fu­ma­ru­lo, pre­si­den­te del­le Can­ti­ne del­la Bar­du­lia (420 so­ci per 1500 et­ta­ri, rap­pre­sen­ta­ta da Coldiretti), «il la­vo­ro nel­le vi­gne è or­mai ec­cel­len­te, la tec­ni­ca in can­ti­na og­gi ce l’ab­bia­mo, va sti­mo­la­ta an­co­ra di più la co­no­scen­za del­le va­rie sfac­cet­ta­tu­re di que­sto gran­de vi­ti­gno au­toc­to­no da par­te dei con­su­ma­to­ri». In­som­ma, oc­cor­re riu­sci­re a ven­de­re di più e con un’iden­ti­tà chia­ra; «l’eno-ap­pas­sio­na­to de­ve sce­glie­re il Ne­ro di Troia, e non so­lo la Pu­glia».

Pro­fu­mo di frut­ti ros­si

I vi­ni da uva di Troia so­no ca­rat­te­riz­za­ti da un co­lo­re ros­so ru­bi­no, con ri­fles­si vio­la­cei ab­ba­stan­za evi­den­ti,ma che dal se­con­do an­no d’in­vec­chia­men­to co­min­cia­no a evol­ver­si in un ros­so ru­bi­no che ten­de a in­ten­si­fi­car- si con l’au­men­ta­re dell’in­vec­chia­men­to. «In me­dia i suoi profumi ri­cor­da­no i frut­ti ros­si ma­tu­ri, la ci­lie­gia sot­to spi­ri­to nei pri­mi an­ni, la vio­la co­me fio­re, l’ama­re­na e la mo­star­da con l’avan­za­re del tem­po» spie­ga Vi­to San­te Ce­ce­re, pre­si­den­te Ais Pu­glia. «Al pa­la­to si pre­sen­ta do­ta­to di buo­na aci­di­tà, gra­de­vo­le e con una no­ta tan­ni­ca evi­den­te,con re­tro­gu­sto frut­ta­to e per­si­sten­te. L’ab­bi­na­men­to a ta­vo­la può spa­zia­re da piat­ti me­dia­men­te strut­tu­ra­ti, fi­no ai for­mag­gi sta­gio­na­ti per il ros­so, op­pu­re piat­ti di ma­re e de­li­ca­ti se il Ne­ro di Troia è vi­ni­fi­ca­to in ro­sa­to». In che vi­ni Doc e Igt è pos­si­bi­le tro­va­re il Ne­ro di Troia? Nel Cacc’e Mmit­te di Lu­ce­ra Doc dal 1975, nel Ca­stel del Mon­te Doc dal 1971,nell'Or­ta­no­va Doc dal 1984,nel Ros­so Bar­let­ta dal 1977, nel Ros­so di Ce­ri­gno­la Doc dal 1974, nel Ta­vo­lie­re del­le Pu­glie Doc dal 2011.Dal 1995 il vi­ti­gno è im­pie­ga­to an­che per la pro­du­zio­ne del vi­no Igt Dau­nia e Igt Pu­glia.

Nel­la pa­gi­na ac­can­to, ol­tre ai vi­ti­gni di Ne­ro di Troia, il ca­stel­lo di Bar­let­ta. Qui, a si­ni­stra, lo chef Pep­pe Zul­lo e un mo­men­to del­la Wi­ne Chal­len­ge Pa­sta al for­no con cre­ma di bur­ra­ta e ra­gout di me­lan­za­ne e par­mi­gia­na di bor­ra­gi­ne sel­va­ti­ca: que­sti i piat­ti sug­ge­ri­ti in ab­bi­na­men­to al Ne­ro di Troia dal­lo chef Pep­pe Zul­lo, di Or­sa­ra di Pu­glia, par­te del ter­ri­to­rio Doc del ros­so pu­glie­se

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.