In­ter­vi­ste. Er­ri De Lu­ca

Viaggi del gusto - - Sommario -

Lo scrit­to­re che ama l'al­pi­ni­smo ci rac­con­ta il suo viag­gio del gu­sto nel­la mon­ta­gna ita­lia­na

È uno scrit­to­re fra i più let­ti in Ita­lia ma an­che uno dei mag­gio­ri e più au­to­re­vo­li tra­dut­to­ri dell’An­ti­co Te­sta­men­to. Con la co­stan­za dell’au­to­di­dat­ta e l’au­si­lio di una gram­ma­ti­ca ha im­pa­ra­to la lin­gua in cui è sta­ta scrit­ta la Bib­bia per po­ter­la leg­ge­re dall’ori­gi­na­le. E ogni mat­ti­na tra­du­ce un ver­set­to. Pa­ra­go­na quell’idio­ma al­la sua pas­sio­ne di al­pi­ni­sta: «è una lin­gua di al­ta dif­fi­col­tà che ri­chie­de ad­de­stra­men­to. È co­me apri­re una fi­ne­stra sul­lo stes­so edi­fi­cio: un’ope­ra abu­si­va per­ché non chie­do al­cun per­mes­so. Ma fac­cio en­tra­re lu­ce an­che da lì». Na­to a Na­po­li, si di­vi­de fra l’Ita­lia e la Fran­cia. E a Ro­ma, do­ve abi­tual­men­te vi­ve, dal 2001 ha co­sti­tui­to una Fon­da­zio­ne cul­tu­ra­le e ar­ti­sti­ca che por­ta il suo no­me.

Er­ri, che rap­por­to hai con la mon­ta­gna?

La mon­ta­gna ini­zia per me do­ve fi­ni­sce la ve­ge­ta­zio­ne e si at­tra­ver­sa un re­gno so­lo mi­ne­ra­le. È un luo­go op­po­sto al ma­re, che è un’an­ti­ca via di co­mu­ni­ca­zio­ne. Le mon­ta­gne so­no uno sbar­ra­men­to. La lo­ro osti­li­tà al­le pre­sen­ze me le ren­de at­traen­ti. Là so­pra si sta iso­la­ti, in un luo­go ri­ma­sto in­con­ta­mi­na­to, do­ve si può ve­de­re com’è fat­to il mon­do sen­za di noi e co­me sa­rà. È un ma­gni­fi­co de­ser­to do­ve ri­co­no­sco la giu­sta pro­por­zio­ne tra l’im­men­so e la mia ta­glia mi­ni­ma. Ci va­do da in­tru­so, sca­lan­do pa­re­ti in pun­ta di pie­di e di ma­ni, sen­za far al­tro ru­mo­re che il mio re­spi­ro. È un re­gno mi­ne­ra­le, le mon­ta­gne so­no le uni­che a me­ri­ta­re il ti­to­lo di al­tez­ze rea­li.

Ci vai da so­lo o in com­pa­gnia?

Più spes­so da so­lo, al­tri­men­ti con un com­pa­gno di cor­da­ta. Ci si le­ga ai due ca­pi del­la stes­sa cor­da e al­la fi­ne, su una ci­ma, ci si sle­ga.

In Ita­lia ci so­no ri­lie­vi ovun­que: dal­le Do­lo­mi­ti al­le fa­le­sie a stra­piom­bo sul ma­re, ai vul­ca­ni. Hai un luo­go a cui sei par­ti­co­lar­men­te le­ga­to?

Sem­pre lo­ro, le Do­lo­mi­ti. Ogni esta­te va­do a sca­la­re qual­che nuo­va pa­re­te. Amo il lo­ro cal­ca­re ma­ri­no, la lo­ro pre­i­sto­ria di co­ral­lo e ma­dre­per­la, amo il lo­ro do­no di es­se­re emer­se dai fon­da­li.

Ar­man­do Aste, al­pi­ni­sta tra i più fa­mo­si del Do­po­guer­ra, si in­ter­ro­ga­va nel suo li­bro Pi­la­stri del cie­lo: “Do­ve fi­ni­sce il mi­su­ra­to co­rag­gio, il su­pe­ra­men­to re­spon­sa­bi­le? Do­ve si scon­fi­na nel­la fol­lia, nell’in­co­scien­za, nel di­spre­gio del som­mo be­ne?”. Tu che do­man­de ti po­ni in ar­ram­pi­ca­ta?

La do­man­da di Ar­man­do Aste è sem­pre­ver­de: in ogni sca­la­ta ci si con­fron­ta con que­sto li­mi­te mo­bi­le che non ha un co­di­ce, se non quel­lo sta­bi­li­to sul mo­men­to. L’al­pi­ni­smo è un’at­ti­vi­tà pe­ri­co­lo­sa, ma fe­sti­va e con un ri­schio sot­to­scrit­to in an­ti­ci­po. Nes­su­na espe­rien­za, nes­sun equi­pag­gia­men­to ga­ran­ti­sce l’in­co­lu­mi­tà. Lo scon­fi­na­men­to con la fol­lia ini­zia dal pri­mo mo­men­to in cui con quat­tro pre­se te­nu­te, ci si stac­ca dal suo­lo. Le do­man­de che mi pon­go men­tre sca­lo ri­guar­da­no esclu­si­va­men­te i cen­ti­me­tri che stan­no un po’ più in su del na­so. È pe­ri­co­lo­so spor­ger­si, di­co­no cer­ti car­tel­li. Il de­si­de­rio di far­lo fa tra­scu­ra­re l’av­vi­so.

Non pos­sia­mo non chie­der­ti una ri­fles­sio­ne sul­lo sta­to dell'ar­te del pa­tri­mo­nio mon­ta­no ita­lia­no, sul­la ne­ces­si­tà di cu­sto­dir­lo, sal­var­lo dall'in­cu­ria, tu­te­lar­lo sot­to ogni pun­to di vi­sta...

Le mon­ta­gne re­sta­no sco­mo­de da rag­giun­ge­re. Il tu­ri­smo le usa prin­ci­pal­men­te nel­la sta­gio­ne in­ver­na­le co­me pi­ste di di­sce­sa, for­ni­te di po­ten­ti im­pian­ti di ri­sa­li­ta. La mon­ta­gna su­bi­sce que­sti re­ti­co­la­ti di ca­vi co­me li su­bi­va Gul­li­ver nell'iso­la di Lil­li­put. La im­pri­gio­na­no in un par­co gio­chi. An­che co­sì non rie­sco­no pe­rò a ri­dur­la a sta­bi­li­men­to di ri­vie­ra ro­ma­gno­la. Per­ché la mon­ta­gna con­ser­va la sua fie­ra te­sta tra le nu­vo­le. L'ar­co al­pi­no è va­sto e per la gran par­te de­ser­to. Chi vuo­le mon­ta­gne e nient'al­tro, ha di che al­lon­ta­nar­si dal­le pi­ste. Per­fi­no il Bian­co ha le sue fac­ce se­ve­re e ri­ser­va­te ai più com­ple­ti al­pi­ni­sti. Cer­to è as­sur­do sen­ti­re le mo­to­ci­clet­te smar­mit­ta­te ap­po­sta, ag­gre­di­re i tor­nan­ti dei pas­si in­tor­no al Sel­la, e ba­ste­reb­be po­co a im­por­re un si­len­zia­to­re. Ma re­sto ot­ti­mi­sta: al di so­pra di una cer­ta quo­ta la mon­ta­gna si sba­raz­za del­la no­stra fol­la e im­po­ne una se­le­zio­ne ri­gi­da di no­ial­tri in­tru­si. La mon­ta­gna in­cu­te ri­spet­to, met­te sog­ge­zio­ne. Si sta da mi­nu­sco­li e in sta­to di com­ple­ta in­fe­rio­ri­tà di fron­te al­le sue mi­su­re e al­le sue for­ze. Non mi aspet­to sag­gez­za da par­te del­le au­to­ri­tà com­pe­ten­ti, ca­pa­ci di con­ce­de­re tri­vel­la­zio­ni da­van­ti al­le co­ste in­can­ta­te, au­to­riz­zan­do le in­da­gi­ni sot­to­ma­ri­ne con le esplo­sio­ni so­no­re dell'air­gun che di­strug­go­no la fau­na ma­ri­na. Mi aspet­to la con­ser­va­zio­ne del pa­tri­mo­nio mon­ta­no da par­te del­le mon­ta­gne stes­se che san­no sco­rag­gia­re le no­stre im­pro­prie con­fi­den­ze.

Er­ri, rac­con­ta­ci il tuo “viag­gio del gu­sto”?

Le mie cu­ci­ne pre­fe­ri­te stan­no agli an­ti­po­di tra lo­ro: una a Na­po­li, da Pep­pi­no, trat­to­ria de­gli ar­ti­sti in Via San­ta Ma­ria Egi­zia­ca a Mon­te di Dio, l’al­tra a San Vi­gi­lio di Ma­reb­be in Val Ba­dia, si chia­ma Ta­ba­rel, la fre­quen­to in esta­te quan­do va­do a sca­la­re in Do­lo­mi­ti. I miei gu­sti oscillano tra le ver­du­re me­di­ter­ra­nee co­me i fria­riel­li e i fin­fer­li.

Il tuo piat­to del cuo­re?

La par­mi­gia­na di me­lan­za­ne, cu­ci­na­ta da mia ma­dre, tro­va­ta in ta­vo­la a ogni ri­tor­no dai miei spo­sta­men­ti. Da quan­do non vi­ve più, an­che la pietanza è an­da­ta via con lei e non la as­sag­gio più. Nel­la cu­ci­na do­ve si frig­ge­va­no le fet­te sot­ti­li di me­lan­za­ne do­po es­se­re sta­te mes­se al so­le per asciu­gar­si, è ri­ma­sta la te­glia, la grat­tu­gia del par­mi­gia­no e da qual­che par­te nel mio cra­nio la pun­tu­ra di un odo­re in­de­le­bi­le.

di Germana Ca­brel­le

In que­ste due im­ma­gi­ni Er­ri De Lu­ca, in aper­tu­ra im­pe­gna­to in una sca­la­ta

“The­re is no suc­cess like fai­lu­re, and fai­lu­re is no suc­cess at all”, can­ta Bob Dy­lan. E pro­prio i fal­li­men­ti so­no quel­li che si ri­cor­da­no me­glio tra i mo­men­ti vis­su­ti in mon­ta­gna; le oc­ca­sio­ni di scam­po du­ran­te una tem­pe­sta, do­ve il mas­si­mo trion­fo sta nell’uscir­ne. Ri­por­ta­re a val­le la pro­pria vi­ta mes­sa a re­pen­ta­glio da una si­tua­zio­ne dif­fi­ci­le è uno dei pun­ti in cui suc­ces­so e fal­li­men­to coin­ci­do­no

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.