Sci, le mi­glio­ri ne­re del cir­co bian­co

Viaggi del gusto - - Cover Story -

Han­no no­mi in­tre­pi­di, co­me la Di­ret­tis­si­ma Spi­na­le di Ma­don­na di Cam­pi­glio o la Syl­ve­ster di Plan De Co­ro­nes evo­can­do emo­zio­ne e dif­fi­col­tà. Op­pu­re si chia­ma­no Pa­ra­di­so (Pas­so del To­na­le), Gran Risa (Al­ta Ba­dia), Sa­slong (Val Gar­de­na) e so­no tea­tro del­le com­pe­ti­zio­ni scii­sti­che di Cop­pa del Mon­do. Le più spet­ta­co­la­ri pi­ste ne­re so­no con­cen­tra­te nel cir­co bian­co del Tren­ti­no Al­to Adi­ge, do­ve si sus­se­guo­no in un ca­ro­sel­lo di im­pian­ti di ri­sa­li­ta nel­lo scenario mae­sto­so del­le Do­lo­mi­ti.

La più lun­ga – è la Tra­me­tsch che scen­de dal­la Plo­se, a Bres­sa­no­ne: 9 km di di­sce­sa per ol­tre 1400 me­tri di di­sli­vel­lo. Pren­de il no­me dal tor­ren­te che si im­met­te nel fiu­me Isar­co.

La più ri­pi­da – ha pun­ti con pen­den­za del 71% e si tro­va a Se­sto in Pu­ste­ria, nel com­pren­so­rio del­la Cro­da Ros­sa. È lun­ga cir­ca 700 me­tri e si chia­ma Hol­z­wei­se.

La più bel­la – è con­si­de­ra­ta la più spet­ta­co­la­re d’Ita­lia per il pa­no­ra­ma che si am­mi­ra e la pre­sen­za ma­gni­fi­ca del Sas­so­lun­go. È la Sa­slong in Val Gar­de­na, la pi­sta del­la Cop­pa del Mon­do: par­te a quo­ta 2249 ed è lun­ga 3,5 km.

La più fa­mo­sa – vi­sta da sot­to è una lin­gua bian­ca ver­ti­ca­le: la Gran Risa, che par­te da Piz la Ila in Al­ta Ba­dia, è con­si­de­ra­ta il mi­to del­le Do­lo­mi­ti. È una ne­ra che non fa scon­ti, ma se si han­no ri­pen­sa­men­ti, ap­pe­na im­boc­ca­ta, si può de­via­re per la ros­sa.

La più fa­ci­le – si tro­va sull’al­to­pia­no del Pra­lon­già e sem­bra fat­ta ap­po­sta per chi vuo­le im­pa­ra­re a scia­re: lar­ga, spa­zio­sa. Tutt’at­tor­no l’an­fi­tea­tro del­le Con­tu­rì­nes, il Sas­son­gher e il Sel­la. E per chi vuo­le fer­mar­si tra una di­sce­sa e l’al­tra ci so­no mal­ghe e ri­fu­gi.

Di Germana Ca­brel­le

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.