An­to­nel­lo Ven­dit­ti Ec­co­lo, il co­re de 'sta cit­tà...

Viaggi del gusto - - Italia Eventi -

Una Ca­pi­ta­le che oscil­la tra bel­lez­za e di­sa­gio, tra li­ber­tà e schia­vi­tù, tra la lai­ci­tà dei pa­laz­zi del­la po­li­ti­ca e il ruo­lo spi­ri­tua­le di cuo­re del­la cri­stia­ni­tà. Una me­tro­po­li og­gi al­le pre­se con il com­mis­sa­ria­men­to e l’in­cu­bo de­gli at­ten­ta­ti, ma an­che in gra­do di so­gna­re e ri­ge­ne­rar­si. La Ro­ma di An­to­nel­lo Ven­dit­ti – il can­tau­to­re che più e me­glio di ogni al­tro ha sa­pu­to le­ga­re il suo no­me e il suo suc­ces­so ai Set­te Col­li – è una cit­tà dal­le mol­te fac­ce, che può ri­ser­va­re pro­spet­ti­ve ine­di­te an­co­ra og­gi, sep­pur stret­ta nel­la mor­sa di in­chie­ste nuo­ve e an­ti­che dif­fi­col­tà. Una cit­tà che, da par­te sua, ha sem­pre ama­to mol­to Ven­dit­ti, il qua­le ha ri­cam­bia­to con de­ci­ne di can­zo­ni – ba­sti ci­ta­re Ro­ma Ca­poc­cia e Gra­zie Ro­ma – a lei ispi­ra­te e de­di­ca­te. Ec­co per­ché, nell’an­no del Giu­bi­leo, non si può par­la­re di Ro­ma sen­za pre­scin­de­re dal­la sua vo­ce.

Qual è la Ro­ma più au­ten­ti­ca di An­to­nel­lo Ven­dit­ti?

Beh, stia­mo par­lan­do di una cit­tà in­cre­di­bil­men­te va­sta, qua­si in­con­te­ni­bi­le. Per me, co­me uo­mo e co­me ar­ti­sta, è sta­ta il luo­go dell’ani­ma. La “mia” Ro­ma va dal quar­tie­re Trie­ste, do­ve so­no na­to, a Tra­ste­ve­re do­ve vi­vo an­co­ra og­gi. In mez­zo c’è una cit­tà che an­dreb­be vis­su­ta e co­no­sciu­ta dai ro­ma­ni stes­si. An­zi, ce ne so­no cin­que o sei di­ver­se, una nell’al­tra: c’è il cen­tro sto­ri­co da car­to­li­na, na­tu­ral­men­te, ma an­che tut­to un mon­do di bor­ga­te e pe­ri­fe­rie che si al­lun­ga ai di là del rac­cor­do anu­la­re. So­lo se si ha il co­rag­gio di an­da­re a sco­pri­re la Ro­ma di que­gli in­se­dia­men­ti, si può di­re di ave­re una vi­sio­ne d’in­sie­me e da­re un giu­di­zio glo­ba­le sul­la cit­tà. Per me, co­mun­que, è sem­pre sta­ta una fon­te d’ispi­ra­zio­ne e co­no­scen­za uma­na enor­me: qui ognu­no può in­se­gnar­ti qual­co­sa, dal ma­cel­la­io all’or­to­la­no, dal­le mam­me con i bam­bi­ni fi­no ai tan­ti pen­do­la­ri che ogni gior­no cer­ca­no di rag­giun­ge­re il cen­tro.

Rag­giun­ge­re il cen­tro... non sem­bra pro­prio la co­sa più sem­pli­ce, og­gi!

In­fat­ti. Ro­ma è an­che una cit­tà di gran­de sof­fe­ren­za e con­trad­di­zio­ni: il traf­fi­co, non so­lo su gom­ma ma an­che su ro­ta­ia, è un pro­ble­ma in­ge­sti­bi­le che an­dreb­be af­fron­ta­to per al­leg­ge­ri­re la cit­tà del ca­ri­co so­cia­le dei suoi abi­tan­ti. Per­si-

A Ro­ma è l’idea stes­sa del tem­po a es­se­re re­la­ti­va: a vol­te pen­so che si chia­mi “cit­tà eter­na” per­ché sul rac­cor­do anu­la­re ci si può sta­re una vi­ta… De­vi pro­prio amar­la per con­ti­nua­re a vi­ver­ci!

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.