Pao­lo Fre­su jazz dall'ani­ma

Viaggi del gusto - - Viaggi Gusto I Del Di... -

Ha 54 an­ni e ne ha per­cor­si più di 40 as­sie­me al­la sua trom­ba. Og­gi – con all’at­ti­vo 300 di­schi e in­nu­me­re­vo­li col­la­bo­ra­zio­ni e pro­get­ti, co­me lo sto­ri­co con­cer­to di tutto il jazz ita­lia­no per l’Aqui­la nel 2015 – è tra i più gran­di mu­si­ci­sti jazz vi­ven­ti. La “sar­di­tu­di­ne” è una delle qua­li­tà che è sta­to in gra­do di pre­ser­va­re ed ar­ric­chi­re per re­ga­la­re al mon­do an­che la più bel­la e pre­zio­sa im­ma­gi­ne del­la sua ter­ra. Un in­stan­ca­bi­le poe­ta-viag­gia­to­re in­som­ma, che è ap­pe­na rien­tra­to da Hai­ti, do­ve ha vis­su­to un’espe­rien­za di im­pe­gno uma­ni­ta­rio che de­fi­ni­sce «sem­pli­ce­men­te scon­vol­gen­te». Sull’iso­la ca­rai­bi­ca, me­tà del­la po­po­la­zio­ne vi­ve nel­la più as­so­lu­ta po­ver­tà, in con­di­zio­ni re­se an­co­ra più di­spe­ra­te dal gra­ve ter­re­mo­to del 2010. «È una real­tà che fin­ché non la ve­di dal vi­vo puoi aver­ne so­lo una va­ga idea – di­ce – non si può com­pren­der­la né rac­con­tar­la dav­ve­ro sen­za ve­der­la». Un viag­gio na­to dal suo in­con­tro pri­ma con Pao­la Tur­ci, poi con la Fon­da­zio­ne Fran­ce­sca Ra­va e la Fon­da­zio­ne Nph, im­pe­gna­te sul posto: «Hai­ti è una real­tà fat­ta di or­fa­no­tro­fi, di enor­mi di­sa­gi e delle tan­te at­ti­vi­tà che que­sti ope­ra­to­ri svol­go­no nell’in­dif­fe­ren­za del re­sto del mon­do».

So­no mol­to pro­va­to da que­sta espe­rien­za ad Hai­ti. Ne ho scrit­to una poe­sia, ma poi mi so­no chie­sto se ha sen­so ad­dol­ci­re e an­nac­qua­re con la poe­sia una real­tà co­sì ter­ri­bi­le

Per chi ti se­gue da an­ni l’im­pres­sio­ne è che tu ab­bia ini­zia­to co­me viag­gia­to­re e sia di­ven­ta­to il viag­gio, ov­ve­ro un’espe­rien­za nel­la qua­le chi ti in­con­tra si im­mer­ge e si av­ven­tu­ra...

For­se un po’ è ve­ro, ma sai, i viag­gi ini­zia­no quan­do par­ti per an­da­re a ve­de­re qual­co­sa e poi una vol­ta che sei lì sco­pri tan­to al­tro.

Ti è ca­pi­ta­to di chie­der­ti a che pun­to sei del tuo viag­gio per­so­na­le?

No, non me lo chie­do per­ché se­con­do me la vi­ta è di per sé un viag­gio e se ti fai una do­man­da co­sì è il mo­men­to che ti fer­mi. Ma­ga­ri si viag­gia a ve­lo­ci­tà di­ver­se, a se­con­da dei mo­men­ti, ma sen­za chie­der­si che ti­po di viag­gio si sta fa­cen­do o per­ché.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.