Da Con­cet­ti­na ai tre san­ti

Viaggi del gusto - - #italiachemerita/ Gli Indirizzi - Di Fran­ce­sca Cian­cio

Ven­ti­quat­tro an­ni e tan­ta vo­glia di an­da­re lon­ta­no. Di Ci­ro Oli­va, clas­se 1992, non si può di­re che sia so­lo un piz­za­io­lo. Più cal­zan­te la ve­ste di im­pren­di­to­re delle piz­ze, per­ché men­tre im­pa­sta, sten­de e con­di­sce, la sua te­sta sfor­na di con­ti­nuo idee. La ba­se è so­li­da ed è la se­de sto­ri­ca del­la piz­ze­ria Con­cet­ti­na ai Tre San­ti nel Rio­ne Sa­ni­tà. Un’ere­di­tà che tie­ne Ci­ro con i pie­di per ter­ra. Nel Do­po­guer­ra, Con­cet­ti­na, la bi­snon­na di Ci­ro, co­me mol­te don­ne in cit­tà, si mu­nì di un pen­to­lo­ne di ra­me, di olio e di im­pa­sto per le piz­ze, che ve­ni­va­no frit­te in stra­da (so­lu­zio­ne più eco­no­mi­ca del for­no a le­gna). Il posto – lo stes­so dell’at­tua­le piz­ze­ria che si tro­va in Via Are­na del­la Sa­ni­tà – ave­va al­le spal­le un’edi­co­la vo­ti­va: quel­lo che og­gi va tan­to di mo­da, lo street food, 60 an­ni fa era un mo­do per ti­ra­re a cam­pa­re. E se Con­cet­ti­na è l’an­ge­lo cu­sto­de, An­to­nio, pa­dre di Ci­ro è il brac­cio ope­ra­ti­vo, il de­ten­to­re del se­gre­to dell’im­pa­sto. For­se an­che co­lui che vor­reb­be un fi­glio più “quie­to”. Ci­ro pe­rò cre­de an­che nell’in­ter­pre­ta­zio­ne gour­met del fa­mo­so di­sco di pa­sta e ha lan­cia­to co­sì le “piz­ze ec­cel­len­ti”, rea­liz­za­te con so­li pro­dot­ti di qua­li­tà e di sta­gio­ne. I clas­si­ci non man­ca­no, a par­ti­re dal­la piz­za a por­ta­fo­glio e dai frit­ti: zep­po­le, sca­gliuoz­zi (po­len­ta), ciu­ril­li (fio­ri di zuc­ca frit­ti), pan­ze­rot­ti, cal­zo­ni e mon­ta­na­re (pic­co­le piz­ze frit­te). Poi c’è la “piz­za so­spe­sa”, quel­la che l’av­ven­to­re, do­po aver con­su­ma­to la pro­pria, com­pra per la­sciar­la pa­ga­ta a chi ver­rà do­po di lui. Una pra­ti­ca no­ta in cit­tà so­prat­tut­to con il caf­fè e che suo­na co­me una ca­rez­za da­ta a chi è me­no for­tu­na­to. Si fa fa­ti­ca a sta­re die­tro all’elen­co di ini­zia­ti­ve di Ci­ro. Una delle ul­ti­me è la rac­col­ta fon­di che sta por­tan­do avan­ti per la Ca­sa dei Cri­stal­li­ni, un luo­go do­ve i più gio­va­ni abi­tan­ti del­la Sa­ni­tà pos­so­no tro­va­re al­ter­na­ti­ve al­la stra­da, ma­ga­ri im­pa­ran­do a fa­re i piz­za­io­li. Per l’ini­zia­ti­va ha crea­to “la piz­za con il ta­ral­lo”: per ogni pez­zo ven­du­to, un eu­ro è de­sti­na­to al pro­get­to.

Per sa­per­ne di più:

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.