Stre­ga

Una ter­ra che

Viaggi del gusto - - Cibo&territorio - Di An­to­nel­la Pe­tit­ti

Ma­gi­ca, mi­ste­rio­sa e ric­ca di sto­ria, la cit­tà cam­pa­na è, a tor­to, po­co vi­si­ta­ta. Con il suo cen­tro rac­col­to ed ele­gan­te dà vo­ce all’ani­ma più in­te­res­san­te dell’Ita­lia “di pro­vin­cia”: tra un tor­ro­ne e un li­quo­re da as­sag­gia­re, ra­pi­sce con la pre­zio­sa San­ta So­fia, Pa­tri­mo­nio dell’Uma­ni­tà Une­sco

Po­co più di ses­san­ta mi­la abi­tan­ti e un cen­tro sto­ri­co ric­chis­si­mo di te­sti­mo­nian­ze sto­ri­che. Be­ne­ven­to è la cit­tà che non ti aspet­ti, la par­te sor­nio­na e pro­fon­da­men­te agri­co­la del­la Cam­pa­nia. Qui è pas­sa­ta la sto­ria con la ma­iu­sco­la, per­cor­ren­do la Via Ap­pia an­ti­ca. Per en­tra­re in cit­tà si at­tra­ver­sa­va il fiu­me Sa­ba­to pas­san­do sul Pon­te Le­pro­so, un gran­de sim­bo­lo del­la cit­tà che fu, il cui no­me è pro­ba­bil­men­te le­ga­to a un vi­ci­no leb­bro­sa­rio; più vol­te ri­ma­neg­gia­to, re­sta po­co del­la strut­tu­ra ori­gi­na­ria, ma og­gi fi­nal­men­te è chiu­so al traf­fi­co e con­ti­nua a os­ser­va­re la sto­ria di que­sta cit­tà con il sot­to­fon­do del­lo scor­re­re dell’ac­qua. Po­treb­be dun­que es­se­re que­sto il pun­to di par­ten­za idea­le per vi­si­ta­re que­sta cit­ta­di­na ele­gan­te e ac­co­glien­te, che si la­scia sco­pri­re a pie­di in un cli­ma ge­ne­ral­men­te mi­te. In­cam­mi­nan­do­si per il cen­tro sto­ri­co del ca­po­luo­go san­ni­ta si rag­giun­ge pre­sto un’al­tra gran­de te­sti­mo­nian­za sto­ri­ca:ilTea­tro Ro­ma­no.Inau­gu­ra­to nel 126 d.C. du­ran­te l’Im­pe­ro di Adria­no, riu­scì a ospi­ta­re cir­ca 10mi­la per­so­ne.Ab­ban- Ri­go­ro­sa­men­te d’en­tro­ter­ra, la cu­ci­na da que­ste parti ama la pa­sta a ma­no, i su­ghi di car­ne, i sa­lu­mi e le ver­du­re. Se sce­glie­te un lo­ca­le ti­pi­co non di­men­ti­ca­te di as­sag­gia­re la car­ne di ma­ia­le con i pe­pe­ro­ni di Be­ne­ven­to, op­pu­re i mu­gna­tiel­li. Si trat­ta di in­vol­ti­ni di in­te­rio­ra di agnel­lo con­di­ti con aro­mi e spe­zie. Mol­te le ec­cel­len­ze da ri­cer­ca­re, che – in al­cu­ni ca­si – è pos­si­bi­le por­ta­re a ca­sa: i pro­sciut­ti di Pie­tra­ro­ja, i fun­ghi di Cu­sa­no Mu­tri, i car­cio­fi di Pie­trel­ci­na, i ta­ral­li di San Lo­ren­zel­lo e i vi­ni del­la Dop San­nio.

Per sa­per­ne di più:

do­na­to e par­zial­men­te in­ter­ra­to in epo­ca lon­go­bar­da,è sta­to poi ri­sco­per­to a fi­ne Ot­to­cen­to e ri­por­ta­to del tut­to al­la lu­ce nel 1957. E an­co­ra, il com­ples­so mo­nu­men­ta­le di San­ta So­fia, un pic­co­lo edi­fi­cio ri­sa­len­te al 760 d.C. di­ve­nu­to Pa­tri­mo­nio dell’Uma­ni­tà Une­sco nel giugno del 2011; sug­ge­sti­vo con le sue co­lon­ne in pie­tra cal­ca­rea e quel­la pian­ta esa­go­na­le, il suo bian­co­re e gli af­fre­schi bi­zan­ti­ni ne fan­no un tem­pio spi­ri­tua­le uni­co nel suo ge­ne­re.

La ta­vo­la san­ni­ta

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.