Ita­lia-Fran­cia:

“eu­ro­pei” di bol­li­ci­ne

Viaggi del gusto - - Winetour - Di Mar­co Ge­mel­li

Non si trat­ta di una ve­ra sfi­da, ma più un’ami­che­vo­le, so­prat­tut­to per i wi­ne lo­ver che vo­glio­no so­lo go­der­si il lo­ro ca­li­ce d’esta­te. Ma­ga­ri sbi­lan­cian­do­si con le ul­ti­me ten­den­ze, co­me quel­la dei cock­tail a ba­se cham­pa­gne che rin­fre­sca­no la tra­di­zio­ne... e fan­no rab­bri­vi­di­re i pu­ri­sti!

Ogni esta­te il mon­do del­le bol­li­ci­ne met­te di fron­te i due ver­san­ti del­le Al­pi nell’in­fi­ni­to con­fron­to tra cham­pa­gne e spu­man­ti, tra la tra­di­zio­ne fran­ce­se inau­gu­ra­ta nel Set­te­cen­to dal mo­na­co Dom Pier­re Pé­ri­gnon e quel­la ita­lia­na che ha nel tren­ti­no Giu­lio Fer­ra­ri uno de­gli uo­mi­ni più rap­pre­sen­ta­ti­vi.E no­no­stan­te le mo­de por­ti­no ogni an­no qual­che in­no­va­zio­ne an­che in que­sto set­to­re, ci so­no re­go­le im­pre­scin­di­bi­li che è ne­ces­sa­rio co­no­sce­re per non sfi­gu­ra­re stap­pan­do una bot­ti­glia di bol­li­ci­ne, ita­lia­ne o fran­ce­si che sia­no, ma­ga­ri du­ran­te una ce­na in ri­va al ma­re. mai per tut­te le bol­li­ci­ne – con­ti­nua Go­ri – si usa­no bic­chie­ri più am­pi e ca­pa­ci di esal­ta­re i ric­chi pro­fu­mi del­le mi­glio­ri eti­chet­te». Un gra­ve er­ro­re da evi­ta­re in­ve­ce è quel­lo di chia­ma­re “cham­pa­gne” qual­sia­si co­sa ab­bia le bol­li­ci­ne, e ciò va­le an­che per l’ita­lia­no “pro­sec­co” usa­to a spro­po­si­to. «Ca­pi­ta di as­si­ste­re a ne­fan­dez­ze – rac­con­ta Go­ri, Am­bas­sa­deur du Cham­pa­gne per l’Ita­lia 2011 – co­me clien­ti che chie­do­no “mi por­ti un pro­sec­co di Fran­cia­cor­ta” e si-

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.