Scar­pe sto­ria

Che san­no di

Viaggi del gusto - - Terre&tradizioni - Di Ma­ria Gra­zia Tor­ni­siel­lo

Una tra­di­zio­ne che af­fon­da le ra­di­ci nel ’200 quel­la cal­za­tu­rie­ra nel­le ter­re la­gu­na­ri che da Stra van­no fi­no a Fu­si­na, lun­go un ra­mo del Na­vi­glio del Bren­ta. An­co­ra og­gi so­no cir­ca 700 le real­tà che ope­ra­no nel set­to­re, crean­do per le più pre­sti­gio­se fir­me in­ter­na­zio­na­li ve­re e pro­prie ope­re d’ar­te. Con i mo­del­li più ce­le­bri espo­sti nel­le stan­ze di una son­tuo­sa di­mo­ra

Per­cor­ren­do la Ri­vie­ra del Bren­ta con le sue in­can­te­vo­li vil­le cir­con­da­te da splen­di­di giar­di­ni, tor­na­no in men­te le pa­ro­le di Goethe che, nel 1786, du­ran­te la tap­pa ve­ne­ta del suo Grand Tour, s’im­bar­cò sul bur­chiel­lo – ti­pi­ca im­bar­ca­zio­ne ve­ne­zia­na che fa­ce­va la spo­la tra Pa­do­va e Ve­ne­zia – ri­ma­nen­do tal­men­te af­fa­sci­na­to dal­la bel­lez­za dei pae­sag­gi os­ser­va­ti lun­go il tra­git­to, che nel suo Viag­gio in Ita­lia li de­scris­se co­me “un mon­do vi­va­ce, tut­to fer­ti­li­tà e ani­ma­zio­ne”. Que­sto Giar­di­no del­la Se­re­nis­si­ma, co­sì com’era chia­ma­to dai ve­ne­zia­ni, cor­re lun­go il ra­mo mi­no­re del Na­vi­glio del Bren­ta dal co­mu­ne di Stra fi­no a Fu­si­na nel­la la­gu­na ve­ne­ta e, ol­tre a es­se­re la cul­la di un va­sto pa­tri­mo­nio ar­ti­sti­co e ar­chi­tet­to­ni­co, è una zo­na di ar­ti­gia­na­to ri­no­ma­ta in tut­to il mon­do, so­prat­tut­to per il set­to­re cal­za­tu­rie­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.