Il giallo e il bian­co

Viaggi del gusto - - In Viaggio -

Mar­sa­la è una cit­tà, un vi­no, la ca­val­la bian­ca di Ga­ri­bal­di, un po­sto as­so­la­to sui ba­so­la­ti di pie­tra bian­ca, buio e umi­do nel ven­tre di cal­ca­re­ni­te gial­la. È ma­re ma so­prat­tut­to ter­ra, con le ol­tre cen­to con­tra­de che ne fan­no un co­mu­ne va­stis­si­mo. La sua ric­chez­za un tem­po ave­va l’odo­re dell’uva e fi­no agli an­ni ’50 ce n’era co­sì tan­ta da fa­re di Mar­sà‛ (il por­to di Al­lah) uno dei ter­ri­to­ri più ric­chi d’Ita­lia. Og­gi cer­ca di ro- Mar­sa­la Si­ci­lia Per toc­ca­re la roc­cia vi­va sul­la qua­le sor­ge Mar­sa­la il po­sto idea­le è il Par­co del­le Ca­ve con i suoi or­ri­di di 30 me­tri, la lu­ce ab­ba­ci­nan­te e le om­bre al­te quan­to le ca­ve. Un in­no al­la Na­tu­ra e al­la fa­ti­ca uma­na, co­me rac­con­ta­no i se­gni dei di­schi sul­le pa­re­ti. Il giallo del­la pie­tra, quin­di, ma an­che il bian­co del sa­le. Elet­te luo­go del cuo­re Fai, le Sa­li­ne del­la la­gu­na (in fo­to) sem­bra­no usci­te dal­le pa­gi­ne di Cer­van­tes con i mu­li­ni Et­to­re e In­fer­sa a fa­re da guardiani al­la rac­col­ta ma­nua­le in va­sche can­gian­ti che van­no dal blu al ros­so tra­mon­to. Nel sa­le in­te­gra­le qui si tro­va­no ma­gne­sio, po­tas­sio e fluo­ro e bel­lis­si­mi cri­stal­li so­no espo­sti nel Mu­seo co­me pre­zio­si me­teo­ri­ti.

La“ma­dre­pa­tria”è l’iso­la di Mo­zia,45 et­ta­ri che gal­leg­gia­no nel­lo Sta­gno­ne mar­sa­le­se – Ri­ser­va dal 1984 – scel­to stra­te­gi­ca­men­te dai fe­ni­ci nell’VIII se­co­lo a.C. in vir­tù dei suoi bas­si fon­da­li. Lo stu­po­re di­nan­zi ai re­per­ti ar­cheo­lo­gi­ci non è di­ver­so da quel­lo per i bo­schi di po­si­do­nia ocea­ni­ca o per i fe­ni­cot­te­ri e gli ai­ro­ni ci­ne­ri­ni, per la yuc­ca fio­ri­ta (il tron­chet­to del­la fe­li­ci­tà che qui di­ven­ta al­be­ro) e per tut­te le pian­te adat­ta­te­si all’al­ta sa­li­ni­tà del luo­go, co­me la sa­li­cor­nia che fi­ni­sce in gu­sto­se frit­ta­te. Vi­si­tan­do que­sta iso­la-mu­seo – la cui col­le­zio­ne di ca­po­la­vo­ri è do­vu­ta al­la pas­sio­ne di Jo­se­ph Whi­ta­ker, com­mer­cian­te in­gle­se che nel XIX se­co­lo la com­prò per pre­ser­var­ne la ric­chez­za ar­cheo­lo­gi­ca – due so­no le tap­pe ob­bli­ga­te:la Ca­sa dei Mo­sai­ci e il Ko­thon, un ba­ci­no ri­te­nu­to a lun­go il por­to dell’iso­la e og­gi iden­ti­fi­ca­to con un’area sa­cra. La ve­ra star del­la col­le­zio­ne pe­rò è il gio­vi­net­to di Mo­zia, sta­tua del­la qua­le non si co­no­sco­no né au­to­re né sog­get­to, la cui bel­lez­za va ben ol­tre il mi­ste­ro che l’ac­com­pa­gna. La sto­ria di que­sta ci­vil­tà pro­se­gue nell’area ar­cheo­lo­gi­ca po­co lon­ta­na dal cen­tro sto­ri­co, nel Mu­seo Ba­glio An­sel­mi – che ospi­ta l’uni­co esem­pla­re di na­ve pu­ni­ca giun­ta ai no­stri gior­ni e l’af­fa­sci­nan­te Venere Cal­li­pi­gia (“dal­le bel­le na­ti­che”) – e nel Par­co Ar­cheo­lo­gi­co Li­li­beo. L’ae­ro­por­to di Tra­pa­ni Bir­gi di­sta so­lo 15 km da Mar­sa­la. In au­to, il cen­tro è lon­ta­no ap­pe­na 17 km dall’ul­ti­ma usci­ta del­la A29 pro­ve­nien­te da Pa­ler­mo. Si può ar­ri­va­re an­che in na­ve dai prin­ci­pa­li por­ti del Tir­re­no.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.