Ver­dic­chi(o): ge­mel­li di­ver­si

Viaggi del gusto - - Wine Tour - Di Clau­dio Mo­de­sti

“Ala­ri­co re dei Vi­si­go­ti, nell’an­no del Si­gno­re 410, di­ret­to al Sac­co di Ro­ma, por­tò via con sé da que­ste ter­re qua­ran­ta mu­li con ger­le ca­ri­che di ba­ri­li di vi­no per­ché nul­la ren­de­va i suoi guer­rie­ri più bel­li­co­si e più co­rag­gio­si del Ver­dic­chio”. Sia­mo nel­le Marche, e a so­ste­ne­re que­sta te­si era, nel XVII se­co­lo, lo sto­ri­co Ci­ma­rel­li. In real­tà, di una pri­ma te­sti­mo­nian­za sto­ri­ca cer­ta re­la­ti­va a una va­rie­tà de­no­mi­na­ta “Ver­dic­chio” da par­te del bo­ta­ni­co mar­chi­gia­no Co­stan­ti­no Fe­li­ci, si ha trac­cia so­lo nel­la se­con­da me­tà del XVI se­co­lo,e pre­ci­sa­men­te nel 1569.Vi­ti­gno au­toc­to­no che si espri­me be­ne in ter­re­ni col­li­na­ri,ben espo­sti,con tes­si­tu­ra ar­gil­lo­so­cal­ca­rea e con si­ste­mi di al­le­va­men­to a media o a gran­de espan­sio­ne, quel che è cer­to è che ilVer­dic­chio si è evo­lu­to nei se­co­li nel­le due aree di Ma­te­li­ca, in pro­vin­cia di Macerata, e di Je­si, in pro­vin­cia di An­co­na, e lo ha fat­to in mo­do mol­to di­ver­so per via dei due di­ver­si ter­roir:l’al­ta val­le dell’Esi­no,una pic­co­la val­la­ta chiu­sa dal cli­ma con­ti­nen­ta­le con im­por­tan­ti escur­sio­ni ter­mi­che per il Ma­te­li­ca; la

Vi­no dal co­lo­re giallo pa­glie­ri­no e dal­la for­te po­ten­za espres­si­va, è un au­toc­to­no mar­chi­gia­no che si è svi­lup­pa­to in mo­do so­stan­zial­men­te di­ver­so nel­le due zo­ne di Ma­te­li­ca e Je­si. Dal ca­rat­te­re strut­tu­ra­to e com­ples­so, è ot­ti­mo an­che in ver­sio­ne spu­man­te e sor­pren­de in quel­la Ri­ser­va

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.