Il ga­stro­no­mo che vuo­le be­ne al­la ter­ra

Viaggi del gusto - - Libri Letti Per Voi -

Il The Guar­dian l’ha in­clu­so tra le cin­quan­ta per­so­ne che po­treb­be­ro cam­bia­re il mon­do, Car­lo Pe­tri­ni, fon­da­to­re di Slow Food e idea­to­re dell’Uni­ver­si­tà di Scien­ze Ga­stro­no­mi­che di Pol­len­zo. Nell’an­no che se­gna an­che il tra­guar­do del­le 20 edi­zio­ni di Ter­ra Ma­dre Sa­lo­ne del Gu­sto, è tor­na­to in li­bre­ria il suo li­bro cult del 2005 Buo­no, pu­li­to e giu­sto con una nuo­va edi­zio­ne. «Gli ar­go­men­ti trat­ta­ti die­ci ann­ni fa so­no di un in­te­res­se e di un’at­tua­li­tà sba­lor­di­ti­va. An­zi, for­se ora le per­so­ne han­no più stru­men­ti a di­spo­si­zio­ne per de­ci­frar­li – ci rac­con­ta Pe­tri­ni – In que­sti an­ni il con­cet­to chia­ve di “lo­ca­le” si è ra­pi­da­men­te evo­lu­to, e si ma­ni­fe­sta og­gi in tut­ta la sua so­li­di­tà, do­po es­ser­si ri­pu­li­to dal­le fu­lig­gi­ni pro­te­zio­ni­sti­che, po­pu­li­ste e di chiu­su­ra che in tan­ti han­no pro­va­to a but­tar­gli ad­dos­so. La di­men­sio­ne lo­ca­le è l’uni­ca nel­la qua­le il cit­ta­di­no può dav­ve­ro ave­re un ruo­lo. L’uni­ca nel­la qua­le ognu­no può con­cre­ta­men­te con­tri­bui­re a tu­te­la­re il pa­tri­mo­nio di bio­di­ver­si­tà».

Qual è, a suo pa­re­re, la sfi­da più gran­de che dob­bia­mo af­fro­na­ta­re og­gi?

Non re­sta­re con­fi­na­ti nei pro­pri am­bi­ti cul­tu­ra­li e so­cia­li, non cre­de­re che le co­se si pos­sa­no cam­bia­re sen­za an­da­re a esplo­ra­re quel­le “ter­re di mez­zo” che tan­to ci fan­no pau­ra. In que­sti do­di­ci an­ni dal­la crea­zio­ne del­la re­te di Ter­ra Ma­dre ho im­pa­ra­to che non esi­sto­no bar­rie­re lin­gui­sti­che, cul­tu­ra­li o so­cia­li quan­do si lot­ta tut­ti per lo stes­so obiet­ti­vo,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.