Se­cret tru­ths

VOGUE (Italy) - - SECRET TRUTHS - By Sil­via Ma­gi

I ri­trat­ti fo­to­gra­fi­ci di Hel­len van Mee­ne. Ado­le­scen­ti in boc­cio­lo e ca­ni da­gli oc­chi par­lan­ti im­mer­si in fiam­min­ghe at­mo­sfe­re di lu­ce

Hel­len van Mee­ne sco­va la bel­lez­za nei po­sti me­no ov­vi. Tra i mi­glio­ri fo­to­gra­fi olan­de­si del­la sua ge­ne­ra­zio­ne, i suoi scat­ti più ce­le­bri ri­trag­go­no ado­le­scen­ti im­pac­cia­te im­mer­se nel­la lu­ce na­tu­ra­le, cat­tu­ran­do­ne la bel­lez­za in­ci­pien­te, al suo pri­mo spun­ta­re. «So­no at­traen­ti per­ché so­no gio­va­ni, ma il mio mo­do di fa­re fo­to non è in­cen­tra­to sul­la sem­pli­ce bel­lez­za; ci so­no più li­vel­li in ogni scat­to». At­trat­ta dal­le sfi­de – “chal­len­ge” è il ter­mi­ne che più usa par­lan­do del pro­prio la­vo­ro – van Mee­ne spin­ge sem­pre un po­co più in là i pro­pri con­fi­ni. Nel 2010, quan­do la sua ci­fra sti­li­sti­ca è or­mai com­ple­ta, Hel­len cam­bia rot­ta. Per ca­so fo­to­gra­fa il gran­de co­ni­glio bian­co di sua fi­glia e, nel­lo svi­lup­pa­re lo scat­to, ve­de qual­co­sa che an­dreb­be in­da­ga­to più a fon­do. «Al­lo­ra so­no an­da­ta dai vi­ci­ni e ho chie­sto di ri­trar­re il lo­ro gal­let­to». So­no scat­ti sor­pren­den­ti, vi­bran­ti, con la stes­sa for­za pit­to­ri­ca di ogni suo ri­trat­to. Pro­prio co­me nel­le fo­to di ado­le­scen­ti, di cui riu­sci­va a far tra­pe­la­re aspet­ti del­la per­so­na­li­tà sco­no­sciu­ti per­fi­no ai pa­ren­ti più stret­ti, a emer­ge­re è il ca­rat­te­re del sog­get­to. Co­sì, co­me aven­do sco­per­to una co­stan­te, la sua per­so­na­le for­mu­la se­gre­ta per estrar­re un’es­sen­za na­sco­sta, van Mee­ne si sen­te spin­ta a esplo­ra­re di­re­zio­ni nuo­ve. Pas­sa a fo­to­gra­fa­re ca­ni. «Quan­do ho ini­zia­to la se­rie dei ca­ni non vo­le­vo fa­re fo­to per­ché la gen­te di­ces­se “Oh, che ca­ri­no”. Vo­le­vo cat­tu­rar­ne la per­so­na­li­tà». Un ri­cor­do d’in­fan­zia: «Da pic­co­la ero sta­ta mor­sa da un ca­ne, ne ave­vo pau­ra. Ma quan­do la­vo­ro la fo­to­gra­fia vin­ce su tut­ti gli al­tri sen­si; ero co­sì con­cen­tra­ta a scat­ta­re che non mi pre­oc­cu­pa­vo più». A lun­go non si oc­cu­pa d’al­tro. Fin­ché de­ci­de di com­bi­na­re le sue ispi­ra­zio­ni più gran­di, tee­na­gers e ca­ni: è un suc­ces­so. Pas­sa poi agli still li­fe di abi­ti cou­tu­re, con effetti di lu­ce fiam­min­ghi. L’im­prov­vi­so cam­bio di pro­spet­ti­va, ini­zia­to con le fo­to de­gli ani­ma­li, ha aper­to a van Mee­ne nuo­ve di­re­zio­ni e la sen­sa­zio­ne di li­ber­tà ar­ti­sti­ca è or­mai ir­re­fre­na­bi­le. «Ora, se vo­glio», con­clu­de, «sen­to di po­te­re fa­re qua­si ogni co­sa».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.