Stray sto­ries

VOGUE (Italy) - - INTO SOCIETY - By Bar­ba­ra Ama­da­si

A Chart­well Esta­te, la re­si­den­za nel­la cam­pa­gna del Kent di Win­ston Chur­chill, oggi vi­ve Jock VI, ex ran­da­gio “ere­de” di Jock, il gin­ger cat da cui il pri­mo mi­ni­stro in­gle­se non si se­pa­ra­va mai. Il Na­tio­nal Tru­st, che ha in cu­sto­dia la di­mo­ra, ha in­fat­ti ono­ra­to la vo­lon­tà del­la fa­mi­glia di ospi­ta­re gat­ti or­fa­ni del tut­to si­mi­li all’ori­gi­na­le, l’ama­tis­si­mo ti­gra­to ros­so dal­le zam­pe bian­che. Al 10 di Do­w­ning Street in­ve­ce la tra­di­zio­ne di ac­co­glie­re gat­ti ran­da­gi ini­zia nel 1970, con Wil­ber­for­ce, “Chief mou­ser to the Ca­bi­net of­fi­ce”, che ha ac­com­pa­gna­to Ed­ward Hea­th e Ja­mes Cal­la­ghan; è pro­se­gui­ta con Humphrey, ar­ri­va­to con Mar­ga­re­th That­cher, ri­ma­sto con Ma­jor e Blair, fi­no a Lar­ry, adot­ta­to da Ca­me­ron nel 2011, e che ora con­di­vi­de le stan­ze del po­te­re bri­tan­ni­co con The­re­sa May. Ma ac­can­to a que­ste sto­rie di ex ran­da­gi as­sur­ti al­le cro­na­che – e in­si­gni­ti del ruo­lo uf­fi­cia­le di “fun­zio­na­ri del­lo sta­to” – ne spic­ca­no al­tre più in­ti­mi­ste, che rac­con­ta­no di pro­fon­de em­pa­tie con l’uo­mo, in cui la cura dell’ani­ma­le ran­da­gio di­ven­ta bal­sa­mo per le­ni­re le pro­prie fe­ri­te, o stru­men­to di au­toa­na­li­si. È il ca­so del (ve­ro) gat­to Bob, la cui vi­cen­da è sta­ta rac­con­ta­ta nel li­bro bestsel­ler “A spas­so con Bob” (Sper­ling & Kup fer), e nell’omo­ni­mo film di Ro­ger Spot­ti­swoo­de. È la sto­ria di un du­pli­ce sal­va­tag­gio: quel­lo del gat­to Bob, rac­col­to fe­ri­to dal mu­si­ci­sta di stra­da Ja­mes Bo­wen, e quel­lo di Ja­mes, cui Bob cura le fe­ri­te dell’ani­ma, ac­com­pa­gnan­do­lo nel per­cor­so di di­sin­tos­si­ca­zio­ne – «Lui è quel­lo per cui mi sve­glio ogni gior­no», scri­ve Ja­mes nel li­bro. Rac­con­ta in­ve­ce dell’ab­ban­do­no uma­no e del­la ri­na­sci­ta il film d’ani­ma­zio­ne dai de­li­ca­ti to­ni pa­stel­lo, eva­ne­scen­te co­me un ac­qua­rel­lo, “Le sta­gio­ni di Loui­se” di Jea­nF­ra­nçois La­guio­nie, a di­cem­bre nel­le sa­le. L’an zia­na pro­ta­go­ni­sta, Loui­se, rie­sce a so­prav­vi­ve­re al­la solitudine, stem­pe­ran­do­la in una pa­ce in­tro­spet­ti­va, an­che gra­zie all’ami­ci­zia con un ca­ne “par­lan­te”, che di­vie­ne vo­ce dei suoi ri­cor­di, e con cui con­di­vi­de l’ab­ban­do­no e la vec­chia­ia. Han­no poi uno sguar­do elo­quen­te, em­pa­ti­co gli ho­me­less dogs del volume “Re­scue me!” di Ri­chard Phibbs (Aper­tu­re). Il fo­to­gra­fo di mo­da dal 2012 ha ri­trat­to in scat­ti bel­li e pa­ti­na­ti, ma che non na­scon­do­no i se­gni del­la vi­ta di stra­da, i ca­ni ran­da­gi del ri­fu­gio di Ma­n­hat­tan del­la Hu­ma­ne So­cie­ty di New York, per pro­muo­ver­ne l’ado­zio­ne. Nel­la con­vin­zio­ne che la fo­to­gra­fia, af­fer­ma Phibbs, ab­bia «lo straor­di­na­rio po­te­re di mo­ti­va­re, cam­bia­re e ispi­ra­re le per­so­ne».

Sto­rie di ran­da­gi. As­sur­ti al­le cro­na­che, o di­ve­nu­ti mu­se glam. Ma an­che al cen­tro di vi­cen­de di ri­na­sci­ta e di ri­scat­to

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.