Off The Road

Co­sì una nuo­va ge­ne­ra­zio­ne di mo­del agent sta cam­bian­do re­go­le e gu­sti del fa­shion sy­stem, ca­sting do­po ca­sting

VOGUE (Italy) - - COPERTINA -

Jo­nas J., di spal­le per Cal­vin Klein, è po­co più che un cor­po smun­to e un pa­io di mu­tan­de bian­che. Kon­rad, per Ba­len­cia­ga, sem­bra in­ve­ce un prin­ci­pe vam­pi­ro, mu­to e im­pe­rio­so nel suo cap­pot­to lun­go fi­no ai pie­di. Per Jil San­der, Till­mann of­fre due pro­fi­li che sem­bra­no un col­la­ge di vol­ti di­ver­si, tan­to è mar­ca­ta l’asim­me­tria del­le sue for­me. L’ha vo­lu­to an­che Bur­ber­ry, per la nuo­va cam­pa­gna. Lo stes­so ha fat­to Vi­vien­ne We­st­wood, ed è già la se­con­da vol­ta. Poi c’è Wim, che per Ve­te­men­ts è col­las­sa­to in un ca­me­ri­no, ca­pel­li cor­tis­si­mi, fac­cia da Sid Vi­cious, fo­to­gra­fa­to dal cor­so Pier­re-An­ge Car­lot­ti, uno che cre­de nel­la fol­lia e nel tem­po li­be­ro scri­ve poe­sie por­no. No­mi co­mu­ni di per­so­ne, sen­za co­gno­mi. Fac­ce non qual­sia­si tro­va­te per stra­da, boc­che sden­ta­te che tan­to non de­vo­no sor­ri­de­re, e che stan­no li­be­ran­do un’ener­gia nuo­va nell’im­ma­gi­na­rio fa­shion. Die­tro la lo­ro in­va­sio­ne c’è Eva Gö­del, pio­nie­ra te­de­sca di una ge­ne­ra­zio­ne di mo­del agent che con istin­to amo­re­vol­men­te pre­da­to­rio cer­ca­no in me­tro­po­li­ta­na il per­so­nag­gio inat­te­so, la fi­gu­ra in pe­nom­bra che rie­sco­no già a ve­de­re in pas­se­rel­la, o su un bill­board di sei me­tri nel cen­tro di una gran­de cit­tà. Me­de­si­mo la­vo­ro che a New York

han­no co­min­cia­to a fa­re Ra­chel Chand­ler e Wal­ter Pear­ce con l’agen­zia Mid­land, i pri­mi nel pa­no­ra­ma ame­ri­ca­no. Co­sì co­me a Lon­dra Cam­p­bell Ad­dy con Nii Agen­cy e a Los An­ge­les Ke­vin Ama­to, con Mo­ther. «Il mon­do dei ca­sting sta­va ce­den­do a una sor­ta di gen­tri­fi­ca­zio­ne: stes­se fac­ce, stes­si stan­dard, tut­to trop­po ov­vio», no­ta la sty­li­st Lot­ta Vol­ko­va, che per Ba­len­cia­ga e Ve­te­men­ts si oc­cu­pa an­che di scou­ting. Or­mai è di­ve­nu­ta una que­stio­ne di per­so­na­li­tà, di­ce, e di real­ness. «In più, so­no vol­ti ca­pa­ci di re­ga­la­re al­le im­ma­gi­ni un non so che di ci­ne­ma­to­gra­fi­co: rac­con­ta­no qual­co­sa che po­treb­be ac­ca­de­re nel­la real­tà, ma che al­lo stes­so tem­po fa an­co­ra par­te del so­gno». Pri­ma di fon­da­re a Co­lo­nia l’agen­zia To­mor­row is ano­ther day, Gö­del scat­ta­va po­la­roid ai clien­ti più cool del suo ne­go­zio: Ma­de of. Poi le ap­pen­de­va in ve­tri­na. Co­sì, sen­za pen­sa­re di tra­sfor­mar­lo in un me­stie­re, len­ta­men­te è na­to l’in­te­res­se per la street beauty. Ra­gaz­zi di buo­na fa­mi­glia che sem­bra­no gang­ster. Fi­gli del ghet­to col por­ta­men­to da no­bi­li. Un’este­ti­ca pre­ci­sa, con il gio­va­ne Da­vid Bo­wie im­pres­so in men­te, il Ri­ver Phoe­nix di “Bel­li e dan­na- ti” e gli ado­le­scen­ti tos­si­ci di Tul­sa, Ari­zo­na, ri­trat­ti nei ’70 da Lar­ry Clark. «Quan­do li fer­mo per stra­da si stu­pi­sco­no sem­pre», di­ce Eva, «poi, ve­den­do i mo­del­li sul mio si­to, si ri­co­no­sco­no, qua­si fos­se­ro par­te di una pro­ge­nie, o di una tri­bù». È que­sta in­con­sa­pe­vo­lez­za che in una fo­to di mo­da sa tra­dur­si in for­za espres­si­va. È que­sta qua­si no­ia, co­me fos­se­ro da­van­ti al­la fo­to­ca­me­ra con­tro­vo­glia. Que­sta co­mu­ni­ca­ti­va di­stra­zio­ne con­qui­sta i brand: «Per me, nul­la è più se­du­cen­te del­la lo­ro non­cha­lan­ce». Per il suo de­but­to nel 2016 co­me di­ret­to­re ar­ti­sti­co di Ba­len­cia­ga, Dem­na Gva­sa­lia a Pa­ri­gi ha scel­to so­lo mo­del­li se­le­zio­na­ti da Gö­del. Il suo Paul Ha­me­li­ne, vol­to di Pra­da e Sa­cai, sco­va­to a Pa­ri­gi men­tre ri­ti­ra­va 20 eu­ro da un ban­co­mat, è già de­scrit­to con il ter­mi­ne “mu­se”. E che di­re del car­pen­tie­re Olaf, in que­ste set­ti­ma­ne nel­la cam­pa­gna Guc­ci: «Ai col­le­ghi non ha det­to nul­la», di­ce Eva, «mi rac­con­ta­va che a pran­zo tut­ti com­men­ta­va­no la bel­lez­za del­la mo­del­la che po­sa con lui, ma nes­su­no l’ha ri­co­no­sciu­to». Tiz­zo­ni ar­den­ti che col­ti­va­no al­tre pas­sio­ni, svi­lup­pa­no ta­len­to ar­ti­sti­co, si muo­vo­no ve­lo­ci. Ha­me­li­ne crea col­la­ge usan­do vec­chi ma­ni­fe­sti ci­ne­ma­to­gra­fi­ci, e con Lot­ta Vol­ko­va ha fon­da­to Tanz­pol che or­ga­niz­za par­ty a Pa­ri­gi. Men­tre Karl Kor­biz, al­tro mo­del­lo di To­mor­row is ano­ther day, ha ora cu­ra­to per Ta­schen un li­bro de­di­ca­to agli an­dro­ni più bel­li del­la cit­tà: “En­try­ways of Mi­lan” (ve­di “Vo­gue Ita­lia” n. 800). Più il mer­ca­to si am­plia, più i mar­chi cer­ca­no vol­ti che sap­pia­no par­la­re a un mon­do che ci pia­ce im­ma­gi­na­re aper­to, un mix di ca­rat­te­ri im­pres­so nel­le fac­ce che rac­con­ti di dif­fi­col­tà ma an­che d’amo­re e di fu­tu­ro. Nes­su­no si sen­ta estra­neo: «La nuo­va pa­ro­la d’or­di­ne è in­clu­si­vi­tà».

«So­no vol­ti ca­pa­ci di re­ga­la­re al­le im­ma­gi­ni un non so che di ci­ne­ma­to­gra­fi­co: rac­con­ta­no qual­co­sa che po­treb­be ac­ca­de­re dav­ve­ro, ma che è an­co­ra par­te del so­gno». Lot­ta Vol­ko­va, sty­li­st

to­mor­ro­wis ano­ther­day.de.

La scher­ma­ta d’aper­tu­ra del si­to dell’agen­zia te­de­sca di mo­del­li To­mor­row i s ano­ther day fon­da­ta a Co­lo­nia da Eva Gö­del, pio­nie­ra nel­la ri­cer­ca di vol­ti non con­ven­zio­na­li tra per­so­ne co­mu­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.