The Young Is­sue

VOGUE (Italy) - - EDITORIALE - di EMANUELE FARNETI

«Al cen­tro dell’obiet­ti­vo non c’è mai la bel­lez­za, piut­to­sto l’uni­ci­tà, quel mon­do af­fa­sci­nan­te, se­du­cen­te e ma­gi­co che ognu­no co­strui­sce at­tor­no a sé, quel ce­ri­mo­nia­le sa­cro e scin­til­lan­te che cia­scu­no di noi se­gue in un cer­to mo­men­to del­la pro­pria vi­ta». Nel suo per­cor­so ar­ti­sti­co He­di Sli­ma­ne, con di­ver­si mez­zi e lin­guag­gi, ce­le­bra il mo­men­to del­la vi­ta in cui tut­to è an­co­ra pos­si­bi­le ep­pu­re tut­to sta già suc­ce­den­do: per lui la gio­vi­nez­za è un mes­sag­gio po­li­ti­co, co­me spie­ga nell’in­ter­vi­sta a pa­gi­na 32, una del­le po­chis­si­me con­ces­se in car­rie­ra; e an­cor più con la gal­le­ria di ri­trat­ti che co­sti­tui­sco­no lo spe­cia­le port­fo­lio di que­sto nu­me­ro – vol­ti e cor­pi im­per­fet­ti e ma­gne­ti­ci fo­to­gra­fa­ti sot­to il so­le del­la Ca­li­for­nia, cui pro­prio lui ha ini­zia­to qual­che an­no fa a da­re una cer­ta dif­fe­ren­te lu­ce.

Un pro­get­to che rac­con­ta un pez­zo di mon­do vi­sto con gli oc­chi del­le ra­gaz­ze del­la Ge­ne­ra­zio­ne Z. Un ro­man­zo che can­cel­la al­cu­ni luo­ghi co­mu­ni su­gli ado­le­scen­ti, un com­men­to che met­te or­di­ne su cer­ti fa­sti­dio­si cli­ché scrit­ti e let­ti di re­cen­te sui Mil­len­nials. Tre sto­rie di gio­va­ni ita­lia­ni che in que­ste set­ti­ma­ne por­ta­no in spiag­gia le lo­ro idee co­lo­ra­te. Il rac­con­to dell’ul­ti­ma gran­de ge­ne­ra­zio­ne ri­bel­le che, nell’esta­te di 40 an­ni fa, pen­sa­va di ave­re già per­so e in­ve­ce. So­prat­tut­to, la co­per­ti­na scat­ta­ta da una fo­to­gra­fa, Har­ley Weir, non an­co­ra tren­ten­ne: do­po il nu­me­ro di lu­glio fir­ma­to da Ste­ven Mei­sel, è il no­stro mo­do per di­re che la sto­ria di Vo­gue Ita­lia è pen­sa­ta per non ri­pe­te­re gli stes­si sche­mi: me­se do­po me­se, ca­pi­to­lo do­po ca­pi­to­lo, tut­to può e de­ve cam­bia­re.

Fa­re un gior­na­le co­me que­sto, che per de­fi­ni­zio­ne de­ve es­se­re in­ter­na­zio­na­le, si por­ta die­tro un cer­to ri­schio di stra­bi­smo: ve­de­re be­ne quel­lo che ac­ca­de in gi­ro per il mon­do, me­no be­ne ciò che di nuo­vo suc­ce­de nel no­stro Pae­se – co­me ca­pi­ta a vol­te nel­la vi­ta, che si deb­ba an­da­re lon­ta­no per ca­pi­re quan­to è pre­zio­so quel che ab­bia­mo la­scia­to a ca­sa. Per que­sto, con il di­ret­to­re crea­ti­vo Gio­van­ni Bian­co, ab­bia­mo pre­so un im­pe­gno: cer­ca­re ogni me­se ta­len­ti ita­lia­ni, e fa­re il pos­si­bi­le per por­tar­li a cre­sce­re sul pal­co­sce­ni­co in­ter­na­zio­na­le. Il pri­mo frut­to di que­sto pro­get­to è il port­fo­lio di pa­gi­na 84, che met­te as­sie­me una se­le­zio­ne dei mi­glio­ri no­mi del­la no­stra fo­to­gra­fia. È un qua­dro uni­co, fat­to di quin­di­ci di­ver­si pun­ti di vi­sta che te­sti­mo­nia­no un mo­men­to, co­me in quel ver­so di Lou Reed ci­ta­to nel ser­vi­zio, «so dif­fe­rent, and so new». •

pho­tos by da­rio ca­tel­la­ni (abi­to cal­vin klein 205w39­nyc)

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.