Ed­ward Nel Pae­se Del­le Me­ra­vi­glie

Il nuo­vo di­ret­to­re di “Bri­ti­sh Vo­gue”, ED­WARD EN­NIN­FUL, rac­con­ta in esclu­si­va a Vo­gue Ita­lia il suo «ul­ti­mo la­vo­ro da free­lan­ce»: il ca­len­da­rio Pi­rel­li 2018. Mo­der­na ver­sio­ne “all black” del­la fa­vo­la di Lewis Car­roll.

VOGUE (Italy) - - NEWS - di LU­KE LEITCH

In­con­tro Ed­ward En­nin­ful, che dal pri­mo ago­sto as­su­me l’in­ca­ri­co di di­ret­to­re di “Bri­ti­sh Vo­gue”, in un ho­tel di Ken­sing­ton, e muo­io dal­la vo­glia di chie­der­gli che co­sa ab­bia in men­te per il suo gior­na­le. Lui pe­rò glis­sa con sti­le: «Oh no, non pos­so pro­prio! È trop­po pre­sto». Si ap­pas­sio­na in­ve­ce par­lan­do di “ta­gli”, in­te­so co­me de­ca­pi­ta­zio­ni: nes­sun ri­fe­ri­men­to al­le po­le­mi­che che han­no ac­com­pa­gna­to i suoi pri­mi pas­si al­la di­re­zio­ne del ma­ga­zi­ne, ca­rat­te­riz­za­ti da un ro­bu­sto ri­cam­bio di col­la­bo­ra­to­ri. Qui si ri­fe­ri­sce a de­ca­pi­ta­zio­ni in sen­so stret­to: quel­le mes­se in sce­na da Sean “Did­dy” Combs e Nao­mi Cam­p­bell nel­le im­ma­gi­ni del ca­len­da­rio Pi­rel­li 2018. En­nin­ful si è oc­cu­pa­to del­lo sty­ling, Tim Wal­ker, con cui col­la­bo­ra da tem­po, è l’au­to­re del­le im­ma­gi­ni. Nel­la fo­to che stia­mo guar­dan­do – una del­le nu­me­ro­se scat­ta­te nel back­sta­ge e che Vo­gue Ita­lia pre­sen­ta qui co­me as­sag­gio del ca­len­da­rio che ver­rà pub­bli­ca­to a no­vem­bre –, Cam­p­bell e Combs ve­sto­no in­fat­ti i pan­ni di due stra­va­gan­ti, mi­nac­cio­si fi­gu­ri, che bran­di­sco­no spa­ven­to­se asce su un fon­da­le ne­ro di fu­lig­gi­ne. Il concept al­la ba­se del­la nuo­va edi­zio­ne di “The Cal” è la rein­ter­pre­ta­zio­ne di “Ali­ce nel pae­se del­le me­ra­vi­glie” at­tra­ver­so il tocco oni­ri­co di Wal­ker. L’edi­zio­ne originale del ro­man­zo di Lewis Car­roll con­te­ne­va le il­lu­stra­zio­ni di John Ten­niel, che, per En­nin­ful, «han­no un gu­sto mol­to giap­po­ne­se. Gli abi­ti sem­bra­no sci­vo­la­re via dai cor­pi. L’idea era co­sì quel­la di trovare un pun­to d’in­con­tro tra Com­me des Ga­rçons e Yo­h­ji Ya­ma­mo­to, e al con­tem­po da­re al tut­to un tocco di real­tà. Per que­sto Nao­mi in­dos­sa un pa­io di leg­gings in la­tex e gli sti­va­li di Did­dy so­no slac­cia­ti. I due, poi, vo­le­va­no es­se­re fo­to­gra­fa­ti in­sie­me e nei pan­ni di car­ne­fi­ci, e noi li ab­bia­mo ac­con­ten­ta­ti». An­che le mo­del­le Ad­woa Aboah, Than­do Ho­pa e Slick Woods fan­no par­te del ca­st di que­sta ri­vi­si­ta­zio­ne “all black” del ro­man­zo di Car­roll. Tra le ce­le­bri­ties Whoo­pi Gold­berg, Lu­pi­ta Nyong’o, Sa­sha La­ne e un al­tro per­so­nag­gio con cui En­nin­ful è sta­to fe­li­ce di col­la­bo­ra­re per la pri­ma vol­ta. «È RuPaul! Ci cre­di che non l’ave­vo mai in­con­tra­to pri­ma d’ora? Non ap­pe­na ci sia­mo vi­sti, mi ha det­to di co­no­sce­re be­ne il mio la­vo­ro, e io gli ho ri­spo­sto di es­se­re un gran­de fan del suo. A tal pun­to che ho chia­ma­to il mio ca­gno­li­no con il suo no­me! Tu hai co­no­sciu­to il mio pic­co­lo Ru!». È ve­ro, ho co­no­sciu­to Ru, il ca­ne di En­nin­ful, an­che se pur­trop­po non ho mai avu­to la for­tu­na di in­con­tra­re il ve­ro Ru, il pre­sen­ta­to­re di “Ame­ri­ca’s Next Drag Queen”. Nei pan­ni del­la Re­gi­na di cuori, af­fian­ca­to dal gra­ni­ti­co re Dji­mon Houn­sou, è sta­to pro­prio RuPaul a or­di­na­re le de­ca­pi­ta­zio­ni: «Con­ti­nua­va a ur­la­re: “Via quel­la te­sta!”». Nel ruo­lo chia­ve di Ali­ce c’è in­ve­ce Duc­kie Thot, la me­ra­vi­glio­sa mo­del­la au­stra­lia­na ori­gi­na­ria del Sud Su­dan. «La bel­lez­za di Duc­kie ha dell’in­cre­di­bi­le. Il suo vi­so ha un trat­to ul­tra­ter­re­no e in­de­ci­fra­bi­le che ha cat­tu­ra­to sia Tim sia me. Ed è an­che una ra­gaz­za dal­la per­so­na­li­tà paz­ze­sca. Fo­to­gra­fa­ta al fian­co di nu­me­ro­si gran­di per­so­nag­gi, ha per­fet­ta­men­te ret­to il con­fron­to. È ma­gi­ca, ha tut­te le qua­li­tà di una star». Quan­do il ca­len­da­rio sa­rà pub­bli­ca­to, i pia­ni di En­nin­ful per “Bri­ti­sh Vo­gue” sa­ran­no fi­nal­men­te sve­la­ti sul­le pa­gi­ne del ma­ga­zi­ne. Nel frat­tem­po, sot­to­li­nea, il fat­to che il suo no­me si tro­vi tra quel­li dei crea­ti­vi Pi­rel­li co­ro­na una del­le sue più gran­di am­bi­zio­ni: «Co­me sty­li­st è un’espe­rien­za che sen­ti­vo di do­ver fa­re, ed è di­ver­ten­te che mi si sia pre­sen­ta­ta pro­prio ora. Sa­rà il mio ul­ti­mo la­vo­ro da free­lan­ce pri­ma di ini­zia­re a “Bri­ti­sh Vo­gue”. È una co­sa che ho sem­pre de­si­de­ra­to fa­re». •

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.