De­bi Ma­zar

VOGUE (Italy) - - STYLING BY EYOB YOHANNES -

«Trent’an­ni fa, al Dan­ce­te­ria, un lo­ca­le di New York, una ti­zia mi ha tra­sci­na­to fuo­ri da un ascen­so­re per­ché an­das­si a bal­la­re con lei. Da quel mo­men­to sia­mo di­ven­ta­te ami­che. Ma­don­na ha un sor­ri­so ma­li­zio­so, un fan­ta­sti­co sen­so dell’umo­ri­smo e una cu­rio­si­tà che fan­no di lei quel­lo che è. È sem­pre sta­ta una per­so­na ma­ter­na, la qua­li­tà che pre­fe­ri­sco in lei. Una vol­ta ero ma­la­ta di bron­chi­te e du­ran­te gli ac­ces­si di tos­se mi mas­sag­gia­va la schie­na fin­ché non mi ad­dor­men­ta­vo. So­no fie­ra del­la mam­ma che è di­ven­ta­ta og­gi. Da gio­va­ni, per tut­ti gli an­ni 80, non ave­va­mo un sol­do e scor­raz­za­va­mo per le stra­de di New York per fare ca­si­no, usci­re con i ra­gaz­zi… per ca­pi­re chi era­va­mo e crear­ci la no­stra stra­da. For­se la co­sa più im­por­tan­te che ab­bia­mo fatto in­sie­me è sta­to par­te­ci­pa­re e so­ste­ne­re un’ini­zia­ti­va del­la co­mu­ni­tà Lgb­tq nel pe­rio­do in cui è esplo­so l’Aids. Ab­bia­mo af­fron­ta­to mor­ti, na­sci­te, fi­dan­za­ti, car­rie­re, ma­ri­ti e pet­te­go­lez­zi. Nel cor­so de­gli an­ni sia­mo sta­te l’una la sal­vez­za dell’al­tra. Una vol­ta, du­ran­te un even­to a Los An­ge­les, in un ri­sto­ran­te, ho vi­sto con la co­da dell’oc­chio che le sta­va­no an­dan­do a fuo­co i ca­pel­li. Ho af­fer­ra­to im­me­dia­ta­men­te una broc­ca d’ac­qua e gliel’ho svuo­ta­ta in te­sta, an­co­ra pri­ma che lei si ren­des­se con­to di co­sa sta­va suc­ce­den­do. Mi so­no pre­sa un brut­to spa­ven­to ma quan­do ho vi­sto la sua fac­cia scioc­ca­ta so­no scop­pia­ta a ri­de­re. Non ave­va ca­pi­to per­ché l’ave­vo fatto. Tal­vol­ta bi­stic­cia­mo: sia­mo tutt’e due del Leo­ne e ci piac­cio­no i dram­mi, ma riu­scia­mo sem­pre a fare pace e a con­ta­re l’una sull’al­tra. Sia­mo due per­so­ne pie­ne di vi­ta, ma an­che este­nuan­ti, non smet­tia­mo mai di la­vo­ra­re e di so­gna­re. Lo di­co con amore, è la mia ami­ca più nar­ci­si­sta – ma è im­pos­si­bi­le aver­ce­la con lei per­ché… be’, è Ma­don­na, una per­so­na ge­nia­le, che adoro, e con la qua­le re­ste­re­mo so­rel­le fi­no al­la fi­ne!».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.