Front do­ve co­min­cia un sim­bo­lo, di Beatrice Zam­po­ni

Adot­ta­re qual­co­sa di ba­na­le, on­ni­pre­sen­te: co­me le stri­sce pe­do­na­li, o un fu­met­to man­ga. E ren­der­lo si­gni­fi­ca­ti­vo − fa­cen­do­ne un se­gno di mo­da, o un’ope­ra d’ar­te. Se­con­do “Ti­me” Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi e Vir­gil Abloh so­no tra i per­so­nag­gi più in­fluen­ti di og­gi.

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - di BEATRICE ZAM­PO­NI

«Col­la­bo­ran­do con Vir­gil vo­le­vo co­strui­re un pon­te più so­li­do e nuovo tra l’ar­te e un pub­bli­co ge­ne­ri­co, tra la mo­da e la sub­cul­tu­ra; vo­le­vo che tra vent’an­ni an­ni un ar­ti­sta po­tes­se guar­da­re in­die­tro aven­do la sen­sa­zio­ne che tutto è pos­si­bi­le. Mi so­no fat­to ca­ri­co del­la re­spon­sa­bi­li­tà di sa­pe­re che co­me vi­vo e la­vo­ro og­gi con­di­zio­ne­rà l’am­piez­za e la pro­fon­di­tà del­le scel­te crea­ti­ve del­le fu­tu­re ge­ne­ra­zio­ni di ar­ti­sti. Di­cia­mo che sto se­mi­nan­do per lo­ro».

«In­ter­pre­ta­re la so­cie­tà con­tem­po­ra­nea, dar­ne una let­tu­ra è al cen­tro del­la mia ri­cer­ca. Ta­ka­shi e io siamo estre­ma­men­te con­sa­pe­vo­li dell’era nel­la qua­le vi­via­mo e cer­chia­mo co­stan­te­men­te di tra­dur­la nel no­stro la­vo­ro. Pro­prio que­sto ci ha fat­to in­con­tra­re». In­di­ca­ti da “Ti­me” tra i per­so­nag­gi più in­fluen­ti del­la no­stra so­cie­tà, Vir­gil Abloh e Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi con­di­vi­do­no una ca­pa­ci­tà dia­bo­li­ca di fon­de­re ca­te­go­rie con­si­de­ra­te di­stin­te, se non op­po­ste, e co­sì di in­ter­pre­ta­re e tra­sfor­ma­re il con­tem­po­ra­neo. Ame­ri­ca­no di ori­gi­ni gha­ne­si, Abloh, 38 an­ni, ha una lau­rea in in­ge­gne­ria e una in ar­chi­tet­tu­ra, ed è for­se que­sta di­ver­si­tà dal mon­do mo­da ad aver­gli re­ga­la­to la pe­cu­lia­re abi­li­tà di en­tra­re in sin­to­nia con ciò che i di­ver­si pub­bli­ci vo­glio­no: crea­ti­ve di­rec­tor del rap­per Ka­nye We­st, dj, fon­da­to­re dell’eti­chet­ta Off-Whi­te, Abloh è l’“aral­do del cool im­me­dia­to” (co­me lo de­fi­ni­va su que­ste pa­gi­ne An­ge­lo Flac­ca­ven­to nel nu­me­ro di mag­gio), allo stes­so tem­po direttore ar­ti­sti­co per il men­swear di Louis Vuit­ton e crea­to­re per Ikea di una li­nea di ar­re­do de­di­ca­ta ai mil­len­nials in usci­ta nel 2019. Di Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi si è det­to tutto: 56 an­ni, è il più no­to ar­ti­sta giap­po­ne­se, mi­sce­la­to­re di cul­tu­ra al­ta e bas­sa, orien­te e oc­ci­den­te, tra­di­zio­ne e man­ga. Ha uni­to il con­cet­to di fac­to­ry ra­di­ca­to nell’ar­ti­gia­na­to giap­po­ne­se, quel­lo di Wa­rhol e i si­ste­mi pro­dut­ti­vi del ci­ne­ma di Hol­ly­wood, ar­ri­van­do a fon­de­re ar­te e mer­ca­to e ven­de­re in­sie­me scul­tu­re e qua­dri da mi­lio­ni di dol­la­ri con pro­dot­ti di mas­sa co­me ma­gliet­te e por­ta­chia­vi.

I due so­no ami­ci da an­ni, e da an­ni guar­da­no al la­vo­ro l’uno dell’altro con am­mi­ra­zio­ne, in­fluen­zan­do­si a vi­cen­da. Han­no de­ci­so di col­la­bo­ra­re rea­liz­zan­do una se­rie di mo­stre nel­le gal­le­rie di Lar­ry Ga­go­sian: il ci­clo, co­min­cia­to a Lon­dra a feb­bra­io con l’espo­si­zio­ne “Fu­tu­re Hi­sto­ry”, è ar­ri­va­to in esta­te a Pa­ri­gi (“Tech­ni­co­lor Two”), per con­clu­der­si po­chi gior­ni fa con “Ame­ri­ca Too” nel­la se­de di Be­ver­ly Hills. Obiet­ti­vo, co­me rac­con­ta­no in que­sta intervista dop­pia a Vo­gue Ita­lia: evi­den­zia­re i nu­me­ro­si va­si co­mu­ni­can­ti tra i lo­ro ec­cen­tri­ci lin­guag­gi.

La­vo­ra­te con gran­di squa­dre, co­me in una bot­te­ga ri­na­sci­men­ta­le. Quan­to è im­por­tan­te que­sto aspet­to col­la­bo­ra­ti­vo?

Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi. Da sem­pre ho sen­ti­to che la fi­gu­ra dell’ar­ti­sta so­li­ta­rio non fa­ce­va per me, men­tre l’idea del­la bot­te­ga mi sem­bra­va mol­to più con­ge­nia­le. Co­sì, ho co­min­cia­to a pra­ti­car­la e la mia l’ho chia­ma­ta Kai­kai Ki­ki, che si­gni­fi­ca ec­cen­tri­co e me­ra­vi­glio­so. So­no ter­mi­ni che ve­ni­va­no tra­di­zio­nal­men­te usa­ti in riferimento all’ar­ti­sta Ka­no Ei­to­ku, del­la Ka­no School, una bot­te­ga spe­cia­liz­za­ta in ar­te de­co­ra­ti­va fon­da­ta pri­ma del pe­rio­do Edo. Que­sto si­ste­ma col­la­bo­ra­ti­vo non era pe­rò co­mu­ne nell’ar­te con­tem­po­ra­nea o nell’ar­te giap­po­ne­se al tem­po del mio de­but­to; ho do­vu­to co­struir­lo e lot­ta­re per af­fer­mar­lo. Spe­ro che vi­va se non per 300 an­ni co­me la scuo­la di Ka­no, al­me­no per 100 co­me la Di­sney! Vir­gil Abloh. La no­stra pra­ti­ca con­di­vi­sa è le­ga­ta a ciò che pro­du­cia­mo. Gran­di équi­pe so­no as­so­lu­ta­men­te vi­ta­li per la­vo­ra­re a de­ter­mi­na­te sca­le di gran­dez­za, sia fi­si­che sia pro­dut­ti­ve, e rag­giun­ge­re cer­ti ri­sul­ta­ti. La

«Tutto par­te da Du­champ. Ho tra­sla­to il suo lin­guag­gio nel mon­do di og­gi».

Vir­gil Abloh

col­la­bo­ra­zio­ne tra noi è ba­sa­ta sul­la to­ta­le in­clu­sio­ne dei no­stri team che la­vo­ra­no co­me fos­se­ro uno solo.

En­tram­bi uti­liz­za­te sim­bo­li, ico­ne ri­co­no­sci­bi­li che diventano i vo­stri in­con­fon­di­bi­li mar­chi di fab­bri­ca. V.A. Nel mio ca­so par­te tutto da Du­champ e dal­la nuo­va pos­si­bi­li­tà espres­si­va che ci ha da­to at­tra­ver­so il rea­dy-ma­de. Ho tra­sla­to il suo lin­guag­gio nel mon­do di og­gi sce­glien­do per esem­pio di usa­re le stri­sce di at­tra­ver­sa­men­to pe­do­na­le co­me sim­bo­lo. Ho adot­ta­to qual­co­sa di ba­na­le, on­ni­pre­sen­te, pron­to all’uso e con la sua ri­pe­ti­zio­ne l’ho re­so par­te si­gni­fi­ca­ti­va del mio la­vo­ro. T.M. Ho co­min­cia­to a raf­fi­gu­ra­re i miei per­so­nag­gi per rac­con­ta­re co­me, do­po la Se­con­da guer­ra mon­dia­le, il Giap­po­ne si sia fo­ca­liz­za­to nel­la crea­zio­ne di que­sti gra­zio­si/in­quie­tan­ti pu­paz­zet­ti; un mon­do com­ples­so che rap­pre­sen­ta una del­le no­stre ori­gi­na­li­tà cul­tu­ra­li più for­ti, per que­sto ho vo­lu­to tra­sfor­mar­ne i pro­ta­go­ni­sti in ico­ne.

Abloh, nel suo lin­guag­gio lei usa mol­to il let­te­ring e le vir­go­let­te, c’è una vo­lon­tà da­dai­sta in que­sta scelta? V.A. L’uso di que­sta ti­po­gra­fia mi con­sen­te di es­se­re fi­gu­ra­ti­vo e let­te­ra­le allo stes­so tem­po, mi aiu­ta a ri­con­te­stua­liz­za­re oggetti o con­cet­ti, con­sen­ten­do­mi di svi­lup­pa­re una di­men­sio­ne ogni vol­ta nuo­va in cui crea­re.

Nel suo la­vo­ro spes­so ri­ve­la par­te del suo pro­ces­so crea­ti­vo, per­ché?

V.A. Mi of­fre la pos­si­bi­li­tà di uma­niz­za­re ciò che sto

«Vo­le­vo co­strui­re un pon­te tra l’ar­te e un pub­bli­co ge­ne­ri­co, tra la mo­da e la sub­cul­tu­ra ».

Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi

fa­cen­do e di av­vi­ci­na­re le per­so­ne. Mi af­fa­sci­na l’idea che una con­nes­sio­ne uma­na pos­sa scat­ta­re at­tra­ver­so stru­men­ti ina­ni­ma­ti.

Nel 2002, Mu­ra­ka­mi co­min­cia una col­la­bo­ra­zio­ne con Vuit­ton che ha to­tal­men­te ri­vo­lu­zio­na­to l’im­ma­gi­ne del brand. Marc Ja­cobs – all’epo­ca direttore crea­ti­vo – dis­se: «Que­sta espe­rien­za è sta­ta un mo­nu­men­ta­le ma­tri­mo­nio tra ar­te e com­mer­cio». Che co­sa ri­cor­da? T.M. Co­me Sting era un in­gle­se a New York, Marc Ja­cobs era un ame­ri­ca­no a Pa­ri­gi e cer­ca­va di af­fer­ma­re la sua iden­ti­tà sta­tu­ni­ten­se in Fran­cia. La sua pri­ma col­la­bo­ra­zio­ne con Ste­phen Sprou­se e i suoi graf­fi­ti de­ri­va­no pro­prio da que­sta ne­ces­si­tà. L’espe­ri­men­to tra ar­te e mo­da eb­be un ta­le suc­ces­so che ne nac­que­ro al­tri, tra cui il mio. È chia­ra­men­te sta­to un pas­sag­gio epi­co. Ora le col­la­bo­ra­zio­ni so­no all’or­di­ne del gior­no, ma do­vrem­mo sem­pre ri­cor­dar­ci chi ne è sta­to un pio­nie­re. V.A. È sta­to un espe­ri­men­to to­tal­men­te ri­vo­lu­zio­na­rio. Mi­schia­re ar­te e mo­da e far­lo sen­za al­cun com­pro­mes­so. Quel­lo fu un mo­men­to no­da­le anche per lo svi­lup­po del­la mia crea­ti­vi­tà. La ca­pa­ci­tà di de­co­strui­re di Mu­ra­ka­mi, la sua li­ber­tà este­ti­ca e con­cet­tua­le so­no sta­te per me di as­so­lu­ta ispi­ra­zio­ne.

Og­gi è Abloh il direttore ar­ti­sti­co del­la li­nea ma­schi­le di Louis Vuit­ton. Co­sa pensa di que­sta coin­ci­den­za? T.M. Che la sua po­si­zio­ne non è mol­to di­ver­sa da quel­la di Marc al tem­po. Anche il la­vo­ro di Vir­gil sta se­gnan­do un’epo­ca: un afroa­me­ri­ca­no alla gui­da di una mai­son pa­ri­gi­na. Mi aspet­to che spin­ga sem­pre più forte la sua iden­ti­tà in que­sto sen­so. Si trat­ta di un pas­sag­gio che segna l’instabilità po­si­ti­va del­la mo­da, sot­to­li­nean­do co­me con­ti­nui sem­pre ad as­sor­bi­re sti­mo­li di­ver­si per evol­ver­si in ma­nie­ra spes­so anche più li­be­ra dell’ar­te.

Tra le ope­re che ave­te pre­sen­ta­to c’è un la­vo­ro in cui un au­to­ri­trat­to di Ber­ni­ni si so­vrap­po­ne con Mr. DOB, il pri­mo per­so­nag­gio crea­to da Mu­ra­ka­mi ispi­ra­to ai fu­met­ti man­ga. C’è una re­la­zio­ne par­ti­co­la­re con il ce­le­bre ar­chi­tet­to ita­lia­no?

V.A. Ber­ni­ni è sta­to un ar­ti­sta mul­ti­di­sci­pli­na­re e si le­ga alla mia sen­sa­zio­ne per­so­na­le che la so­cie­tà con­tem­po­ra­nea stia vi­ven­do una sor­ta di Ri­na­sci­men­to. Anche se sul pia­no sto­ri­co è una fi­gu­ra del pie­no Ba­roc­co, per me, me­ta­fo­ri­ca­men­te, in­car­na lo stes­so spi­ri­to di rin­no­va­men­to e mo­der­ni­tà che era co­min­cia­to nel Quat­tro­cen­to. Vo­le­vo legare ciò che Ta­ka­shi e io stia­mo fa­cen­do og­gi a quel ti­po di ap­proc­cio e crea­ti­vi­tà spe­ri­men­ta­le.

L’ope­ra più rap­pre­sen­ta­ta nel­le mo­stre in mul­ti­ple ver­sio­ni di co­lo­ri, ma­te­ria­li e sup­por­ti è la sem­pli­ce in­ter­se­zio­ne dei vo­stri sim­bo­li più ine­qui­vo­ca­bi­li: le quat­tro frec­ce di Abloh e il fio­re che sor­ri­de di Mu­ra­ka­mi, una sor­ta di nuo­va ico­na com­po­sta a sua vol­ta da ico­ne. T.M. È un gesto em­ble­ma­ti­co, vo­le­va­mo dav­ve­ro ren­de­re in­scin­di­bi­li i no­stri lin­guag­gi. Cre­do che l’ar­te di va­lo­re si pos­sa va­lu­ta­re solo do­po an­ni dal­la sua rea­liz­za­zio­ne e non nell’im­me­dia­to. Vor­rei che il pub­bli­co del fu­tu­ro guar­das­se al no­stro la­vo­ro pen­san­do alla fi­ne di un’era in cui l’ar­te era an­co­ra pro­tet­ta in un san­tua­rio e in cui noi la­vo­ra­va­mo in­ces­san­te­men­te per far­la usci­re. •

Qui ac­can­to e in aper­tu­ra. Tre ope­re di Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi & Vir­gil Abloh: “Ti­mes: Ame­ri­ca Too”, 2018 (acri­li­co su te­la, 180.3 x 191.8 x 20.3 cm), e due ver­sio­ni di “Ti­mes Na­tu­re”, 2018 (acri­li­ci su te­la, 150 x 150 cm). I la­vo­ri, na­ti dal­la col­la­bo­ra­zio­ne tra l’ar­ti­sta giap­po­ne­se e il direttore crea­ti­vo men­swear di Louis Vuit­ton, so­no sta­ti espo­sti in un ci­clo di mo­stre or­ga­niz­za­to nel­le gal­le­rie di Lar­ry Ga­go­sian pri­ma a Lon­dra, poi a Pa­ri­gi e a Be­ver­ly Hills.

In bas­so. Vir­gil Abloh, 38 an­ni, direttore crea­ti­vo del­la li­nea ma­schi­le di Louis Vuit­ton, è anche il fon­da­to­re di uno dei brand di street­wear de­lu­xe di mag­gio­re suc­ces­so de­gli ul­ti­mi an­ni: Off-Whi­te, lan­cia­to nel 2013, con pro­du­zio­ne e se­de a Milano.

Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi & Vir­gil Abloh, Tech­ni­co­lor 2, In­stal­la­tion View, 2018. Nel­la pa­gi­na ac­can­to. Ta­ka­shi Mu­ra­ka­mi, 56 an­ni, de­fi­ni­sce la sua este­ti­ca “Su­per­flat” per­ché fon­de una gran­de va­rie­tà di ele­men­ti, ap­piat­ten­do­li in su­per­fi­ci co­lo­ra­te.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.