La Sto­ria anche mia, l’afri­ca, di Wal­ter Si­ti

Pro­dur­re il film pre­mio Oscar trat­to dal li­bro di Ka­ren Bli­xen era la sua os­ses­sio­ne. Per­ché? ANNA CA­TAL­DI lo rac­con­ta a un ami­co scrit­to­re. E in un me­moir in usci­ta.

VOGUE (Italy) - - SOMMARIO - Di WAL­TER SI­TI*

Anna Ca­tal­di mi vie­ne in­con­tro av­vi­ci­nan­do­mi il vi­so bello e in­fra­gi­li­to dagli an­ni; siamo ami­ci da un po’, ho let­to il suo li­bro quan­do era an­co­ra ma­no­scrit­to am­mi­ran­do­ne l’aria po­co ita­lia­na, la so­brie­tà da “ne­ver com­plain”. Ci se­dia­mo sul di­va­no men­tre il bas­sot­to Blu sco­din­zo­la e mi fe­steg­gia.

Il tuo li­bro, pub­bli­ca­to ora da Riz­zo­li con il ti­to­lo “La co­da del­la si­re­na”, è un me­moir che parla di co­me sei riu­sci­ta a ot­te­ne­re che si fa­ces­se un film a par­ti­re da “La mia Afri­ca” di Ka­ren Bli­xen e dal­le bio­gra­fie scrit­te su di lei. Le me­mo­rie ti af­fa­sci­na­no più dei ro­man­zi di in­ven­zio­ne? Cer­ta­men­te, in me c’è un de­si­de­rio di in­ve­sti­ga­re, mi ha sem­pre emo­zio­na­to fru­ga­re nel­le vi­te al­trui, cer­ca­re coin­ci­den­ze… la mia pas­sio­ne è Lyt­ton Stra­chey… è co­me una cac­cia al te­so­ro, en­tri in una grot­ta e sco­pri, sco­pri, è straor­di­na­rio.

Si parla spes­so dell’ef­fet­to te­ra­peu­ti­co del­le scrit­tu­re di me­mo­ria, vale anche per te?

Fa­re l’in­da­ga­tri­ce, co­me di­ce­vo, per me è una te­ra­pia purché non in­da­ghi su di me, an­zi ( una pau­sa, un sor­ri­so do­lo­ro­so e in­fan­ti­le) io ho una sof­fe­ren­za a par­la­re di me… que­sto li­bro l’ho vo­lu­to scri­ve­re so­prat­tut­to per la­scia­re qual­co­sa alle mie fi­glie e ai miei ni­po­ti, per ridare lo­ro un pez­zet­to del­la vi­ta di quand’era­no ra­gaz­zi, e ho po­tu­to far­lo per­ché te­ne­vo i dia­ri… il li­bro serve a riparare qual­co­sa che non c’è più, so­prat­tut­to per­ché al­lo­ra Gio­van­ni ( il fi­glio mag­gio­re, mor­to a 28 an­ni in un in­ci­den­te su­bac­queo) era an­co­ra vi­vo…

La Anna del li­bro sem­bra os­ses­sio­na­ta da que­sto “film da far­si”; da che co­sa de­ri­va­va que­sta spin­ta co­sì forte? Da che sta­vi fug­gen­do?

Ero in­ge­nua, sprov­ve­du­ta… pri­ma di que­sto, a par­te i miei fi­gli, non ave­vo com­bi­na­to niente di si­gni­fi­ca­ti­vo… riu­sci­re a pro­dur­re il film era un mo­do per di­re “ce l’ho fat­ta”, di qua­lun­que im­pre­sa si fos­se trat­ta­to. Hai tro­va­to nel­la vi­cen­da del­la Bli­xen qual­co­sa che ti so­mi­glia­va?

Sì ( esi­ta), for­se una ca­du­ta, un di­sa­stro… ero in un mo­men­to mol­to dif­fi­ci­le del­la mia vi­ta ( si ri­fe­ri­sce a Gior­gio Falk, il pri­mo ma­ri­to a cui ac­cen­na nel li­bro: «Ho di­vor­zia­to e tutto è ri­ma­sto a lui, è riu­sci­to a por­tar­mi via anche due fi­gli» ) e mi so­no iden­ti­fi­ca­ta con la Bli­xen quan­do rac­con­ta nel­le let­te­re di ave­re per­so tutto… l’ho let­ta co­me una sto­ria di re­si­sten­za.

Che rap­por­ti ave­vi fi­no a quel mo­men­to con il mon­do del ci­ne­ma?

Ze­ro. Ba­da­vo ai di­vi, al re­gi­sta… è sta­ta Au­drey (He­p­burn, ndr) a dir­mi «de­vi ve­de­re anche chi ha fat­to le sce­ne, i co­stu­mi, la sce­neg­gia­tu­ra, la mu­si­ca, so­no co­se mol­to im­por­tan­ti»… da al­lo­ra ho co­min­cia­to ad an­da­re al ci­ne­ma da so­la co­me se fa­ces­si i com­pi­ti, mi se­gna­vo tutto… Eri ami­ca del­la He­p­burn, di Zef­fi­rel­li, con Po­lan­ski scia­vi a Gstaad… que­sta re­te di ami­ci­zie non ti ha aiu­ta­to? Zef­fi­rel­li vo­le­va tra­sci­nar­mi nel suo “Ge­sù” co­me Ma­ria Mad­da­le­na, far­mi cam­mi­na­re a pie­di nu­di con una broc­ca in testa… ma nell’im­pe­gno del film le ami­ci­zie mon­da­ne in­ve­ce che aiu­tar­mi mi han­no piut­to­sto osta­co­la­to, mi pren­de­va­no per una “so­cial but­ter­fly” e mi di­ce­va­no «noi fac­cia­mo un la­vo­ro se­rio, non ti im­mi­schia­re», ho ri­ce­vu­to tan­te umi­lia­zio­ni.

Tra le per­so­ne in­con­tra­te nei set­te an­ni di ten­ta­ti­vi, chi ri­cor­di con più pia­ce­re?

Char­les Pick, il direttore del­la ca­sa edi­tri­ce Hei­ne­mann, uno dei po­chi che mi ha pre­so sul se­rio… e poi Er­rol Tr­ze­bin­ski ( au­tri­ce di “Si­len­ce Will Speak”, sto­ria dell’amo­re tra la Bli­xen e De­nys Fin­ch Hut­ton) che ora vi­ve sull’iso­la di La­mu… con lei siamo ri­ma­ste mol­to ami­che, è ve­nu­ta a tro­var­mi in To­sca­na… e Ste­phen Gri­mes, l’art di­rec­tor che abi­ta­va a Tra­ste­ve­re.

Quan­ta è sta­ta la gio­ia quan­do “La mia Afri­ca”, con quel ca­st stellare e gli Oscar, è fi­nal­men­te usci­to?

È sta­ta un po’ ro­vi­na­ta dal­le ma­lat­tie: non ho po­tu­to an­da­re a Hol­ly­wood per la pri­ma e stavo alla cli­ni­ca Man­gia­gal­li quan­do il film è sta­to pre­sen­ta­to alla re­gi­na Eli­sa­bet­ta… non ho po­tu­to nem­me­no av­vi­sa­re ed è sem­bra­to che snob­bas­si la re­gi­na.

Sei più tor­na­ta in Ke­nya?

Non è più lo stes­so… il Nor­folk Ho­tel, che era char­mo­sis­si­mo, quan­do l’ho vi­sto l’ul­ti­ma vol­ta tra tutti i grat­ta­cie­li mi sem­bra­va un Piz­za Hut ca­li­for­nia­no. So­no andata nel 1992 per pas­sa­re da lì in So­ma­lia do­ve c’era Au­drey, poi è cam­bia­to tutto. Se non aves­si fat­to la fol­lia di vo­ler rea­liz­za­re que­sto film, la mia vi­ta sa­reb­be sta­ta di­ver­sa.

Con l’un­der­sta­te­ment che le è so­li­to al­lu­de al suc­ces­si­vo im­pe­gno uma­ni­ta­rio, che dal­la So­ma­lia l’ha por­ta­ta a Sa­ra­je­vo, poi in Ce­ce­nia, poi a di­ven­ta­re mes­sag­ge­ra di pa­ce per le Na­zio­ni Uni­te e gior­na­li­sta per mol­te te­sta­te ita­lia­ne e stra­nie­re; ma ci aspet­ta una zup­pa di pol­lo al cur­ry e lat­te di coc­co, e l’intervista è fi­ni­ta. •

*Scrit­to­re, 71 an­ni, ha ap­pe­na pub­bli­ca­to il ro­man­zo Bon­tà (Ei­nau­di).

A fian­co. La gior­na­li­sta e scrit­tri­ce Anna Ca­tal­di(1939), ri­trat­ta da Ugo Mu­las per Vo­gue Ita­lia, no­vem­bre 1968. Good­will Am­bas­sa­dor per l’Or­ga­niz­za­zio­ne Mon­dia­le del­la Sa­ni­tà, ha spo­sa­to in pri­me noz­ze Gior­gio Falk da cui ha avu­to tre fi­gli. Dal 1998 al 2006 è sta­ta uno dei no­ve Mes­sen­gers of Pea­ce del Se­gre­ta­rio Ge­ne­ra­ledel­le Na­zio­ni Uni­te Ko­fi An­nan.

In La co­da del­la si­re­na (Riz­zo­li), Anna Ca­tal­di rac­con­ta il per­cor­so che l’ha por­ta­ta a pro­dur­re il film La mia Afri­ca, vincitore di 7 pre­mi Oscar nel 1986.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.