QUE­STA NON È UNA STO­RIA DI VE­STI­TI

VOGUE (Italy) - - BACK - Di MI­CHE­LE MA­SNE­RI

A più di un me­se dal pu­ti­fe­rio sca­te­na­to da He­di Sli­ma­ne con la sua in­ter­pre­ta­zio­ne di Ce­li­ne (ac­cen­to in­clu­so), un gior­na­li­sta-scrit­to­re fa il pun­to. Ri­sul­ta­to: un feuil­le­ton con pro­ta­go­ni­sti #MeToo, Trump, omo­fo­bia e neo­fem­mi­ni­smo, una guer­ra di bu­si­ness. E mol­ta (non) in­spe­ra­ta pub­bli­ci­tà.

Ci fu­ro­no ad­di­rit­tu­ra adu­nan­ze se­di­zio­se. Ad­di­rit­tu­ra pri­ma del­la ri­vo­lu­zio­ne. La ri­vo­lu­zio­ne, co­me si vuo­le fran­ce­se, è quel­la che ha por­ta­to scom­pi­glio nel già non pla­ci­do mon­do del­la mo­da, e anche He­di Sli­ma­ne da Cé­li­ne: an­zi Ce­li­ne (è anche una sto­ria d’ac­cen­to, que­sta). Le adu­nan­ze se­di­zio­se, alla vi­gi­lia del­la sfi­la­ta P/E 2019 del­la mai­son, il 28 set­tem­bre, era­no or­ga­niz­za­te dal­le “phi­lo­fi­les”, le se­gua­ci del­la pre­ce­den­te de­si­gner, Phoe­be Phi­lo. Adu­nan­ze pre­ven­ti­ve in bou­ti­que che ce­le­bra­va­no l’ad­dio a co­lei che ave­va a suo mo­do crea­to un mon­do: so­fi­sti­ca­to, al­to­bor­ghe­se, diur­no. At­te­sa, la ri­vo­lu­zio­ne pun­tual­men­te av­ven­ne: con i 96 look (uni­sex equa­men­te in­dos­sa­ti da donne e uo­mi­ni) man­da­ti in pas­se­rel­la da He­di Sli­ma­ne nel­la gran­de strut­tu­ra di ac­cia­io e ve­tro du cô­té des In­va­li­des.

Og­gi, do­po oltre un me­se, l’eco del­la ri­vo­lu­zio­ne, pre­sto fat­ta­si ris­sa me­dia­ti­ca, an­co­ra non si è pla­ca­ta. Per­ché que­sta non è una sto­ria di ve­sti­ti. È un feuil­le­ton su uno dei non mol­ti am­bi­ti, la mo­da, che og­gi rie­sce a in­cro­cia­re sol­di, po­te­re, espres­sio­ne ar­ti­sti­ca, influenza cul­tu­ra­le, crea­zio­ne di im­ma­gi­na­rio in po­chi an­ni e con car­rie­re per­si­no me­ri­to­cra­ti­che co­me in nes­sun altro set­to­re, al­me­no in Europa. Ec­co per­ché si è qui a scri­ver­ne, e sen­za es­se­re esper­ti del ra­mo. Si è stu­dia­to: la sfi­la­ta del­lo scon­ten­to si chia­ma­va “Pa­ris La Nuit,” e co­me pro­gram­ma-ma­ni­fe­sto “dia­rio not­tur­no del­la jeu­nes­se pa­ri­gi­na”, quan­to di più lon­ta­no in­som­ma dal pas­sa­to. Nei suoi die­ci an­ni a Pa­ri­gi, Phoe­be Phi­lo – don­na la­vo­ra­tri­ce fin dal no­me, che sem­bra quel­lo di un’agen­da – ave­va ras­si­cu­ra­to le co­scien­ze con le sue tu­ti­ne e le bor­set­te si­gno­ri­li, il cap­pot­to­ne e il cap­pot­to dop­pio tren­ch, in­som­ma l’ar­ma­men­ta­rio sar­to­ria­le per una wor­king girl glo­ba­le mol­to ab­bien­te e ri­fi­ni­ta in ca­che­mi­re. Era sta­to un trionfo di cri­ti­ca e di ven­di­te (bor­se, per la verità, più che ve­sti­ti): co­me una Pra­da de­gli ini­zi, ave­va pla­sma­to lo sti­le di sciu­re mi­ni­ma­li­ste-in­tel­let­tua­li (il col­po di ge­nio-gra­zia finale con Joan Di­dion te­sti­mo­nial). Ma a fi­ne set­tem­bre le phi­lo­fi­les si son ri­tro­va­te in­ve­ce – anticipate da un rul­lo di tam­bu­ri del­la guar­dia re­pub­bli­ca­na, nel­lo show che ha cam­bia­to tutto – uno stuo­lo di ado­le­scen­ti, acu­mi­na­ti sli­ma­nia­ni, in im­pec­ca­bi­li abi­ti­ni fon­da­men­tal­men­te ne­ri, at­til­la­ti at­tor­no alle lo­ro usci­te se­ra­li.

Dall’in­ter­no-gior­no de­gli uf­fi­ci ario­si e sa­lu­bri di que­ste la­vo­ra­tri­ci, ci si è ri­tro­va­ti all’ester­no notte di una Sen­na più ec­ci­tan­te. Son cre­sciu­ti un po’ nel tem­po gli ado­le­scen­ti, ne­gli an­ni del se­mi­na­rio sli­ma­nia­no sul­la gio­ven­tù, pri­ma da Dior Hom­me (2000-2007) e poi da Saint Lau­rent (2012-2016); diventano gran­di ma mai del tutto adul­ti, co­me per­so­nag­gi da Bret Ea­ston El­lis. Se­con­do il “Fi­nan­cial Ti­mes”, Sli­ma­ne con la sua este­ti­ca è ri­ma­sto im­pri­gio­na­to in un mon­do ma­gro, ado­le­scen­te, co­me sot­to un aspic, una ge­la­ti­na che lo pre­ser­va.

Fuo­ri dal­la ge­la­ti­na, glie­ne han det­te di ogni. Di aver ri­pe­tu­to se stes­so, cer­to, di aver vio­la­to il sa­cro pan­to­ne bei­ge-gri­gio-ka­ki di Ce­li­ne. «Dé­jà-vu», se­con­do la più fe­ro­ce ac­cu­sa­tri­ce, Va­nes­sa Fried­man sul “The New York Ti­mes”, per cui «era pos­si­bi­le spe­ra­re che Sli­ma­ne in­ve­ce di ri­pe­ter­si si evol­ves­se dan­do vi­ta a qual­co­sa in gra­do di par­la­re più ge­ne­ro­sa­men­te a chi ha vi­te

mul­ti­di­men­sio­na­li». Me­no con­cet­tua­li, i so­li­ti per­fi­di de­bun­kers di “Diet Pra­da” han­no fat­to un bel me­me con un ti­po che in­col­la una pub­bli­ci­tà di Saint Lau­rent su un’al­tra di Ce­li­ne, al suo­no di una dol­ce me­lo­dia (“Mo­ve bit­ch, get out the way”). Ar­ti­co­lan­do poi: «Era­va­mo spe­ran­zo­si e pron­ti a es­se­re sor­pre­si, ma ve­den­do la nuo­va col­le­zio­ne ci siamo ri­cor­da­ti che è meglio ri­ma­ne­re ci­ni­ci». “The Wa­shing­ton Po­st”: «In una notte ha fat­to sal­ta­re tutto quel­lo che era di Ce­li­ne» (com­pre­so l’ac­cen­to, che co­me si sa è sta­to l’av­vi­sa­glia del cam­bia­men­to. Qual­che gior­no pri­ma del­la fa­ti­di­ca sfi­la­ta, so­no com­par­si in­fat­ti i primi lo­ghi, ed è sta­to su­bi­to “ac­cent-gate”, e del re­sto lui pri­ma ave­va tol­to la Y da­van­ti al suo Saint Lau­rent che mie­te­va ado­ra­zio­ne e fat­tu­ra­ti).

Ep­pu­re lui, Sli­ma­ne, ave­va mes­so le ma­ni avan­ti: nell’intervista ab­ba­stan­za pro­gram­ma­ti­ca a “Le Fi­ga­ro” del 25 set­tem­bre: «Ho tro­va­to il mio sti­le vent’an­ni fa. Pas­sa

per una li­nea, un trat­to, una al­lu­re che se­guo os­ses­si­va­men­te e che de­fi­ni­sce chi so­no». Le phi­lo­fi­les so­no af­fran­te. «Cer­to, for­se alla fi­ne è meglio una rot­tu­ra dra­sti­ca piut­to­sto di un imi­ta­to­re di Phoe­be», ri­flet­to­no su “The Bu­si­ness of Fa­shion”. Non era nem­me­no fa­ci­le tro­va­re un suc­ces­so­re per la sti­li­sta in­gle­se che ha ab­ban­do­na­to il mar­chio a primavera, do­po aver im­po­sto la sua don­na sen­za an­go­li, «over­si­ze, soft, en­ve­lo­ping» se­con­do Va­nes­sa Fried­man, in­som­ma ver­reb­be da di­re una fa­got­ta­ra mol­to con­tem­po­ra­nea e norm­co­re. Le phi­lo­fi­les og­gi fan­no i gi­ro­ton­di nel­le bou­ti­que: «Il ne­go­zio Ce­li­ne era pie­no di donne in­tel­let­tua­li pro­ve­nien­ti da ogni par­te del mon­do», ha scrit­to Sté­pha­nie Da­nan, sti­li­sta fran­ce­se tra­pian­ta­ta a Los An­ge­les (co­me Sli­ma­ne). Per­ché il cuore del­la questione poi non è este­ti­co ma po­li­ti­co. I ra­gaz­zi di Sli­ma­ne han­no scelto il mo­men­to peg­gio­re per usci­re dall’aspic: quel­lo del pri­mo an­ni­ver­sa­rio del #MeToo, quel­lo di un mon­do sem­pre più di­chia­ra­ta­men­te sen­si­bi­le alla nar­ra­zio­ne fem­mi­ni­sta.

Co­sì le rea­zio­ni alla sfi­la­ta sli­ma­nia­na con­ti­nua­no, e non ri­guar­da­no dav­ve­ro i ve­sti­ti, ma tutto il re­sto. «Non ri­flet­te la di­ver­si­tà del­la gio­ven­tù pa­ri­gi­na», se­con­do “The Wa­shing­ton Po­st”. «Ma­sco­li­ni­tà tos­si­ca», ha com­men­ta­to Tim Blanks. «Il 91 per cen­to del­le sue mo­del­le so­no bian­che!», cal­co­la il si­to ame­ri­ca­no Mic (con­fron­tan­do la sfi­la­ta pa­ri­gi­na di Ce­li­ne con la me­dia vir­tuo­sa del­la fa­shion week new­yor­che­se, 44,8 per cen­to). “The Hol­ly­wood Re­por­ter”, che ha pa­ra­go­na­to Sli­ma­ne a Trump, sep­pur iro­ni­ca­men­te (a dif­fe­ren­za dei beo­ti dei so­cial, che non so­no co­sì sot­ti­li): «L’odio per Sli­ma­ne sem­bra par­ti­co­lar­men­te ap­pro­pria­to per i no­stri tem­pi, quan­do la po­li­ti­ca trum­pia­na di di­vi­sio­ne, news e so­cial me­dia ha re­so qua­lun­que co­sa per­so­na­le, e tra­sfor­ma­to il di­scor­so pub­bli­co in un duel­lo quo­ti­dia­no. Per al­cu­ni com­prar­si un cap­pot­to da quat­tro­mi­la dol­la­ri di­se­gna­to da una don­na era per­ce­pi­to co­me un at­to fem­mi­ni­sta. Per lo­ro, il re­sto del­la sto­ria po­treb­be sem­bra­re fa­mi­lia­re. Por­ta via il la­vo­ro a una don­na che lo fa­ce­va alla per­fe­zio­ne, dal­lo a un uo­mo che ro­vi­na tutto», ha scrit­to il magazine ca­li­for­nia­no. Con­ti­nuan­do: «C’è da do­man­dar­si se Lv­mh (che con­trol­la Ce­li­ne) si aspet­tas­se que­sto ti­po di ope­ra­zio­ne».

In real­tà non è che se lo aspet­ta­no: ci con­ta­no pro­prio. Quan­do Ber­nard Ar­nault ha coop­ta­to in primavera Sli­ma­ne, lo sti­li­sta fran­ce­se era re­du­ce dai trion­fi, non solo crea­ti­vi ma anche com­mer­cia­li, di Saint Lau­rent, do­ve cam­bia­va i no­mi ma so­prat­tut­to i fat­tu­ra­ti. I ri­ca­vi sot­to la sua ge­stio­ne “ma­schi­li­sta” so­no cre­sciu­ti del 75 per cen­to. Ma si può fa­re anche meglio: con lui Ce­li­ne do­vrà ora pas­sa­re dagli 800 mi­lio­ni di eu­ro at­tua­li al dop­pio o al tri­plo, mis­sio­ne cui è te­nu­to dal­la pro­prie­tà, gra­zie anche alle li­nee uo­mo, ai pro­fu­mi e alla cou­tu­re (co­sì un nuovo pro­fu­mo Ce­li­ne è at­te­so già per l’anno pros­si­mo). Lo san­no tutti. È sta­to chia­ma­to per que­sto. E oltre alla lot­ta tra fem­mes sa­van­tes e ado­le­scen­ti sman­drap­pa­te, sullo sfondo c’è quel­la più bru­ta­le tra i due grup­po­ni del lus­so fran­ce­se: Ke­ring di Pi­nault, che rag­grup­pa tra gli al­tri Saint Lau­rent, Guc­ci, Balenciaga e Ale­xan­der McQueen, e Lv­mh di Ar­nault, che oltre a Ce­li­ne ha anche Vuit­ton, Givenchy, Fendi e Dior.

Non fa­ci­le fa­re il de­si­gner nell’epo­ca del­la sua ri­pro­du­ci­bi­li­tà tec­ni­ca. Su Trump pe­rò Sli­ma­ne ha sbroc­ca­to. In un’intervista, qua­si ri­pro­po­nen­do un po’ la ri­spo­sta fran­ce­se al fem­mi­ni­smo ame­ri­ca­no con­tem­po­ra­neo (e sarà un ca­so, ma Ca­the­ri­ne De­neu­ve, una del­le più sprez­zan­ti contro il #MeToo, era in pri­ma fi­la alla sua sfi­la­ta), ha det­to: «Il confronto con Trump è op­por­tu­ni­sti­co, piut­to­sto gros­so­la­no e co­mi­co. E poi le donne che ve­sto io so­no li­be­re, li­be­re di far­lo co­me vo­glio­no. O for­se non so­no più au­to­riz­za­te a met­ter­si una mi­ni­gon­na se lo cre­do­no? Ho vi­sto che per al­cu­ni io avrei anche il cat­ti­vo gu­sto di suc­ce­de­re a una sti­li­sta don­na. Ci si leg­ge un sot­to­te­sto di omo­fo­bia sor­pren­den­te. Ma dav­ve­ro un uo­mo che di­se­gna una col­le­zio­ne don­na è un pro­ble­ma?». Do­man­da re­to­ri­ca: ov­via­men­te sì, al­me­no per i mo­stri dei so­cial.

Qual­cu­no de­gli ac­cu­sa­to­ri del­la cri­ti­ca si è poi pen­ti­to, for­se con­fi­dan­do in gad­get o be­ne­vo­len­ze, for­se ri­guar­dan­do­si le fo­to del­la sfi­la­ta, do­ve gli young adul­ts di Sli­ma­ne so­no ap­pun­to young, ma non par­ti­co­lar­men­te ses­sua­liz­za­ti, an­zi. Mol­to me­no di al­tri mar­chi. So­no sem­mai stro­pic­cia­ti (co­me poi i lo­ro col­le­ghi “rea­li”, con tut­te le in­chie­ste per cui si sa che i tee­na­ger non è che fac­cia­no tutto que­sto ses­so). For­se tutti pro­iet­ta­no un po’ trop­po sul­la pas­se­rel­la. «In fon­do», ha scrit­to Ro­bin Gi­v­han sul “Po­st”, «Sli­ma­ne non è qui per ri­sol­ve­re tutti i vo­stri pro­ble­mi, ma per dar cor­po a una vi­sio­ne. I vo­stri pro­ble­mi, por­ta­te­li dall’ana­li­sta». E Ana­bel Mal­do­na­do, su “The Bu­si­ness of Fa­shion”: «Ab­bia­mo esa­ge­ra­to. Ri­schia­mo di ca­stra­re la crea­ti­vi­tà, oltre che un set­to­re im­por­tan­te del mer­ca­to». E an­co­ra: «Tan­te di noi qual­che vol­ta han­no in­dos­sa­to con pia­ce­re una mi­ni­gon­na». Sli­ma­ne rin­gra­zia per que­sta pub­bli­ci­tà in­spe­ra­ta, e di­ce che non è fi­ni­ta qui. Qual­cu­no si chie­de: per­ché, in­ve­ce di con­ti­nua­re a fa­re se stes­so, non fa un mar­chio suo? Que­sto sem­bra già un que­si­to più in­te­res­san­te ri­spet­to al di­bat­ti­to tra fem­mi­ni­ste in­fa­got­ta­te o sexy, co­mun­que al­to­spen­den­ti. “Aspic” po­treb­be es­se­re un bel­lis­si­mo no­me per un brand.•

«Il confronto con Trump è op­por­tu­ni­sti­co, piut­to­sto gros­so­la­no e co­mi­co. E poi le donne che ve­sto io so­no li­be­re di far­lo co­me vo­glio­no. O for­se non so­no più au­to­riz­za­te a met­te­re una mi­ni­gon­na?».

Qui e in aper­tu­ra. I ma­ni­fe­sti del­le nuo­ve cam­pa­gne di Ce­li­ne a Lon­dra e a Pa­ri­gi sui qua­li i no­stal­gi­ci han­no ri­mes­so a ma­no l’ac­cen­to acu­to sul­la pri­ma E.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.