met­ten­do­ci la fac­cia,

Il suo vi­so è la te­la, In­sta­gram la sua gal­le­ria idea­le. DAIN YOON, pit­tri­ce e ma­ke-up ar­ti­st, rea­liz­za ope­re vi­sio­na­rie, trom­pe-l’oeil di­gi­ta­li in cui le emozioni pren­do­no vi­ta.

VOGUE (Italy) - - CONTENT - di Sa­mi­ra La­rou­ci

La bel­lez­za su In­sta­gram è un tri­pu­dio di ma­ke-up tu­to­rial e in­sta-gu­ru di va­rio ge­ne­re. Niente pe­rò è pa­ra­go­na­bi­le ai po­st di Dain Yoon. Chia­ma­re la 25en­ne co­rea­na sem­pli­ce­men­te truc­ca­tri­ce è fuor­vian­te: ba­sta sfo­glia­re il suo ac­count (che og­gi con­ta 394k di fol­lo­wers) per ri­ma­ne­re col­pi­ti dal­le sue ope­re vi­sio­na­rie. Mi­xan­do la tec­ni­ca del­la bo­dy paint a me­ti­co­lo­se stra­ti­fi­ca­zio­ni di ma­ke-up, crea sui suoi sel­fie de­gli straor­di­na­ri trom­pe-l’oeil alla Cin­dy Sher­man. «Di­pin­ge­re mi è sem­pre pia­ciu­to, sin da quan­do ero mol­to gio­va­ne. E, in tut­ta fran­chez­za, è sem­pre sta­to quel­lo che mi ve­ni­va meglio», di­ce Yoon, che ha fre­quen­ta­to una scuo­la d’ar­te a Seoul, di­plo­man­do­si con il mas­si­mo dei vo­ti. «Ho stu­dia­to sce­no­gra­fia e ho avu­to la pos­si­bi­li­tà di rea­liz­za­re ma­ke-up tea­tra­li, truc­can­do gli at­to­ri e fir­man­do bo­dy art. Ma sen­ti­vo mol­to forte l’esi­gen­za di con­cen­trar­mi su un pro­get­to per­so­na­le, che non fa­ces­se par­te di un’ope­ra di qual­cun altro. Co­sì ho ini­zia­to a spe­ri­men­ta­re di­pin­gen­do sui cor­pi del­le mo­del­le. Più tar­di, ho de­ci­so di la­vo­ra­re sul mio vol­to: il vi­so è la par­te del cor­po più im­pat­tan­te, la “zo­na” do­ve si espri­mo­no anche le emozioni più de­li­ca­te». La rea­liz­za­zio­ne del­le sue ope­re ri­chie­de da 3 a 12 ore di la­vo­ro e, so­li­ta­men­te, i po­st ri­ce­vo­no 80 mila li­ke: se il suo vi­so e il cor­po so­no la te­la, In­sta­gram è la sua gal­le­ria idea­le. «Il pa­no­ra­ma dei me­dia è in ra­pi­da evo­lu­zio­ne e quan­do le mie ope­re so­no di­ven­ta­te vi­ra­li sui so­cial, non vo­le­vo pe­rò che quel suc­ces­so fos­se un epi­so­dio iso­la­to. D’al­tron­de so­no una per­so­na rea­le che vi­ve nel mon­do rea­le: In­sta­gram per me è un mez­zo po­ten­tis­si­mo, ma non è In­sta­gram a de­ci­de­re quel­lo che fac­cio con la mia ar­te e nel­la vi­ta». Co­sì, da quan­do Yoon ha re­so pub­bli­co il suo la­vo­ro nel mag­gio del 2016, ha cer­ca­to di al­ter­na­re l’at­ti­vi­tà on e of­fli­ne. A ot­to­bre 2017 è sta­ta anche ospi­te di The El­len DeGe­ne­res Show – ap­pa­ri­zio­ne tv che ha avu­to 10 mi­lio­ni di vi­sua­liz­za­zio­ni su You­Tu­be – e l’even­to ha raf­for­za­to la sua vi­si­bi­li­tà se­gnan­do an­co­ra di più la dif­fe­ren­za tra lei e gli al­tri ar­ti­sti il­lu­sio­ni­sti che la­vo­ra­no solo nel­le co­mu­ni­tà on­li­ne. «La mag­gior par­te dei miei la­vo­ri con­fon­de chi li guar­da pro­po­nen­do im­ma­gi­ni sur­rea­li che si so­vrap­pon­go­no a pro­spet­ti­ve di­stor­te: per que­sto amo chia­ma­re la mia ar­te “il­lu­sio­ni­sta”». No­no­stan­te la vi­ra­li­tà del­le ope­re di Yoon, la sua più gran­de aspi­ra­zio­ne (co­me d’al­tron­de per la mag­gior par­te de­gli ar­ti­sti) è su­sci­ta­re emozioni rea­li e non solo ave­re un suc­ces­so di­gi­ta­le. Im­pre­sa che su In­ter­net è si­cu­ra­men­te più dif­fi­ci­le da ot­te­ne­re, so­prat­tut­to at­tra­ver­so un mez­zo non con­ven­zio­na­le per l’ar­te co­me i sel­fie. Ma usan­do se stes­sa e il suo vi­so co­me me­dium ar­ti­sti­co, l’ar­ti­sta co­rea­na rie­sce a tra­smet­te­re qual­co­sa di più pro­fon­do di quan­to emer­ge la pri­ma vol­ta che si guar­da­no le sue crea­zio­ni. «L’ispi­ra­zio­ne na­sce dal­le mie sen­sa­zio­ni, sia fi­si­che che emo­ti­ve. Quan­do ero mol­to gio­va­ne e i miei ge­ni­to­ri, la­vo­ran­do tutto il gior­no, mi la­scia­va­no spes­so da so­la, ave­vo tem­po a di­spo­si­zio­ne per ri­flet­te­re. Seb­be­ne tutti pro­vi­no emozioni, so­no sem­pre sta­ta una per­so­na iper­sen­si­bi­le. Co­sì, quan­do ho ini­zia­to a di­pin­ge­re su te­la o su car­ta, mi sem­bra­va nor­ma­le che i miei sog­get­ti pre­fe­ri­ti fos­se­ro pro­prio il rapporto tra le per­so­ne e le emozioni». •

«Ho ini­zia­to di­pin­gen­do sui cor­pi del­le mo­del­le. Poi so­no

pas­sa­ta a me stes­sa. La­vo­ro sui

sel­fie per­ché il vi­so è la par­te più im­pat­tan­te e la “zo­na” do­ve

si espri­mo­no anche le emozioni

più de­li­ca­te».

Ali­ce in Won­der­land Syn­dro­me, un’ope­ra del­la ma­ke-up ar­ti­st e pit­tri­ce co­rea­na Dain Yoon. Na­ta a Seoul 25 an­ni fa, si è lau­rea­ta in Sta­ge De­si­gn alla Ko­rea Na­tio­nal Uni­ver­si­ty of Arts.

L’Heu­re en­tre Chien et Loup, ope­ra di Dain Yoon rea­liz­za­ta di­pin­gen­do su stam­pa fo­to­gra­fi­ca, sen­za uti­liz­zo di Pho­to­shop. L’ar­ti­sta ha par­te­ci­pa­to a un’esi­bi­zio­ne col­let­ti­va a Lon­dra e rea­liz­za­to tre per­so­na­li a Seoul.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.