GREY IS THE NEW PINK

VOGUE (Italy) - - MAKE-UP - Ñ di VE­RO­NI­CA CRI­STI­NO

La po­po­la­zio­ne mon­dia­le sta in­vec­chian­do. Ma gli ste­reo­ti­pi sull’AGING so­no cam­bia­ti: i ca­pel­li bian­chi so­no per­si­no di mo­da e le ru­ghe non si na­scon­do­no più. Quin­di chi è da con­si­de­rar­si “an­zia­no” og­gi? Se lo chie­de una mo­stra. E tan­ti brand beau­ty.

Vo­ce del ver­bo ab­brac­cia­re. Non in sen­so fi­si­co, ma fi­gu­ra­to. Ac­co­glie­re, fa­re pro­prio, ac­cet­ta­re, sen­za l’ac­ce­zio­ne ne­ga­ti­va del­la ras­se­gna­zio­ne. In in­gle­se si di­ce em­bra­ce e ren­de per­fet­ta­men­te l’idea del nuovo ap­proc­cio all’aging che si sta dif­fon­den­do. In una so­cie­tà do­ve l’in­vec­chia­men­to de­mo­gra­fi­co è in crescita (nel 2050 il 21% del­la po­po­la­zio­ne mon­dia­le, 1 per­so­na su 5, sarà over 60, se­con­do l’Oms) e l’aspet­ta­ti­va di vi­ta au­men­ta ogni anno (se­con­do l’Mpi for De­mo­gra­phic Re­sear­ch), è evi­den­te che l’in­vec­chia­men­to non ri­guar­di più solo il sin­go­lo in­di­vi­duo, ma sia di­ven­ta­to di in­te­res­se pub­bli­co, con im­pli­ca­zio­ni nel­la sfe­ra so­cia­le, po­li­ti­ca, cul­tu­ra­le e anche co­sme­ti­ca.

Il Ger­man Ageing Sur­vey ha ri­por­ta­to co­me ne­gli ul­ti­mi de­cen­ni la sa­lu­te fi­si­ca de­gli an­zia­ni sia mol­to mi­glio­ra­ta. «L’aspet­ta­ti­va di vi­ta più al­ta è do­vu­ta non solo ai pro­gres­si del­la me­di­ci­na e alle mi­glio­ri con­di­zio­ni di vi­ta, ma anche alla lo­ro at­ti­tu­di­ne più po­si­ti­va e alla mi­nor paura di es­se­re emar­gi­na­ti nel­la so­cie­tà», ha di­chia­ra­to Ali­ce Pa­w­lik, cu­ra­tri­ce del­la mo­stra “Grey Is the New Pink - Mo­men­ts of Ageing” al Wel­t­kul­tu­ren Mu­seum di Fran­co­for­te (fi­no all’1/9/19) che si in­ter­ro­ga sul­la sfida di af­fron­ta­re l’in­vec­chia­men­to con ot­ti­mi­smo. Per far­lo, par­te dal ca­pi­re chi pos­sia­mo con­si­de­ra­re vec­chio in que­sto mo­men­to sto­ri­co, do­ve la ter­za età è ben di­ver­sa dagli ste­reo­ti­pi che l’han­no a lun­go ca­rat­te­riz­za­ta. Non esi­ste un con­cet­to glo­ba­le di “old”, quin­di chi, do­ve e quan­do è vec­chio og­gi? Per cer­ca­re di ri­spon­de­re, la mo­stra rac­con­ta di­ver­si mo­di di af­fron­ta­re l’in­vec­chia­men­to, con un’an­to­lo­gia di ope­re che esplo­ra­no te­ma­ti­che dell’età avan­za­ta co­me lo sti­le di vi­ta, l’amo­re, il ses­so, la sa­lu­te, la ma­lat­tia e ov­via­men­te anche la bel­lez­za. Fo­to­gra­fie, vi­deo, di­se­gni e stu­di si al­ter­na­no in un per­cor­so geo­gra­fi­ca­men­te tra­sver­sa­le. Ne emer­ge una nuo­va per­ce­zio­ne so­cia­le dell’in­vec­chia­men­to. Fi­no a qual­che anno fa l’an­zia­ni­tà ave­va un con­no­ta­to anche este­ti­co ne­ga­ti­vo nell’opi­nio­ne pub­bli­ca, ca­rat­te­riz­za­ta da sen­so di per­di­ta e de­cli­no. As­si­stia­mo ora in­ve­ce a un pro­ces­so in­ver­so: i nuovi “an­zia­ni at­ti­vi”, co­me li ha de­fi­ni­ti l’Oms, si so­no li­be­ra­ti dei pre­con­cet­ti che li re­le­ga­va­no a pe­si per la so­cie­tà e han­no la jo­ie de vi­vre, so­no in for­ma, si go­do­no la vi­ta, in una rin­no­va­ta serenità, da­ta dal ri­co­no­sci­men­to di un ruo­lo in fa­mi­glia e in co­mu­ni­tà. Co­sì non è un ca­so, per esem­pio, che da al­cu­ne sta­gio­ni, i ca­pel­li bian­chi sia­no di­ven­ta­ti di ten­den­za. E se chi li ha già smet­te di tin­ger­se­li, chi non li ha si sot­to­po­ne a este­nuan­ti pro­ces­si di de­co­lo­ra­zio­ne pur di ot­te­ne­re il bian­co de­si­de­ra­to.

Per­se­gui­re un buon in­vec­chia­men­to per ot­te­ne­re la mi­glior aspet­ta­ti­va di vi­ta è il te­ma ana­liz­za­to in­ve­ce da Dan Buett­ner, stu­dio­so e au­to­re di be­st sel­ler sul­le “blue zo­nes”, le aree del mon­do più lon­ge­ve. Tra di es­se anche la Sar­de­gna e la co­sa non sor­pren­de. L’Ita­lia è in­fat­ti il paese più lon­ge­vo al mon­do do­po il Giap­po­ne, se­con­do l’Istat. «Il Da­ni­sh Twin Stu­dy», rac­con­ta Buett­ner al Glo­bal Well­ness Sum­mit 2018 «ha di­mo­stra­to che la

lon­ge­vi­tà di­pen­de solo per il 20% dai ge­ni e per l’80% dal­lo sti­le di vi­ta». Quest’in­for­ma­zio­ne non po­te­va che ave­re ri­per­cus­sio­ni anche a li­vel­lo co­sme­ti­co. Se l’aging del­la pel­le di­pen­de più dal li­fes­ty­le che dagli an­ni che pas­sa­no le for­mu­le e i con­cept si de­vo­no ade­gua­re. Co­sì il nuovo at­teg­gia­men­to dei brand non si con­cen­tra più stret­ta­men­te sul­la lot­ta contro i se­gni dell’età, ma pro­po­ne vi­sio­ni più oli­sti­che. Non è un ca­so che si parla di trat­ta­men­ti “slow age” e di “ch­ro­no beau­ty” (ter­mi­ne co­nia­to dal brand giap­po­ne­se Kanebo): co­sme­si, cioè, che pun­ta ad aiu­ta­re le donne ad ave­re la mi­glior pel­le pos­si­bi­le a ogni età. Più quin­di dei rit­mi ana­gra­fi­ci, con­ta­no quel­li cir­ca­dia­ni, men­si­li e sta­gio­na­li. «Bi­so­gna sen­tir­si be­ne con la pro­pria pel­le, per of­frir­le ciò di cui ha bi­so­gno in ogni fase. È la con­sa­pe­vo­lez­za che ci per­met­te di in­vec­chia­re meglio pre­ve­nen­do e ri­tar­dan­do i se­gni del tem­po. Per trop­pi an­ni non è sta­to con­sen­ti­to mo­strar­ci per quel­lo che siamo, pro­po­nen­do di ade­guar­ci a idea­li ir­rea­li», di­ce Flo­ran­na Cas­sa­no, trai­ning ma­na­ger Kanebo. Ades­so in­ve­ce qual­co­sa sta cam­bian­do. E, oltre ai ca­pel­li bian­chi, pri­ma o poi c’è da scom­met­te­re che sa­ran­no di ten­den­za anche le ru­ghe. •

Ver­fle­ch­tung un’im­ma­gi­ne del­la fo­to­gra­fa te­de­sca Lia Lau­kant espo­sta alla mo­stra GreyIs the New Pink, al Wel­t­kul­tu­ren Mu­seum di Fran­co­for­te dal 26/10 all’1/09/19. All’espo­si­zio­ne è de­di­ca­to un li­bro fo­to­gra­fi­co di Ali­ce Pa­w­lik, cu­ra­tri­ce del­la mo­stra (Ker­ber, 240 pa­gi­ne). A de­stra, un ri­trat­to di Maye Mu­sk, 70 an­ni, mo­del­la non­ché ma­dre di Elon, fon­da­to­re di Te­sla.

In Ita­lia ci so­no 168,7 an­zia­ni ogni 100 giovani e, per la pri­ma vol­ta dal 1861, di­ce l’Istat, gli over 60 so­no più nu­me­ro­si de­gli un­der 30. L’aging è dun­que un te­ma cru­cia­le. Con ri­per­cus­sio­ni a li­vel­lo so­cia­le, cul­tu­ra­le. E co­sme­ti­co.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.