Sì do­ve dir­si

VOGUE Sposa - - URBAN WEDDING -

Ci so­no cit­tà dal fa­sci­no squi­si­ta­men­te con­tem­po­ra­neo, al­tre che par­la­no di sto­ria e ar­te, al­tre an­co­ra che ri­ser­va­no an­go­li ina­spet­ta­ti e pie­ni di sug­ge­stio­ne: Mi­la­no è tut­to que­sto, ba­sta la­sciar­si gui­da­re dal col­po di ful­mi­ne e sce­glie­re la lo­ca­tion che vi per­met­te­rà di guar­da­re la cit­tà da un pun­to di vi­sta nuo­vo!

Se vo­le­te sen­tir­vi come prin­ci­pes­se nel cuo­re del­la ca­pi­ta­le del­la mo­da, il po­sto giu­sto è l’Ho­tel Prin­ci­pe di Sa­vo­ia, che al sì of­fre nu­me­ro­sis­si­me pos­si­bi­li­tà. L’idea per­fet­ta è la­sciar­si coc­co­la­re dal­la cucina raf­fi­na­tis­si­ma del­lo chef Fa­bri­zio Ca­dei pres­so il ri­sto­ran­te Acan­to. E poi, non fa­te­vi scap­pa­re l’op­por­tu­ni­tà di tra­scor­re­re qui la pri­ma not­te di noz­ze, re­ga­lan­do­vi un sog­gior­no in una del­le più bel­le sui­te, da do­ve po­tre­te guar­da­re i tet­ti del­la cit­tà. De­si­gn, ar­te e spi­ri­to con­tem­po­ra­neo so­no gli in­gre­dien­ti per un par­ty fuori dal­le righe, in una lo­ca­tion so­fi­sti­ca­tis­si­ma che la­scia brin­da­re guar­dan­do il Duo­mo. Un ser­vi­zio di wed­ding plan­ning vi aiu­te­rà a sce­glie­re la so­lu­zio­ne più adat­ta al­la festa che ave­te in men­te, dall’ape­ri­ti­vo pres­so il loun­ge bar al ban­chet­to in uno dei due raf­fi­na­ti ri­sto­ran­ti. E per ar­ri­va­re in per­fet­ta for­ma, con­ce­de­te­vi una gior­na­ta nel­la spa dell’al­ber­go, la più gran­de del­la cit­tà.

De­si­de­ra­te un ri­ce­vi­men­to con mol­ti in­vi­ta­ti? L’idea per­fet­ta è la Sa­la dei Giardini di Pa­laz­zo Pa­ri­gi, una bel­lis­si­ma ball­room de­co­ra­ta a ma­no e il­lu­mi­na­ta da ve­tra­te af­fac­cia­te sul­la ter­raz­za con ac­ces­so al giar­di­no se­co­la­re. La sa­la è an­che mo­du­la­bi­le e può es­se­re sud­di­vi­sa in tre di­ver­si spa­zi più rac­col­ti: la Sa­la del Ca­mi­no (con un mae­sto­so ca­mi­no ot­to­cen­te­sco), la Sa­la del Terrazzo e la Sa­la Por­ta Nuo­va. Il giar­di­no, ca­rat­te­riz­za­to da al­be­ri se­co­la­ri e da una fon­ta­na all’ita­lia­na, è idea­le per chi an­che in cit­tà de­si­de­ri un par­ty (in­ti­mo) all’aper­to. Al­tro sky­li­ne d’ec­ce­zio­ne è quel­lo of­fer­to dal­le terrazze del Ce­re­sio 7, al quar­to pia­no del­lo sto­ri­co pa­laz­zo dell’Enel, ora del grup­po Dsquared2: un luogo per­fet­to per chi ama l’in­con­tro di mo­da, cucina d’au­to­re (lo chef è Elio Si­ro­ni) e de­si­gn d’ispi­ra­zio­ne Fif­ties, con pez­zi ori­gi­na­li e spa­zi di­se­gna­ti da­gli sti­li­sti Dean e Dan. Il pun­to for­te? Le due terrazze con pi­sci­na, che vi re­ga­la­no una ve­du­ta di Mi­la­no ir­re­si­sti­bi­le. Ecco una lo­ca­tion dall’ani­ma mon­da­na, ma pro­fon­da­men­te ra­di­ca­ta nel­la sto­ria di Mi­la­no. Qui tro­va­re la giu­sta so­lu­zio­ne per fe­steg­gia­re non è dif­fi­ci­le: da un par­ty in­ti­mo nel­la Sa­la Verdi a una festa per mol­ti ne­gli spa­zi del­le sa­le Puc­ci­ni e Gior­da­no. Per chi ama l’Ope­ra, sa­rà ir­re­si­sti­bi­le un ban­chet­to se­ra­le al Ri­sto­ran­te Don Car­los, mentre per una festa in­for­ma­le il top è il giar­di­no d’inverno del bar ri­sto­ran­te Caruso.

Bo­sco­lo Ho­tel grand Ho­tel et de mi­lan

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.